di Angela Pacucci

Noci, la storia della bottega “Menzarecchie”: lì dove il tempo si è fermato al 1991
NOCI - Un emporio chiuso 25 anni anni fa, ma che all’interno conserva tutti gli articoli all’epoca in vendita, nella medesima posizione in cui si trovavano nel 1991. È il singolare caso della bottega "Menzarecchie", storico negozio di Noci, in provincia di Bari, in cui il tempo si è di fatto fermato(Vedi foto galleria)

E’ il 31 dicembre del 1991 quando la titolare, Maria Antonietta Locardo, decide di chiudere lo spaccio a causa della morte del padre, ponendo fine a più di 130 anni di attività. L’esercizio infatti fu rilevato nel 1861 dal signor Francesco Paolo Loperfido che lo ebbe dai Borboni appena decaduti. All’epoca si trovava nella centralissima piazza del Plebiscito e apriva al pubblico sotto la denominazione di “sale e tabacchi”. Agli inizi del 900 fu spostato in via Purgatorio 19 dove, con l’insegna “generi diversi”, fu portato avanti prima dal figlio Raffaele, poi dal nipote Ambrogio e infine da Maria Antonietta.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

La signora entra in servizio nel 1973 ereditando la vocazione commerciale della famiglia, ma nel 1991 rimane terribilmente scossa dalla morte del padre Ambrogio e decide di porre fine alla lunga epopea della bottega apprezzata da generazioni di nocesi. Alcune merci di fabbricazione più recente (carta igienica, detersivi e giocattoli nuovi) vengono donate in beneficenza, ma tutte le altre sono lasciate sugli scaffali, in ricordo dell’amato papà, lì dove si trovano ancora oggi dopo un quarto di secolo, creando un angolo di vero e proprio “vintage”.

«Da quando ho chiuso l’emporio al pubblico sono tornata nel locale poche volte - racconta l’oggi 63enne Maria Antonietta mentre ci guida verso il negozio -. Venire qui era straziante, lo facevo giusto per concedermi qualche doloroso ricordo. Mi piaceva guardare gli oggetti presenti così come li avevo lasciati anni prima: da allora non ho spostato assolutamente nulla».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Giungiamo davanti all'entrata di questo posto curioso. L'ingresso è costituito da una porticina verde chiaro, lo stesso colore che domina gli arredi interni. Il nostro viaggio indietro nel tempo comincia osservando il bancone ad angolo. Su un lato spiccano barattoli di vetro che contenevano caramelle, biscotti e cioccolatini, sull'altro si notano due bilance che sovrastano una schiera di macinaspezie, affiancati a poca distanza da recipienti di latta arruginiti destinati alla conservazione di citrosodina, sale e caffè.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Sopra il massiccio tavolo penzolano cartelli pubblicitari ingialliti di marchi a volte conosciuti (si riconoscono quelli di “Gillette” e “Borotalco”), in altre scomparsi (è il caso per esempio della crema per calzature “Lodis”). Sugli scaffali retrostanti è invece stipata una gran quantità di scatole di vario tipo. «La mole di oggetti immagazzinata - spiega la signora - è giustificata dal fatto che i prodotti invenduti non venivano buttati ma accantonati: una politica conservativa grazie alla quale oggi è possibile vedere articoli risalenti a diversi decenni prima del 1991».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Infatti sulle due teche addossate sulle pareti laterali, caratterizzate da vetri ormai ingrigiti e a tratti rotti, si trovano orecchini risalenti al secondo dopoguerra e bottoni degli anni 20-30, il tutto accanto a impolverati tessuti, spolette, colori, inchiostri, pennini, quaderni, accessori per la barba, giocattoli, detergenti per il corpo.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Qui si è sempre venduto di tutto - evidenziano Vito e Annarita, i figli di Maria Antonietta che nel frattempo ci hanno raggiunto -. Dai documenti in nostro possesso sappiamo con certezza che già alla fine dell'800 fabbri, falegnami, calzolai e sarti della zona si rivolgevano alla bottega per comprare i loro attrezzi da lavoro».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

La bottega Menzarecchie (“mezzo orecchio”, un nomignolo che il negozio si porta avanti da sempre) era molto amata dai nocesi. Per questo quando Maria Antonietta ai primi di novembre ha deciso di riaprire il negozio per qualche ora in occasione della sagra "Bacco nelle Gnostre", la risposta del paese è stata clamorosa.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Sono accorsi in massa – ci dice Annarita -. Avevamo previsto di ricevere i nostalgici nocesi per un paio d'ore nel pomeriggio, ma c'è stata una folla tale da farci chiudere a notte fonda. Durante la riapertura qualche ex cliente accarezzava il bancone come se fosse un santuario. E un signore di 93 anni è venuto accompagnato dal nipote: era desideroso di "rivivere" tempi ormai lontani. Ha detto che quello era il suo ultimo desiderio prima di morire: è stato commovente».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«È stata dura rialzare la serranda - conclude Maria Antonietta -. Ho pianto, ma almeno ho fatto il primo passo. Probabilmente spalancherò le porte nuovamente a Natale e in occasione di feste particolari, ma una cosa è certa, tutto resterà come 25 anni fa. Non voglio nè buttare nè vendere nulla, per amore e rispetto di chi in questo negozio ci ha vissuto per tre generazioni».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica)

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Angela Pacucci
Scritto da

Lascia un commento
  • Martino Ceretta - Buongiorno. Tra le vostre foto ho visto che c'è una scatola di detersivo Lanza Lavatrici. E' possibile avere una foto più grande del prodotto (inquadrando bene la facciata anteriore e quelle laterali)?

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved