di Gaia Caprini

Il cimitero di Bari e un'antica statua: ritrae Nella e Ninetta, sorelline uccise dalla Spagnola
BARI – Due bambine con i capelli ricci e un fiocco in testa che si stringono una accanto all’altra: la più grande punta il dito in alto, mentre la più piccola, che ha un mazzo di fiori in mano, guarda verso il cielo. È la commovente scultura in gesso posta all’esterno di una cappella situata nel Cimitero monumentale di Bari: raffigura le due sorelle Nella e Ninetta, uccise negli anni 20 dalla terribile influenza spagnola. (Vedi foto galleria)

L’opera si trova in quel punto da quasi cento anni e simbolicamente rappresenta Ninetta che domanda a sua sorella maggiore dove stanno andando, con quest’ultima che le indica l’aldilà. Entrambe morirono infatti in tenera età (Nella a 4 anni nel dicembre 1920, Ninetta a 3 anni nell’agosto 1921), a causa dell’epidemia che uccise decine di milioni di persone in tutto il mondo a cavallo tra gli anni 10 e gli anni 20.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

La storia ci viene raccontata dalla loro nipote: la 65enne Graziamaria Milella. «Da bambina andavo con i miei genitori a salutare i nonni Francesco e Vita Maria nel cimitero di Bari e all’esterno del loro sepolcro notavo sempre questa statua che mi incuriosiva - spiega la donna -. Un giorno chiesi in famiglia se qualcuno conoscesse le bimbe raffigurate e con mia grande sorpresa scoprì che si trattava delle sorelle di mia madre, di quelle che se fossero vissute sarebbero state le mie zie».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

La statua fu fatta realizzare dal padre delle bimbe, Francesco Primignani (nonno di Graziamaria). Lui e sua moglie infatti non superarono mai il trauma della morte delle due figlie e continuarono a visitare la loro tomba ogni santo giorno, anche se il tempo non lo permetteva. Così dopo qualche anno pensò di edificare una cappella per dare riparo sia al sepolcro che a coloro che lo andavano a visitare. E nell’occasione pose all’esterno un momumento in gesso bianco che, a perpetua memoria, ritraesse le due piccine.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Un’opera che si trova ancora lì, protetta da una teca di vetro e che ha ispirato due anni fa anche una poesia: “Le pecenènne du cammesande" (Le bambine del camposanto), scritta dall’autore Emanuele Buonvino. Il letterato barese, pur non conoscendone la storia, è rimasto colpito dalla scultura, decidendo di intotolargli alcuni versi poi inseriti nel suo libro “Penzate e scritte”.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Sono stata colpita dal testo di Buonvino - conclude Graziamaria – e sono felicissima che qualcuno abbia dedicato delle belle parole a Nella e Ninetta: le mie piccole e sfortunate zie».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

La poesia “Le pecenènne du cammesande" di Emanuele Bonvino:

Sò aggrazziàte chiss’e ddò sore, avvrazzàte che ttutte u-amòre: stonne o Cammesande de BBare, iùne cu discete o cìile e ll’alde che le fiùre ndra le mane!
Tènene le capidde che le riccele, come a ddò angiudde…vestute com’a na volde cu fiòcche n-gape.
Ci sò…nonn-u sacce, ma da quanne iève pecenùnne, le vedève sèmbe, acquànne passave nnanze a llore, pe sscì a le parìinde mi!
Mò ca so ffatte granne, le vègghe sèmbe com’a ttanne: iì so cressciùte…ma lore avonne remanute sèmbe pecenènne!
De secure me canoscene, percè so tand’anne ca le vègghe, nge so affezzionàte, come ce so do sore mè…
Vu,ca staten-gìile, pregate pure pe mmè, ca sò come a nu frate e ppò… speriàme ca nge vedime e ttanne pur’ì agghi-a ièsse viàte!

(Vedi galleria fotografica)


© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Gaia Caprini
Scritto da

Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Partita IVA 07355350724
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved