di Luca Carofiglio - foto Antonio Caradonna

A Bari il ''tracing bus'': per regalare una telefonata a chi non se lo può permettere
BARI – Immigrati, profughi, clochard e senzatetto. Sono coloro che sabato scorso a Bari hanno raggiunto piazza Aldo Moro per incontrare i volontari della Croce Rossa appostati lì con il “tracing bus”. Si tratta di un camper bianco che sta girando l’Europa permettendo a chi non ne ha la possibilità di telefonare gratuitamente ai propri cari, spesso residenti in altri Stati. (Vedi video)

«E’ un’iniziativa nata nei Paesi Bassi circa un anno e mezzo fa dall’idea della Croce Rossa olandese e del gestore Vodafone - spiega il 25enne Alessandro Montecalvo, uno dei volontari –. Rientra nella più grande attività dal nome Restoring Family Links che cerca di favorire i ricongiungimenti famigliari».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

A Bari il camper si è fermato solo per un giorno, aiutando però ben sessanta persone a contattare i propri cari. «Telefonare fuori dalla Comunità Europea è infatti molto dispendioso – sottolinea Alessandro -. Ad esempio una chiamata in Costa d’Avorio costa 5 euro solo per lo scatto alla risposta. In tanti tra gli immigrati, anche se possiedono un cellulare, non se lo possono permettere, visto che se lavorano vengono comunque pagati con compensi ridicoli».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Siamo andati a dare un’occhiata (vedi foto galleria).Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Quando arriviamo ci sono parecchie persone in attesa di accedere nel mezzo con targa olandese. Entriamo e notiamo come all’interno ci sia solo un tavolino con su poggiato il cellulare e due poltroncine. E’ qui che il richiedente scrive su una striscia di carta il recapito, che sarà poi digitato dagli operatori della Croce Rossa. Nel momento in cui parte la chiamata viene poi azionato un cronometro che segna l’avanzare del tempo: esiste infatti la regola dei 3 minuti massimi di conversazione necessaria per permettere a tutti di parlare.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


«Ho sperato che il timer andasse oltre il terzo minuto, ma non è stato possibile - dichiara sorridendo il 25enne immigrato Amhir, che ha appena contattato suo fratello in Nigeria -. Non lo sentivo da tre mesi e sapevo che nelle scorse settimane gli era nata una figlia. Volevo che mi raccontasse tutto».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

E’ il turno ora di Mohammed, originario della Somalia. «Vivo a Bari da otto anni – ci dice - sono scappato dal mio Paese dopo aver perso la gamba sinistra per colpa di una mina. Non riesco a parlare spesso i miei parenti, perché chiamare dagli internet point costa tanto. Per questo sono contento oggi di riuscire a sfruttare un’occasione come questa: vivo sempre con il terrore che a causa della guerra possa succeder loro qualcosa».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ma non ci sono solo immigrati a chiedere di utilizzare il servizio del Restoring. Incrociamo il 64enne Antonio, un senzatetto che vive nei dintorni della Stazione. Indossa un giaccone verde e un cappello da pescatore.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Ho parlato con mio figlio che abita ad Ancona – ci spiega -. Mi ha lasciato alcuni anni fa quando ormai si era creato una sua famiglia e io avevo perso il lavoro. Mi ha raccontato di alcuni problemi di salute del suo bambino e di alcune sue difficoltà e io l’ho ascoltato perché gli voglio sempre bene. Anche se in questo momento chi sta passando i veri guai sono io: non ho i soldi nemmeno per una telefonata».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica)

Nel video (di Gianni de Bartolo) la nostra visita al “tracing bus”:


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Luca Carofiglio
Scritto da

Antonio Caradonna
Foto di

Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Via Fiume 18/20
70127 Bari (BA) - Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved