di Marco Giannino

Bari, sotto il Fortino c'è una chiesa: antica, sconosciuta e abbandonata
BARI – L’abbiamo scoperta per caso. Passeggiando sul lungomare di Bari e costeggiando le alte mura del Fortino, ci siamo accorti dell’esistenza di una piccola finestra scavata nella Muraglia: una fessura posizionata appena sopra il marciapiede e protetta da sbarre in ferro. La domanda a quel punto è sorta spontanea: cosa ci sarà mai al di là di quella finestra? «Una piccola e antichissima chiesa», è stata la riposta del custode del Fortino, che ci ha accompagnato alla scoperta dei sotterranei del bastione costruito nel 1440 dal principe di Taranto e duca di Bari Giovanni Antonio del Balzo.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Entrando nel forte, nell’androne utilizzato per mostre e spettacoli, sulla sinistra c’è una tenda nera. Alzandola ci si ritrova davanti a qualche gradino, una scala che bisogna percorrere per andare giù. Ed eccola qui la chiesa (vedi foto galleria): il luogo è buio e l’unica fonte di luce deriva dalla finestrella descritta sopra. Gli ambienti sono due, uno spazio più grande e un corridoio dove ci sono alcune nicchie che forse un tempo ospitavano delle statue.  Il posto è umido e sul pavimento e sulle pareti cresce dell’erba, in fondo si tratta di uno spazio abbandonato e utilizzato come magazzino dove accatastare sedie e tavoli.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Un peccato, visto che, come afferma Don Francesco Micunco, collaboratore dell’Ufficio Beni Culturali Ecclesiastici, «la chiesa fu costruita nel 1440 assieme al resto del fortino, ma mentre il forte fu poi distrutto nel corso dei disordini del 1463 e riedificato tra il 1501 e il 1524 da Isabella D'Aragona, la cappella mantiene ancora il suo aspetto originario, visto che fu una delle poche strutture a non essere abbattuta. Rappresenta quindi una delle parti più antiche del fortino».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


La chiesa è dedicata a Sant'Antonio abate, che dà anche il nome al forte. E’ proprio in questa cappella, secondo la leggenda, che fu portata in salvo la statua lignea del santo che si trovava in una chiesa che fu sommersa dalle acque (storia che abbiamo descritto nell’articolo ''Monte rosso: nel mare di fronte al Fortino c'è una chiesa sommersa"). Ora la statua è custodita nella chiesa di Sant'Anna in via strada Palazzo di Città, dove si svolge il 17 gennaio la messa per la festa di "Sand’Andè", santo patrono degli animali domestici.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ma la messa prima si celebrava proprio nella chiesa sotto il Fortino. Ce lo conferma Franco Lanzolla, il parroco della Cattedrale di Bari. «In quella piccola cappella prima si svolgeva la messa e c’era la statua del santo – afferma il sacerdote -. Io sono stato uno degli ultimi a celebrarla, nel 1987. Poi sono arrivati i padri domenicani che hanno svolto questa funzione per altri 3-4 anni. E infine la chiesa è stata definitivamente chiusa».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Chiusa, abbandonata e dimenticata, nonostante la sua storia. Perché questa antica chiesa, che ha resistito alla sua distruzione seicento anni fa, non può fare nulla contro la “distrazione” culturale in cui versa, ora, la città di Bari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Scritto da

Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved