di Eva Signorile

Bari, orme di cinghiale alle porte del San Paolo: «Arrivano dalla Murgia»
BARI - Cinghiali alle porte di Bari. Nel Parco Regionale di Lama Balice, nel tratto che interessa il quartiere San Paolo, nei pressi di Villa Framarino, sono state rinvenute le orme di un animale (vedi foto galleria). La scoperta risale al 18 giugno scorso, all'indomani delle forti piogge che hanno colpito in quei giorni il capoluogo. Di che animale si tratta? Secondo Ferdinando Atlante, birdwatcher, esperto di Lama Balice, si tratterebbero di orme di cinghiale. Ipotesi confermata anche dal Parco dell’Alta Murgia, da dove il suino selvatico avrebbero preso le mosse.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Io e mio fratello - racconta Alessio, uno degli scopritori delle orme  - ci siamo recati nel Parco Regionale di Lama Balice per fare delle fotografie: volevamo vedere quanto fosse cambiato il paesaggio all'indomani delle grandi piogge che c'erano state nel barese. Nella nostra esplorazione  ci siamo imbattuti in alcune impronte. Abbiamo pensato subito ai cinghiali, ma non volevamo credere che si fossero spinti così vicino alla città».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

In effetti, che ci fanno un cinghiale a Bari? «L’ipotesi più probabile è che provenga dall'area protetta del Parco dell'Alta Murgia, ma non possiamo averne la certezza piena, visto che questi animali non hanno il "bollino" di riconoscimento», afferma la naturalista del Parco dell'Alta Murgia, Anna Grazia Frassanito.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Però non parlerei di branco - continua l’esperta - penso piuttosto a un caso isolato, di  un "maschio adulto solitario" sfuggito al gruppo, probabilmente in cerca di acqua. I cinghiali ne hanno bisogno non solo per bere, ma anche per le loro normali funzioni fisiologiche: cercano quindi delle pozze per fare i cosiddetti "bagni", momenti in cui si lavano o si rotolano nel fango, ad esempio». Le parole della dottoressa, trovano riscontro proprio nel fatto che, a seguito delle forti piogge del giorno prima, a Lama Balice si era formato un vero e proprio fiume.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


I cinghiali sulla Murgia sono stati reintrodotti tra il 2000 e il 2002 ad opera dell'Ambito Territoriale Caccia della Provincia di Bari. All'epoca,  cioè 5 anni prima che venisse istituito il Parco, furono introdotti 170 esemplari per scopi venatori, che da allora si sono moltiplicati fino a costituire un problema per il mondo agricolo della Murgia, al punto che, dopo un programma triennale di monitoraggio della specie, si sta pensando di avviare anche l’abbattimento selettivo per contenere l'emergenza.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Non si erano però mai riscontrate tracce della loro presenza così vicino alla città, anche se la Frassanito assicura che questi animali generalmente non sono pericolosi per l’uomo: «Il cinghiale carica solo quando si sente sotto minaccia. Se si trova davanti ad esempio un cacciatore che gli punta il fucile addosso o magari se una persona capita nei pressi di una madre con dei piccoli. In questi casi allora il rischio di aggressione è decisamente elevato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Eva Signorile
Scritto da

Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved