di Eva Signorile

Bari, l'affascinante scenario apocalittico delle ex acciaierie Scianatico: le foto
BARI – Può una fabbrica abbandonata nascondere al suo interno una bellezza fuori dal comune? La risposta è sì, se si prova a entrare nelle ex acciaierie Scianatico, situate tra via Napoli e via Ammiraglio Caracciolo.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Parliamo di una fabbrica siderurgica di fine anni 30 dismessa definitivamente nel 1994, delimitata da un lungo muro perimetrale in pietra che nasconde tre capannoni dai tetti triangolari e su cui spuntano alte ciminiere. Da 21 anni giace lì abbandonata, anche se un progetto approvato nel 2010 dal Comune prevede in quell’area la costruzione di edifici abitativi e commerciali e soprattutto la riqualificazione di una parte della vecchia struttura.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Noi siamo entrati in quel che resta del complesso sfruttando un ingresso laterale: lo stretto spazio tra un cancello secondario e i cardini che lo reggono, ci ha permesso di intrufolarci oltre quella che abbiamo scoperto essere una prima recinzione. E ciò che abbiamo trovato all’interno ci ha lasciato a bocca aperta. (Vedi foto galleria)

Edifici, strutture portanti, resti di macchinari ormai rosi dal tempo e dalla ruggine, ma dove una vegetazione invadente sembra che abbia pian piano preso il sopravvento, con il muschio che copre come un tappeto tutte le zone in cui i raggi del sole arrivano a fatica. Qui le uniche padrone sembrano le piante e le lamiere sembrano tenute insieme dalle rampicanti che regnano incontrastate.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Il primo capannone è dominato dalla presenza di una specie di vasca circolare e interrata con dentro dell'acqua, residuo forse delle ultime piogge. Ovunque solo grandi macchinari ormai fermi, cemento, zone allagate, vegetazione incontrollata, avvisi che nessuno più leggerà e qualche sospetto fruscìo su cui preferiamo non indagare. A sorpresa, ci si para innanzi un'edicola votiva, priva però della sua statuina.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


L'edificio adiacente è un lungo capannone rettangolare percorso tutt'intorno da file di finestre poste in alto. Il pavimento è solcato da due binari. E' il regno del muschio. Il terzo edificio è sempre a pianta rettangolare e con il soffitto a botte. Una delle pareti è interamente percorsa da enormi finestroni che lasciano filtrare la luce autunnale. Sulle nostre teste ci sono ancora le vecchie carrucole. Qui c'erano forse gli uffici: lo deduciamo dalla presenza di numerosi faldoni.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Guardandosi intorno si ha la sensazione assurda che tutto sia stato lasciato qui in grande fretta, come se la zona fosse stata abbandonata all'improvviso, idea forse suggerita dalle immagini di vita quotidiana che ci colpiscono e che sembrano rimaste lì, congelate in istante infinito: berretti da lavoro e attrezzi lasciati per terra, armadietti per il cambio spalancati, documenti gettati alla rinfusa, persino un poster del calciatore Ruud Gullit. E poi santini e un vecchio calendario datato 1994. 

Sembra di camminare in uno scenario apocalittico (seppur affascinante), di essere in uno di quei film che parlano di un futuro distopico in cui l'umanità è ridotta a pochi esemplari e la natura più selvaggia può finalmente riprendersi ciò che le era stato tolto.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

*con la collaborazione di Salvatore Schirone

(Vedi ampia galleria fotografica di Gennaro Gargiulo)

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Eva Signorile
Scritto da

Lascia un commento
  • Luca - Anche Vitone ha fatto un video al riguardo a ottobre.... cosa ne pensate? https://www.facebook.com/angolodiVITONE/videos/vl.903505983063132/1479017855736652/?type=1
  • saverio sciacovelli - Seguo sempre con molto interesse le vostre inchieste e mi piace moltissimo essere aggiornato sugli avvenimenti passati e presenti della nostra città. Grazie per il lavoro che fate per noi . Vi invito a correggere il nome della strada; via Ammiraglio Francesco Caracciolo.
  • BARINEDITA - Grazie mille per la segnalazione Saverio e grazie per i suoi complimenti, li accettiamo con sommo piacere. Saluti e continui a seguirci.
  • Filli - Che peccato, un tempo era una "bella" fabbrica, nel senso che aveva tanti lavoratori e questo stato di abbandono è molto triste.

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved