di Nicola Imperiale

Gioia, il centro polifunzionale Le Torri: 20mila metri quadri di degrado
GIOIA DEL COLLE – Un’area di 20mila metri quadrati complessivi, con un parcheggio di 400 posti e decine di locali posti su un’enorme struttura di due piani. E’ l’ex Centro Polifunzionale “Le Torri” di Gioia del Colle, “ex” perché di fatto non è mai entrato in funzione e giace da anni in completo stato di abbandono. Le stanze vuote, i cancelli e le vetrate rotte, le impalcature abbattuate dal vento, le assi di legno inchiodate alla ben meglio sulle porte, sono solo alcuni dei simboli di questo complesso di cemento “fantasma”. (Vedi foto galleria)

Locali che di sera diventano alloggi di fortuna per clochard e balordi che lasciano i segni della loro presenza con scritte sui muri e immondizia sul pavimento. Durante il giorno invece quegli stessi negozi sono il luogo dove si danno appuntamento i bambini per giocare: non è raro vedere gruppi di minorenni salire in bicicletta sul lungo corridoio che porta fino al primo piano per perdersi nel buio di quegli stessi locali. Sembra assurdo, ma in mezzo a tanto degrado e abbandono nessuno ha mai pensato di mettere un lucchetto al piccolo cancello bianco al primo piano e neppure sono stati mai affissi cartelli riportanti la scritta “divieto d’accesso”.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

La storia edilizia di questa struttura è così intricata da far sfigurare quella del complesso edilizio barese di Punta Perotti. Grazie allo studio degli atti pubblici e del supporto tecnico dell’ex consigliere comunale Donato Lucilla, siamo riusciti a spiegare almeno in parte i motivi di tale abbandono.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Tutto inizia con le concessioni edilizie rilasciate nel 2002 dal Comune di Gioia del Colle (all’epoca il sindaco era Sergio Povia al suo secondo mandato). Le autorizzazioni prevedevano originariamente la realizzazione di un centro polifunzionale che avrebbe integrato una struttura di natura commerciale con una serie di attività di interesse pubblico rientranti nell’ambito dello sport e del benessere, quali pista di pattinaggio, centro benessere, centro danza. Attività però che non sono mai state realizzate.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Nel 2004 si dava un ulteriore slancio alle “Torri”: il Comune (sindaco Vito Mastrovito), rilasciava un permesso per incrementare le strutture, aumentando il numero di negozi e concedendo altre licenze commerciali. Di fatto veniva ufficializzata la vocazione commerciale del centro (a discapito di quella di interesse pubblico), cosa che non piacque ai negozianti della zona, intimoriti dalla probabile concorrenza del Centro. Questo ampliamento andava poi a superare i limiti consentiti dalle zone urbanistiche F1 e F2 dove è posto il complesso, cioè falsava quello che era stato predisposto nel Piano Regolatore Generale, che prevedeva precisi criteri per assegnare alcune aree ai servizi di quartiere e al verde.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Per farla breve, da quel momento in poi il Comune fu travolto da un fiume di ricorsi che bloccarono di fatto l’apertura delle Torri. Fino a quando nel 2009 l’amministrazione cittadina (sindaco Piero Longo), decise di autorizzare l’apertura di un “centro commerciale di interesse locale”, cambiando di fatto l’indirizzo edilizio del complesso. Cioè veniva mantenuta la natura commerciale, ma dando spazio a imprese del posto, di Gioia del Colle. E quindi a parte un supermercato Coop (attualmente attivo), furono aperti un negozio di abbigliamento, un bar, una profumeria e altre piccole attività.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Sembrava finalmente arrivato il momento della rinascita del Centro, ma fatto sta che contro ogni previsione tutti i negozietti fallirono nel giro di pochi anni. E non furono mai sostituiti da altre attività, visto che la soluzione pensata dal Comune non incontrò il favore del Consiglio di Stato, che con ben quattro sentenze sfavorevoli annullò tutti i permessi di costruzione e tutte le autorizzazioni commerciali (stabilendo anche la demolizione dei locali nati dalla autorizzazioni edilizie del 2004).Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Nel 2012 il candidato sindaco Sergio Povia (poi rieletto per il terzo mandato), prometteva un impegno personale per risolvere la vicenda delle Torri.  Peccato che nel febbraio di quest’anno lo stesso sindaco e altri otto funzionari pubblici siano stati arrestati per reati contro la pubblica amministrazione. Di conseguenza oggi il Comune di Gioia del Colle è commissariato e nessun provvedimento risolutorio potrà essere intrapreso prima delle prossime elezioni nel 2016.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Risultato: dopo 13 anni di scontri politici e legali, dell’enorme complesso “Le Torri” resta funzionante solo la parte riguardante il supermercato Coop, che potrebbe comunque chiudere a breve visto che gli sono state annullate le licenze commerciali. Il resto del centro è abbandonato a sè stesso ed è a rischio demolizione. Uno spreco di denaro pubblico, l’ennesima promessa non mantenuta.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica)

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Nicola Imperiale
Scritto da

Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved