di Graziana Abbasciano

Cunicoli, gallerie e grotte: sotto le vecchie case di Andria si trova una millenaria città
ANDRIA - Per lungo tempo si è pensato che si trattasse solo di una diceria popolare, invece è tutto vero: Andria è una città completamente costruita sopra un'altra città. È quanto ha accertato Riccardo Suriano, noto appassionato di storia locale che a partire dal 2010 sta cercando di esplorare quell'insieme di millenarie case e gallerie presenti sotto il centro storico sepolte da circa 200 anni da edifici più moderni.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Basta avventurarsi negli scantinati degli attuali palazzi del borgo antico, quasi tutti costruiti dopo la fine del 700 - spiega -. Qui ci si imbatte spesso in arcate e porte murate che se fossero demolite permetterebbero l'accesso alla cosiddetta "Andria sotterranea", cioè il centro abitato come appariva circa tre secoli fa».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ma come si è arrivati alla sovrapposizione dei due paesi? I primi insediamenti nell'area risalivano al Neolitico: una serie di grotte naturali di tufo e pietra calcarea, a volte usate come giacigli per gli animali. La zona progredì lentamente nel corso dei millenni fino all'arrivo dei normanni nel XI secolo, quando la nuova dominazione decise di collegare i vari nuclei abitati dell'epoca con delle gallerie e di proteggerli innalzando una possente cinta muraria.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Nacque quindi un vero e proprio villaggio, antenato di quello che oggi è un popoloso capoluogo di provincia. «Le nuove mura però ne limitarono l'ingrandimento e quindi per diversi secoli potè svilupparsi solamente in modo verticale - racconta lo storico -. In pratica le nuove costruzioni sorsero sempre al di sopra di quelle già esistenti, che a loro volta venivano adibite a depositi o cantine. Una tendenza ad allungarsi verso l'alto che si interruppe soltanto nell'800, soprattutto dopo l'Unità d'Italia, quando la cinta fu gradualmente abbattuta e l'espansione divenne orizzontale».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Il centro storico così come lo vediamo oggi è dunque l'ultimo "strato" di quel villaggio primordiale. Ma oltre a essere sempre murati, gli ingressi che conducono nell'Andria del passato sono dunque dislocati in appartamenti privati. Insomma per poterli apprezzare bisogna anche sperare che i proprietari di questi immobili curino questi piccoli pezzi di storia in loro possesso.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Siamo riusciti a visitarne due conservati in buono stato (vedi foto galleria): uno in via De Anellis, l'altro in via Santa Chiara, entrambi a poca distanza dal 1° vicolo San Bartolomeo, quello che con i suoi 42 centimetri di larghezza sembra possa rappresentare la strada più stretta d'Italia.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


La grotta di via De Anellis, situata 10 metri sotto il livello stradale, è accessibile grazie a una botola. Probabilmente era usata come stalla: in un angolo spicca una rientranza che somiglia a una mangiatoia. «Quando abbiamo comprato lo stabile - evidenzia il proprietario della casa - il percorso sotterraneo era inagibile perchè sommerso dai rifiuti. Ripulendolo ci siamo accorti della bellezza del luogo e abbiamo deciso di metterlo in sicurezza, costruendo una scalinata e illuminandolo. Le ampie arcate visibili sulle pareti testimoniano che da qui un tempo partiva un cunicolo collegato con altri ambienti».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Meno pulita è la galleria di via Santa Chiara che si articola su due livelli ed è percorribile sino a una profondità di 18 metri. Un paio di scale conducono al primo livello: su una parete in tufo notiamo una conchiglia, inglobata lì nella roccia da chissà quanti millenni. Il soffitto invece attira la nostra attenzione per la sagoma di una botola murata realizzata sul pavimento del piano superiore.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Da una stretta apertura nel muro parte la piccola discesa che immette nel secondo livello. Ci destreggiamo a fatica tra i tanti detriti che calpestiamo e nonostante la scarsa illuminazione intuiamo la presenza di una fessura: è il varco che porta al terzo livello, ma è murato. Putroppo siamo costretti a terminare la nostra ricognizione.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Esistono altri luoghi sotterranei simili in via Porta la Barra, via Ponte Giulio e via Vaglio - evidenzia comunque Soriano -. Collegandoli tra di loro si otterrebbe un'unica galleria lunga circa 900 metri». E in città c'è chi fantastica persino su un tunnel che metterebbe in collegamento Andria con Castel del Monte. Ma si sa, parlando dell'imponente monumento federiciano le leggende sono sempre dietro l'angolo.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica)

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Scritto da

Lascia un commento
  • Franco Alberto - Buon pomeriggio leggendo l'articolo ho notato delle analogie con la città di Castellaneta che anch'essa come nel caso in questione con percorsi ipogei murati. Desidererei approfondire un pò l'argomento ed avere qualche notizia in più. Grazie sin d'ora per la disponibilità
  • 

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Via Fiume 18/20
70127 Bari (BA) - Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved