di Salvatore Schirone

Bari, prolungamento di via Matarrese dopo 3 mesi ancora chiuso. Via alle ''gimkane''
BARI - Le prime gru le abbiamo viste sbucare circa tre anni fa, dietro le transenne che ne delimitavano il cantiere e sulle quali capeggiavano invitanti cartelli che annunciavano la nascita del progetto "Noema". E in questi ultimi mesi finalmente il nuovo complesso residenziale barese è apparso: su una superficie di circa 9 ettari ha cominciato a prendere fisionomia un vero e proprio quartiere, con residenze, uffici, caffè e naturalmente infrastrutture viarie. (Vedi foto galleria)

Parliamo del “rione” che è sorto tra “Poggiofranco alta” (zona Sheraton per intenderci) e viale Domenico Cotugno, in zona Santa Fara. Un complesso di fabbricati che è percorso anche da una nuova strada, il prolungamento di via Salvatore Matarrese. Una via che diventa così importantissima, non solo per i residenti ma per tutti i baresi, visto che unisce finalmente Poggiofranco con Picone, dando la possibilità così di evitare i famigerati e lunghissimi semafori posti all’incrocio tra viale Orazio Flacco e viale Papa Giovanni XIII.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Il problema però è che a distanza di tre mesi dalla sua ultimazione, la strada è ancora chiusa. Eppure è stata completata, con tanto di pista ciclabile e complanari laterali per l'accesso alle residenze, ma risulta inspiegabilmente interdetta alla circolazione: due grossi blocchi di cemento posti al centro della carreggiata impediscono di percorrerla interamente in entrambe le direzioni. Anche se alcuni automobilisti cercano di eludere il blocco impegnandosi in pericolose "gimkane" (vedi video).Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Il motivo? Abbiamo due diverse versioni.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

La prima è quella di Francesco Gervasi, il responsabile della "Noema Immobiliare srl", la principale impresa impegnata assieme ad altri consorzi minori nella lottizzazione dell'area. «Non sappiamo sinceramente perché il Comune non abbia ancora aperto la strada - ci dice  - Per noi è tutto ok, i nostri lavori sono stati ultimati secondo gli accordi e attendiamo a questo punto solo l'atto formale di collaudo dell'ufficio tecnico del Comune».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


La seconda versione è quella del Comune, che per bocca del direttore del settore Traffico e Mobilità Urbana, Claudio Laricchia, ribatte: «Non è affatto vero. Non abbiamo ancora potuto aprire la strada perché i soggetti titolari della lottizzazione non hanno realizzato un'opera per noi fondamentale in vista di una strada che si prevede ad intenso traffico urbano: la rotatoria prevista all'incrocio tra via Matarrese e via Beato Josemarìa Escrivà».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

E quindi almeno a sentire il Comune, fin quando non si farà questa rotatoria, la strada non sarà percorribile per intero. Tra l’altro su viale Cotugno è spuntato anche un semaforo beffardamente inattivo. «Non l’abbiamo ancora acceso – spiega Laricchia - perché attendiamo il completamento della strada».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Sarà, comunque ora abbiamo una via che è finita ma non è agibile ed è comunque aperta da entrambi i lati, senza però un cartello di segnalazione che indichi “strada senza uscita”. E così la storia diventa anche pericolosa.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Infatti ci sono stati già due incidenti - afferma Florinda, proprietaria di un bar sorto da poco in questa zona -. Di sera, data anche la scarsa illuminazione, due auto si sono schiantate sui blocchi di cemento. E vi dico di più: qualche settimana fa i vigili del fuoco, intervenuti per sedare un incendio, hanno preso questa strada sicuri che li portasse a Poggiofranco. Risultato: sono rimasti bloccati e sono dovuti ritornare indietro».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Nel video (montaggio di Carlo Gelardi) le “gimkane” operate dalle auto per superare i blocchi di cemento:


 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Salvatore Schirone
Scritto da

Lascia un commento
  • nicola stucci - Buon giorno/sera Sig. Schirone, in merito al suo articolo su Via Matarrese un anno fa 01/12/2014 su Complessi Ipogei..... ho postato questo mio video. Purtroppo gli ipogei sono stati sventrati, i manufatti abitativi abbattuti e la viabilità come giustamente segnala è acora..... https://www.youtube.com/watch?v=EafWRjnaN7Q

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved