di Eva Signorile

I cinghiali radioattivi: parola al veterinario che se ne sta occupando
BELLINZONA - Continua il fenomeno dei cinghiali “radioattivi” in Europa. Nei mesi scorsi in Italia è stata rilevata la presenza di animali contaminati nell’area di Vercelli e nella provincia di Verbania e il 6 settembre in Svizzera, nel Canton Ticino, a due passi dal confine italiano, un cacciatore si è visto sequestrare un cinghiale dalle forze dell’ordine locali. Lo “scintillatore” dei poliziotti, cioè lo strumento utilizzato per misurare la radioattività, aveva dato segni inequivocabili di livelli allarmanti di cesio 137.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Abbiamo fatto il punto della situazione con il dottor Tullio Vanzetti, veterinario di Bellinzona in Svizzera, che si sta occupando del caso nel Canton Ticino.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Dottor Vanzetti, perché i cinghiali sono “radioattivi”?

Perché in questi animali sono stati rilevati livelli di cesio 137 superiori ai limiti consentiti. La causa è da attribuire all’esplosione della centrale nucleare di Chernobyl, in Ucraina, avvenuta  il 26 aprile del 1986.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ma sono trascorsi oltre 27 anni da allora…

Il ritrovamento di cinghiali radioattivi nell’area a sud delle Alpi riflette la situazione climatica che si creò subito dopo l’incidente in quella stessa area. In quel periodo, infatti, nella zona ci furono piogge intense e prolungate, che favorirono la precipitazione del cesio nel terreno. Nei mesi successivi all’incidente, nei terreni e nelle acque di quelle zone, si rilevarono livelli di radioattività molto elevati, che poi scemarono col trascorrere del tempo. Il ritrovamento dei cinghiali con cesio 137 ha sorpreso un po’ tutti, ma il fenomeno si spiega con la dieta di questi animali che sono ghiotti in particolare di un certo tipo di fungo che assimila e conserva l’isotopo.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Il problema potrebbe interessare altri animali?

Abbiamo fatto analisi anche su un campione significativo di cervi e camosci, ma in entrambe le specie non si è riscontrato il problema: i livelli di radioattività erano di gran lunga al di sotto dei limiti. Per questo motivo, riteniamo che la radioattività dei cinghiali sia dovuta al loro regime alimentare. Questo animale scava nel suolo spesso anche a una certa profondità per trovare il cibo e questo ha fatto sì che molti di loro finissero col trovare tuberi o funghi contaminati.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Perché siete tanto sicuri che il fenomeno dei cinghiali al cesio-137 sia imputabile all’esplosione del reattore di Chernobyl? Non potrebbe trattarsi di contaminazione da scorie e rifiuti radioattivi non trattati in maniera adeguata?

È la natura stessa del cesio-137 a far pensare all’esplosione nucleare in Ucraina: l’isotopo, infatti, si genera come sottoprodotto di una fissione nucleare.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Bene, ora però bisogna evitare che la carne di cinghiali di questi cinghiali non venga poi immessa sul mercato.

Non siamo preoccupati. Ogni cacciatore ha l’obbligo di denunciare i capi che ha cacciato e su tutti i cinghiali viene fatto il controllo specifico per accertarsi che l’animale non sia radioattivo.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Come fate ad avere la certezza che il cacciatore denunci davvero tutti i capi?

Il rischio che questo non avvenga è davvero minimo: le sanzioni per i trasgressori sono pesantissime. Inoltre sono i cacciatori per primi che vogliono avere la certezza di  non aver preso animali radioattivi.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

In Puglia è presente un elevato numero di cinghiali. Ritiene che ci siano i presupposti per allarmarsi, anche se ci troviamo a oltre mille chilometri dall’area interessata?

Che io ricordi all’epoca dell’esplosione la Puglia non fu interessata dalle piogge che caratterizzarono l’area a sud delle Alpi. Nella vostra regione la presenza dei venti ha anzi favorito la dispersione degli elementi radioattivi e l’assenza di piogge ne ha impedito l’infiltrazione nel suolo.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.



© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Eva Signorile
Scritto da

Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved