di Federica Calabrese

Torre a Mare, quella grotta che si affaccia sul porto: fu la casa del mitico Varvamingo
BARI – Una piccola grotta situata sul porticciolo di Torre a Mare che, seppur dimenticata e trascurata, conserva una storia leggendaria: quella del primo pescatore del borgo marinaro, il mitico Varvamingo. (Vedi foto galleria)

Domenico Daugenti, soprannominato Barbamingo o Varvamingo per via dell’imponente barba, era un uomo di Noicattaro che cinquecento anni fa, ogni giorno, percorreva dieci chilometri per andare a catturare pesci a Torre Pelosa. All’epoca l’attuale quartiere di Bari era pressochè disabitato, caratterizzato unicamente dall’omonima torre di avvistamento edificata per contrastare gli attacchi dei pirati.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Una volta conclusa la caccia tornava indietro, ripercorrendo la strada al contrario e prestando attenzione a non attardarsi sulla via per non rischiare di trovar le porte di Noicattaro sbarrate. Stanco però del suo errabondare, Varvamingo decise un giorno di stabilirsi definitivamente sul mare.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Scelse così una piccolo anfratto scavato nella roccia e affacciato nei pressi della foce di Lama Giotta, su un’insenatura che all’inizio del 900 verrà poi racchiusa da un molo andando a formare l’odierno porticciolo. Domenico passò lì il resto della sua vita, quasi come un eremita, pescando di giorno e riparando le reti di sera, senza più far ritorno in città.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Con il tempo in molti seguirono il suo esempio, stabilendosi in antiche grotte o piccoli trulli e facendo così nascere il nucleo di quello che sarebbe diventata Torre a Mare: un quartiere di Bari oggi caratterizzato da bar, ristoranti e “movida”.  

Nonostante siano passati secoli, la leggenda del “primo pescatore” aleggia ancora tra le vie del borgo, anche se la sua antica casa versa purtroppo in condizioni di assoluto degrado. Per visitarla basta affacciarsi sul porto  punteggiato di colorati gozzi, per andare poi a incamminarsi verso sinistra sulla banchina che ospita i rispostigli dei pescatori.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Superate le tante porticine azzurre, scorgiamo un cancello arrugginito: quello che dà accesso a una caverna inglobata nelle fondamenta del ristorante “Da Nicola”: l’antica abitazione di Varvamingo. Ci avviciniamo, notando sull’entrata un’edicola dedicata a San Nicola, la cui statuetta è protetta da un vetro impolverato.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Non abbiamo modo di entrare nell’anfratto, ma ci è facile scorgere attraverso le sbarre questa piccola grotta diventata una sorta di discarica. Dentro si trova di tutto: sedie, assi di legno, porte rotte, bottiglie di plastica. L’ambiente versa quindi in totale abbandono.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Eppure non è stato sempre così. Lo dimostrano i cavi divelti e tagliati presenti all’ingresso: segno di un’illuminazione una volta esistente. «Sì – conferma l’anziano pescatore Nicola – quel posto era utilizzato da noi come punto di ritrovo dopo le battute in mare, come omaggio a quel nostro primo compagno coraggioso. Lì conservavamo attrezzi e reti e custodivano il nostro pescato. E a turno facevamo ordine e pulivamo».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

E poi che è avvenuto? «La Guardia costiera – risponde un altro pescatore, il 60enne Domenico - ci ha vietato l’utilizzo della cavità e da allora lo spazio è stato abbandonato: non ci si può nemmeno avvicinare perché pullula di insetti ed è immerso nella sporcizia. Per non assistere a quello scempio quando tiriamo a secco le nostre barche le disponiamo lì davanti, per coprire la grotta. Purtroppo il ristorante a cui appartiene non fa nulla per restituirle una vita».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ma il proprietario di “Da Nicola” respinge le accuse. «La colpa non è nostra  - sottolinea  –. Quella grotta è stata valorizzata nel corso degli anni. La scultura del Patrono, che è in creta, l’abbiamo commissionata noi agli artigiani di Rutigliano. E non solo. Lì si celebravano anche delle messe: accorrevano tutti i pescatori e tra luci e rumori del mare, l’ambientazione era molto suggestiva. Poi però negli anni 90 è arrivato il nuovo parroco che ha vietato le celebrazioni. E da allora questo luogo leggendario ha cominciato pian piano a morire».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica)

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Federica Calabrese
Scritto da

Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved