di Katia Moro

Il reparto ''speciale'' del Policlinico di Bari: dove si accolgono i bambini prematuri
BARI – «Noi non ci sentiamo mai abbandonati: in qualunque ora del giorno e della notte c’è sempre qualcuno disponibile a fornirci informazioni sui nostri bambini ricoverati. E questo per noi rappresenta un grande sollievo». A parlare è una mamma di un piccolo nato tre mesi prima del tempo e accolto nel reparto di Terapia intensiva neonatale del Policlinico di Bari. E’ qui infatti che tutti i prematuri vengono sottoposti alle cure del caso. A volte si tratta solo di bambini che hanno avuto “fretta di nascere”, ma in altri casi purtroppo ci si trova di fronte a piccoli affetti da malattie o la cui estrema prematurità rischia di portarli persino alla morte.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

E’ evidente quindi che questo sia un “reparto speciale” che segue logiche completamente diverse delle altre cliniche dell’ospedale barese. E soprattutto questo è un reparto che funziona, a differenza di tanti altri dove la parola “malasanità” è all’ordine del giorno. Il segreto? Passione, professionalità e soprattutto umanità e presenza costante del primario, come invece purtroppo non accade sempre in altri reparti.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Questa è davvero una clinica fuori dall’ordinario – conferma la dottoressa Alessandra Foglianese -. E lo è prima di tutto perché vi è un direttore, il professor Nicola Laforgia, sempre presente. Lui garantisce un supporto e un controllo continui mantenendo coeso il personale e fornendo il buon esempio quotidiano».  «E comunque noi poi ci mettiamo del nostro a livello di impegno e forza di volontà - tiene a precisare la specializzanda Paola Piccarreta -.  Ci troviamo infatti davanti a una prospettiva ribaltata rispetto agli altri reparti: qui non esiste la logica del “timbrare il cartellino”, di difendere i nostri interessi. C’è solo una parola d’ordine ed è “sacrificio”».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Il reparto, rinnovato un anno e mezzo fa, consta di 8 posti in terapia intensiva (per i casi più gravi e i bambini appena nati), 15 in “sub-intensiva” (per i piccoli che sono prossimi alla dimissione) e 2 posti di isolamento (Vedi foto galleria). Rappresenta un punto di riferimento regionale per le cardiopatie congenite, per le patologie metaboliche e per asfissia neonatale.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

La squadra della terapia intensiva è formata da 12 medici (più qualche specializzando) e una trentina di infermiere oltre ad altre figure come psicologhe e puericultrici.  Un team che garantisce una cura costante ai piccoli pazienti, 24 ore su 24, e che segue linea comune, quella della “comunicazione”. I reparti ospedalieri sono infatti famosi per la mancanza di “tatto” da parte di medici e infermieri, spesso troppo “indaffarati” per avere la pazienza di preoccuparsi dello stato d’animo dei ricoverati e dei loro stretti congiunti. Qui invece il personale ha sempre una parola di conforto per i genitori e soprattutto fornisce con pazienza tutte le informazioni di cui mamma e papà hanno bisogno.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


«Il metodo di comunicazione e di approccio con i pazienti non fa parte degli insegnamenti del corso di studi di un medico - ci spiega il direttore della clinica, Nicola Laforgia - e invece è un elemento fondamentale in un reparto come il nostro. Il concetto di nascita viene istintivamente legato a quello di vita o gioia, ma in neonatologia spesso non è così. Noi abbiamo il gravoso compito di preparare i genitori a una situazione opposta: quella della malattia o della morte o comunque della “battaglia”. Far capire questo non è affatto semplice, ma è fondamentale: un genitore ben informato e preparato è un genitore consapevole e diventa egli stesso una cura per il proprio figlio perché capace di fornirgli la spinta giusta verso la guarigione».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Insomma qui i medici devono essere “umani”: cosa non facile, anche perché il rischio per il personale è quello di affezionarsi troppo ai singoli casi, portandosi poi il peso del proprio lavoro anche a casa. «Non puoi non rimanerne coinvolto emotivamente - conferma l’infermiera Mariella Dirella -. Io non ho paura di ammettere che mi lascio andare oltre il dovuto nei rapporti umani con i genitori, pur senza mai abbandonare la lucidità e razionalità necessari. E quando ritorno a casa porto con me tutte le preoccupazioni e i dolori del mio ambiente lavorativo: ma solo chi vive questo reparto con intensità riesce a resistere in un luogo del genere».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

E di certo non si può rimanere indifferenti e non lasciarsi coinvolgere quando ti ritrovi ad avere a che fare con un esserino di 400 grammi il cui avambraccio è più esile di un nostro pollice, tanto che un papà ha soprannominato il suo piccolo prematuro “portachiavi”.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Camminando tra le colorate e silenziose stanze del reparto e tra le incubatrici, questo clima di affiatamento e vicinanza con i genitori dei bimbi è palpabile e traspare dai volti rassicurati di padri e madri, comunque provati dalle loro difficili esperienze. Spesso le famiglie continuano a portare in visita i propri figli in questa clinica anche a distanza di tempo, per ringraziare i medici del lavoro svolto e mostrando loro i progressi ottenuti.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Il personale che arriva in questa clinica in genere rimane sconvolto - conclude la Foglianese -, non è affatto semplice avere a che fare con tanto dolore e malattie così svariate e complicate. Quindi alla fine chi decide di rimanere in questo posto lo fa perché ha fatto una scelta di vita, difficile ma necessaria».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica)


© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Scritto da

Lascia un commento
  • Luigi Laroccia - Un reparto a misura professionale, culturale ed umana del direttore Prof. Nicola Laforgia. Come sempre gli uomini fanno la differenza!


Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Partita IVA 07355350724
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved