di Alessandra Anaclerio e Maria Bruno

Alla scoperta del ''far west'' di Bari: tra amianto e abbandono
BARI- Sulla mappa stradale è un piccolo quadrilatero ubicato a pochi passi dal centro di Bari, in via Cifarelli, prolungamento dell'estramurale Capruzzi. Allo sguardo di un passante può sembrare un cumulo di case fatiscenti lontane dalla comune idea di civiltà, ma per chi osa addentrarsi in quello che i residenti chiamano "far west", si spalanca uno scenario fatto di vite e storie che aspettano solo di essere raccontate.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Anche se non siamo troppo lontani dal centro, senza mezzi pubblici ci sentiamo fuori dal mondo - racconta con determinazione Angelo, mentre ci fa da guida alla scoperta degli edifici malandati e traballanti-. Non esistono autobus che conducono qui e i nostri bambini sono costretti a percorrere un sottopassaggio sporco e buio per raggiungere le scuole.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Qualche mese fa una bambina ha rischiato di essere stuprata. In queste case non arriva il gas, tutti si arrangiano usando delle bombole e non capisco perchè ciò alle istituzioni non interessi».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Non per altro l'unico modo per farsi ascoltare, spiegano alcuni passanti, è quello di scendere in strada e bloccare il traffico di Via Cifarelli, cosa che accade di frequente per sollecitare l'attività dell'Amiu. L'azienda comunale responsabile della raccolta rifiuti, infatti, non fornirebbe al "far west" la presenza di operatori ecologici, tanto che a pulire le strade sono i residenti.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

 
Il nostro primo cicerone decide poi di lasciarci nelle mani dell'unico attivista della zona che ci fa scoprire l'aspetto più triste di questa realtà: case in amianto e un'enorme struttura abbandonata da anni che ancora oggi sprigiona diossina.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Dalla fitta recinzione di ferro arrugginito e dal maestoso cancello scambiato dai bambini per un albero su cui arrampicarsi, le condizioni disastrose dall'ex stabilimento della società petrolifera Shell sono evidenti: la grande quantità di sporcizia e una pavimentazione incalpestabile per via delle macerie ricoperte da polvere contenente fibre d'amianto, attirano subito la nostra attenzione.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

E pensare che qui, tra le decine di famiglie che popolano il Far West, ci sono anche 18 bambini costretti a respirare aria tossica e convinti che questo sia il meglio che la vita possa offrire.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved