di Marco Montrone

Bari, "Giù le mani dal Vietnam": una scritta sul muro ricorda la contestazione giovanile
BARI – «Ve lo diciam con i cartelli, ve lo scriviamo contro i muri, ve lo gridiamo con la rabbia, giù le mani dal Vietnam». Sono le parole del brano “Giù le mani dal Vietnam” del gruppo bolognese Canzoniere delle Lame: fu composta nel 1972, durante la contestazione giovanile, un periodo in cui attraverso le parole c’era chi cercava di fermare le guerre e cambiare il mondo.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

E nostalgicamente, a Bari, a distanza di quasi cinquant’anni, sopravvive ancora una scritta rossa che all’epoca invocava la fine del conflitto nel sud-est asiatico (nella foto).Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Recita “Giù le mani dal Vietnam”, come la canzone, e si trova all’inizio di via Dieta di Bari, strada del rione Madonnella che si affaccia sui binari. Proprio sui muri che divide la ferrovia dalla via si può infatti osservare questo “graffito storico”, in parte coperto da frasi d’amore e parolacce, ma ancora chiaramente leggibile.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Certo, oggi chiameremmo questi murales “atti vandalici” (anche se c’è chi insiste sull’importanza artistica e sociale di disegnare sulle pareti), ma all’epoca queste iscrizioni rappresentavano un modo (magari ingenuo) per far sentire la propria voce. Tutto questo prima che divisioni politiche e violenza prendessero il sopravvento.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


E come la frase dipinta dagli Alleati a Bari Vecchia o il motto fascista impresso su un palazzo del quartiere Picone, questa scritta segna, nonostante tutto, il ricordo di un preciso momento storico, quello in cui John Lennon cantava «Imagine all the people living life in peace».   

Nel video la canzone “Giù le mani dal Vietnam” del gruppo Canzoniere delle Lame:


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Marco Montrone
Scritto da

Lascia un commento