di Federica Calabrese

Noci per fischietti, nocciole come biglie: quando i bambini creavano i propri giochi
ALTAMURA – Fischietti fatti con i gusci di noci, nocciole utilizzate a mo’ di biglie, trottole di legno, aeroplanini di carta: sono i “giochi di una volta”, quelli con cui si dilettavano i nostri nonni quand’erano bambini. Passatempi “poveri”, praticati per strada e soprattutto realizzati artigianalmente dai piccoli di un tempo.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Attività che però stanno rischiando di finire nel dimenticatoio. Nell’epoca del “tutto pronto” e della tecnologia ad ogni costo, concetti come manualità e riutilizzo appaiono infatti datati e ingenui.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Per fortuna c’è ancora chi difende strenuamente quell’idea di infanzia. Abbiamo parlato della federazione dei giochi e sport tradizionali e oggi vi racconteremo la storia di Angelo Milano, 70enne di Altamura che passa il proprio tempo a mostrare ai ragazzini come ci si divertiva decenni fa. (Vedi foto galleria) 

Incontriamo il signore durante la manifestazione medievale “Federicus”, che si tiene ogni anno ad Altamura. Qui, in un angolino situato all’ingresso di una corte medievale, si trova Angelo, con il suo banchetto pieno di oggetti inusuali. Accanto, affisso al muro, un foglio è lì a spiegare le motivazioni che spingono l’uomo a diffondere le sue conoscenze. Leggiamo: “Giochi di ieri: cioè come si allenavano i ragazzi a divenire uomini. Un investimento delle proprie capacità”.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Da piccoli – ci spiega il signore – avevamo poco con cui dilettarci. Ma questo di conseguenza permetteva di dare sfogo alla nostra creatività. Ad esempio le nocciole noi le usavamo come biglie. Per capire se fossero dure abbastanza le facevamo rimbalzare a terra. Se saltavano correttamente si iniziava a giocare».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Sul tavolino c’è infatti una scatola di latta che contiene delle nocciole, così come sono sparsi gusci di mandorle e di noci, tutti recanti dei tagli netti sulla base e qualche forellino sulla superficie esterna. «Questi erano i nostri fischietti – illustra orgoglioso il 70enne -. Realizzavamo delle aperture per far passare l’aria ed una volta finiti si faceva a gara a quale riuscisse ad emettere il sibilo più forte».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ancora dei fischietti, nella forma arcuata molto simile a quella classica, erano invece prodotti con delle fascette di metallo. «Le rubavamo ai nostri genitori senza farcene accorgere. Il lavoro manuale era più complesso ma il risultato ci rendeva davvero fieri», sottolinea Angelo.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Tra aeroplanini di carta, rocchetti in panno per avvolgere i fili e curiosi “antistress” fatti con pezzi di legno che sbattono tra di loro, l’uomo ci mostra il disegno di un suo progetto: una ruota a moto continuo. «Attraverso un sistema di vasi comunicanti e pesi, il cerchio in legno è continuamente mosso dall’acqua che circola all’interno – ci dice -. Degli imprenditori cinesi mi hanno anche chiesto il brevetto per questo gioco».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Segno che anche a 70 anni si può continuare a creare, divertendosi. “Mber l’art e mitl da part”, dice il cartello sul muro. Ovvero: impara perché poi tutto ti tornerà utile in futuro. Un principio che come i giochi di una volta sta rischiando di essere dimenticato per sempre.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica) 

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Federica Calabrese
Scritto da

Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved