di Katia Moro

Ago, filo e macchine da cucire a pedali: a Martina le sartorie che sfidano il progresso
MARTINA FRANCA – Gli unici attrezzi presenti sono solo ago, filo, forbici, macchina da cucire manuale a pedali e pesanti ferri da stiro di 50 anni fa. A Martina Franca, in provincia di Taranto, resistono ancora tre antiche sartorie che funzionano esattamente come negli anni 20 del 900, quando inaugurarono la loro attività (vedi foto galleria).  Luoghi in cui il progresso è rifiutato a gran voce, quasi sfidato, visto che qui da cento anni a questa parte si avvicendano di padre in figlio solo uomini: il gentil sesso non viene infatti ammesso a lavorare in queste botteghe.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Questi sono da sempre considerati veri e propri templi della mascolinità: le donne potevano al massimo svolgere qualche lavoro di cucito, ma sempre rimanendo a casa», ci spiega la 38enne designer martinese Ida Chiatante, che nel Palazzo Ducale del paese ha realizzato (in collaborazione con il fotografo Alessandro Cirillo) una mostra sul “fenomeno” sartorie.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Non solo – continua Ida - era qui che veniva improntata l’educazione dei bambini. Alla tenera età di 6 anni i maschietti venivano “messi a bottega” per imparare il mestiere e i più bravi proseguivano l’attività. Ma questo sistema è venuto meno con il subentrare dell’obbligo dell’istruzione scolastica sino ai 14 anni: da allora i sarti si rifiutano di accettare apprendisti d’età avanzata».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«È venuto a portarci il suo curriculum un giovane appena laureato all’Accademia delle belle arti, convinto di essere subito accettato per il titolo presentato – racconta uno degli anziani sarti martinesi, il 79enne Giuseppe D’Ignazio -. Ma quando l’abbiamo messo alla prova ci siamo resi conto che non aveva imparato nulla se non a livello teorico. L’esperienza si acquisisce solo lavorando concretamente in bottega e gradualmente, un passo alla volta. Ecco perché è indispensabile iniziare sin da piccoli».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Nel suo negozio alla periferia del paese Giuseppe lavora insieme con il fratello, il 69enne Egidio: da soli svolgono tutto il loro lavoro. «Abbiamo ereditato l’attività da mio padre che ha iniziato nel 1922. Eravamo 12 figli e ognuno ha aperto una propria sartoria – spiega Giuseppe –. Poi tutti hanno chiuso e cambiato mestiere, solo io e Egidio resistiamo ancora».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Chiaramente di questo passo le botteghe così come le conosciamo oggi moriranno, non essendoci quel ricambio generazionale che possa permettere di continuare la tradizione. Una ha già chiuso i battenti qualche tempo fa in seguito al pensionamento dell’anziano proprietario.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Del resto anche volendo sarebbe difficile riuscire a imparare a utilizzare antichi attrezzi quali la mezzaluna, detta anche “pizz du case” (pezzo di formaggio), utile a dare forma ai vestiti. I tempi che si adattano a questi mezzi sono infatti molto lunghi: si impiegano minimo quattro giorni per imbastire un abito a mano. E i due fratelli cuciono su misura abiti, pantaloni, gonne, cappotti e vestiti da sera. Il tutto per almeno due clienti alla settimana, gli affezionati della sartoria artigianale che giungono da tutta la Puglia.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Io vesto solo abiti cuciti su misura non amo quelli confezionati industrialmente, non c’è paragone», dichiara uno più longevi clienti, il 92enne Michele Iacovazzi. «La gente pensa di risparmiare andando ad acquistare in un negozio ma non è così  - aggiunge un altro avventore, il 69enne Achille Scialpi -. Qui spendi un po’ di più inizialmente ma hai un prodotto che dura molto a lungo nel tempo e non si rovina al primo lavaggio, come accade con gli abiti confezionati».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Achille ha portato con se anche il suo giovane nipote 22enne, che dice di volersi iscriversi all’Accademia. Giuseppe e Egidio non commentano, ma nel loro sguardo c’è tutta la consapevolezza di sapere che dopo di loro non ci sarà più nessuno a proseguire l’antica arte della sartoria manuale.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica)


© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Scritto da

Lascia un commento


Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Partita IVA 07355350724
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved - Tutte le fotografie recanti il logo di Barinedita sono state commissionate da BARIREPORT s.a.s. che ne detiene i Diritti d'Autore e sono state prodotte nell'anno 2012 e seguenti (tranne che non vi sia uno specifico anno di scatto riportato)