di Mariangela Dicillo

Parcheggiatori abusivi, dietro c'è la malavita: «Tutti i soldi a un capo»
BARI –Si trovano nei pressi di tutti i punti di interesse di Bari: in centro, sul lungomare, allo stadio, vicino ai cinema, agli ospedali o comunque in qualsiasi punto della città che preveda la presenza di un'area di sosta per le automobili non a pagamento. Che sia primavera, estate, autunno, inverno a loro non importa, giorno o notte non fa differenza. Stiamo chiramente parlando dei parcheggiatori abusivi.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Chè è vero, ci sono sempre stati. Ma se prima erano pochi, presenti solo in alcune zone e rigorosamente baresi ora invece si configurano come un gruppo eterogeneo, organizzato e composto da baresi sì, ma anche da africani, indiani, albanesi e rumeni. Se ne possono trovare anche tre in una stessa area di sosta.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Parliamo di “gruppo organizzato” perché a sentir loro, farebbero parte tutti di una stessa “società”. Un giovane parcheggiatore nigeriano infatti ci svela: «Le monete che tu mi dai non sono solo per me, ma per tutti gli amici miei».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Potremmo quindi parlare di “cooperativa”, se non fosse che in realtà i parcheggiatori sono solo l’ultima ruota del carro di un sistema ben congegnato. Loro sono gli “operai”, gli “imprenditori” sono ben altri.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


«Ci sono un paio di persone, baresi, che controllano ogni zona, dei “sorveglianti” – afferma il nigeriano –. Loro riferiscono al nostro capo se ci comportiamo bene o se qualcuno ruba i soldi. Perché è a loro che dobbiamo dare tutto ciò che guadagniamo: a fine giornata ci incontriamo e consegnamo il denaro. Poi dopo due giorni ci danno la nostra parte, che è uguale per tutti noi» .Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

E il capo chi è? «Non l’abbiamo mai visto – risponde il giovane -. Un mio amico dice di averlo scorto una volta con uno di quelli che ci controllano, ma aveva gli occhiali e un cappotto e quindi non era riconoscibile».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Capito quindi? Quando mossi da compassione diamo i nostri spiccioli al parcheggiatore abusivo che ci chiede “un caffè”, noi non stiamo solo aiutando una persona che si trova in una situazione di disagio, ma stiamo anche, di fatto, alimentando le casse della criminalità organizzata. Bari è anche questa.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Scritto da

Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved