di Alessia Schiavone

La leggendaria famiglia Tanzi, il cui nome continua a riecheggiare in tutta Bari
BARI – E’ stata la famiglia più ricca di Bari prima dell’Unità d’Italia e il suo nome continua a riecheggiare in tanti posti e luoghi della città. Parliamo dei Tanzi, dinastia nobiliare originaria di Blevio, comune in provincia di Como, giunta a Bari nei primi anni del XVI secolo al seguito della “duchessa sovrana di Bari” Isabella d'Aragona.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Se ad esempio si decide di visitare il Museo Civico cittadino, ci si accorgerà come la maggior parte delle opere e dei cimeli lì presenti (quadri ad olio con i ritratti degli antenati, documenti antichi, armi) sono appartenuti proprio ai Tanzi, da loro donati nel 1935. Così come se ci si sofferma per le vie del centro storico, in strada Palazzo di Città, sarà difficile non notare l’imponente palazzo nobiliare con lo stemma e il nome della famiglia lombarda. Ma ancora, Torre di Reddito, una delle 14 antiche masserie di Bari, che si trova al confine con Triggiano su strada Crocifisso, era proprietà dei Tanzi. E poi c'è chi addirittura sostiene che nella Basilica di San Nicola siano stati seppelliti alcuni suoi membri.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Insomma nei nostri viaggi nei meandri di Bari, ci siamo spesso imbattuti nel nome di questa leggendaria famiglia, anche se, a dirla tutta, non è stato per niente facile risalire alle sua storia.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Sappiamo però che il più rinomato dei Tanzi fu Carlo, che dopo essere diventato sindaco di Bari nel 1808 pare abbia firmato la prima bozza di ampliamento del borgo murattiano nel prestigioso salone del palazzo al numero 54 di strada Palazzo di Città, quello in cui attualmente risiedono due delle eredi della famiglia: la 50enne Matilde Aurora e sua madre, l'87enne Giuseppina Calabrese.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Quell’edificio è l'unico testimone dell'enorme patrimonio che i miei avi possedevano – sottolinea Matilde Tanzi -. Con l'Unità d'Italia e con i Savoia furono infatti costretti a vendere gran parte dei loro possedimenti. Tra l'altro oggi il palazzo non è nemmeno più tutto nostro. Negli anni infatti i vari spazi sono stato venduti e a mio padre Italo Camillo Arturo è spettato solo il piano nobile, il cui salone un tempo ospitava balli ed era sede di importanti eventi»

 
Noi in quel palazzo di famiglia siamo riusciti a entrarci (vedi foto galleria). A segnare l'aurea di nobiltà del luogo, c’è un portone d'ingresso dotato di una spaziosa cornice, sulla quale sono raffigurati i profili dei mitici personaggi Japige e Barione che, secondo la leggenda, fondarono e ampliarono la città. Fra i due medaglioni campeggia invece una scritta augurale in latino dedicata all'ospitalità. Una volta attraversato l'elegante cortile, caratterizzato da tre alti fornici sormontati da un loggiato, si raggiunge il primo piano, quello appartenente ancora ai Tanzi. E' impossibile non riconoscerlo: la porta d'ingresso è protetta ancora dal prezioso stemma di famiglia.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.
 
A farci gli onori di casa è la signora Giuseppina Calabrese Tanzi che con fierezza ci mostra ciò che rimane di una nobiltà ormai decaduta. Il famoso salone, di cui raccontava Matilde, racchiude in una sola stanza i vecchi tesori di famiglia, che ci riportano indietro di duecento anni. Compongono l’arredamento sedie e poltrone color verde oliva impreziosite con una decorazione floreale, piccoli tavoli rotondi vestiti di nobiltà e vetrinette ornate con pezzi di ceramica.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Come sfondo, l'esile figura della padrona di casa che, calpestando avanti e indietro il pavimento a scacchi dai colori leggermente sbiaditi, ci illustra con eloquenza l'identità degli antenati raffigurati nei ritratti che ricoprono le pareti perfettamente in linea con il resto dell'ambiente.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.
 
«Perché a Bari - tiene a ribadire Giuseppina prima di lasciarci- ci sono tanti Tanzi, ma gli  “originali” siamo solo noi e un'altra famiglia: i Di Cosola. Gli unici che discendiamo direttamente da coloro che sono arrivati cinquecento anni fa da Blevio».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

* con la collaborazione di Mina Barcone

(Vedi galleria fotografica di Gennaro Gargiulo)

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Alessia Schiavone
Scritto da

Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved