di Eva Signorile

Bari, sul lungomare arriva un messaggio nella bottiglia: è un giuramento in lituano
BARI – Nell’era dei social network può capitare che qualcuno decida di affidare i suoi pensieri e i suoi sogni alle onde del mare. Lo sa bene il 38enne Domenico Saulle, che qualche sera fa, sul lungomare di Bari, si è trovato di fronte alla più romantica delle sorprese: un messaggio nella bottiglia, scritto in una lingua sconosciuta. (Vedi foto galleria)

«Venerdì scorso passeggiavo sul molo San Nicola – racconta il barese – quando ai piedi di una delle scalette che porta giù al mare ho visto qualcosa nell’acqua. Era una bottiglia. L’avrei sicuramente ignorata se non fosse che era stranamente chiusa da un tappo di sughero. Così sono sceso e ho notato che al suo interno conteneva una carta arrotolata, chiusa con uno spago. Ho capito che si trattava di un messaggio».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Il giovane così stappa la bottiglia e srotola il foglio giallo dai bordi irregolari. Si ritrova davanti a un testo scritto in maniera elegante in una lingua a lui sconosciuta. In alto al centro spicca la prima parola: “Priesaika!” e poi la missiva sembra continuare come un elenco, visto che ci sono delle frasi precedute da una numerazione progressiva dall’uno all’otto. 

Travolto dalla curiosità di conoscere il contenuto della lettera, Domenico si rivolge alla nostra redazione. Dopo una serie di consultazioni capiamo che il testo è scritto in lituano, la lingua del piccolo Paese nord europeo stretto tra Polonia, Bielorussia e mar Baltico. Per tradurlo ci affidiamo a Giulia, 23enne di Grottaglie residente da quattro anni a Vilnius.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

E dopo una mezz’oretta ci arriva la traduzione. Eccola:

Giuramento!

Io, Egle SoKolovaite, con il cervello quasi lucido, di fronte a tutti gli dei e di tutti gli amici, con un bicchiere di vino in mano, solennemente prometto:
  1. di guardare con umorismo verso tutti i problemi famigliari che incontrerò
  2. di dedicare a me stessa minimo un giorno a settimana
  3. di non dimenticarmi dei miei amici e di visitarli frequentemente
  4. di non rinunciare al pranzo per mantenere la dieta e alla pizza di "pizza express"
  5. E continuerò a non tollerare le calze sparpagliate per casa
  6. di non perdere mai una partita di calcio in cui gioca Ronaldo
  7. di dedicarmi almeno una volta all’ anno una vacanza con il mio amato marito o i miei amici più cari
  8. di impegnarmi a mantenere sempre queste promesse e affiancarle a del buon vino, allegria, bellezza e amore di Dio!»
La lettera si conclude con la dicitura: “Firma della sposa e del testimone”, i cui nomi però non compaiono, così come non vi si trovano date.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Il misterioso messaggio quindi non sarebbe altro che un curioso giuramento redatto da una donna e affidato poi alle onde del mare. Un testo allegro, a tratti scherzoso, scritto “con un bicchiere di vino in mano”, come la stessa autrice confessa. Un elenco di promesse che sono un inno alla gioia di vivere e al non perdere mai di vista l’amore per se stessi e per gli amici e un augurio a guardare senza troppa serietà ai tanti problemi che la vita quotidiana ci mette davanti.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ma del perché sia stato affidato al mare e soprattutto come abbia fatto a giungere sino a Bari, non ne abbiamo idea. Può essere che le correnti lo abbiano spinto fino a noi? Si tratterebbe di migliaia e migliaia di chilometri. Più probabile che sia stato scritto da una novella sposa che si trovava in luna di miele proprio in Puglia, magari lanciato da una di quelle navi crociera che solcano i mari dell’Adriatico.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

I dubbi rimarranno chiaramente insoluti. Anche se noi un tentativo l’abbiamo fatto: come nella canzone dei Police abbiamo affidato le domande alle onde del mare, sperando che qualcuno in qualche parte del mondo possa leggere il nostro “message in the bottle”.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ps: Egle, l’autrice del messaggio, ci ha contattato dopo l’articolo. «Ho festeggiato il mio addio al nubilato in Puglia - ha spiegato -. L'ultima sera ho letto il giuramento e ho lanciato la bottiglia in mare come buon augurio. Mi sposerò a settembre. Arrivederci Bari»

(Vedi galleria fotografica)

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Eva Signorile
Scritto da

Lascia un commento
  • George Fartifer - Vorrei segnalare un errore madornale. Quella dei Police é dolo una cover della famosa canzone "il messaggio nella bottiglia" di Piero Scamarcio. Grazie per l'attenzione
  • Simona - E un giuramento "standard" che si fa in un addio al nubilato, e di solito viene bruciato o messo in una bottiglia e lanciato in acqua. Visto che c'erano voli diretti tra Bari e Lituania, più probabilmente un gruppo di ragazze sono venute a festeggiare a Bari :)
  • irina - non ho capito - quando ragazza ha inviato una lettera?

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved