di Gabriella Quercia

I ''respiriani'': «Non tocchiamo cibo, ci nutriamo solo di aria»
Vivere e nutrirsi come delle piante, mediante un processo assimilabile alla fotosintesi clorofilliana, pur essendo degli esseri umani. E’ ciò che si chiama “alimentazione pranica”, concetto che potrebbe essere parzialmente chiarito con il termine gemello di “respirianesimo” o ancora semplificando con “mangiare attraverso il naso l’energia vitale che ci circonda”. In pratica i respiriani non mangiano sostanze né solide né liquide, limitandosi di fatto a bere dell’acqua e soprattutto a respirare. Sì, perché a detta loro inalando l’aria ci si nutre. La parola “prana” deriva dal sanscrito ed è traducibile con “vita”, “respiro” e “spirito” e sta a indicare, appunto, il nutrirsi attraverso solo e unicamente l’olfatto, degli atomi che compongono la materia circostante.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Un concetto che è bene prendere con le pinze. Per quanto ne sappiamo noi, un uomo può vivere senza cibo dieci, quindici, al massimo venti giorni e comunque in caso di denutrizione è soggetto a problemi quali la difficoltà a muoversi, a parlare, persino a ragionare. E se poi si continua a non mangiare, c’è solo una possibilità: si muore.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Sul web però circolano varie leggende, come quella dell’australiana Jasmuheen, madre fondatrice del breatharianesimo (breath in inglese significa “respiro”), la quale sostiene di nutrirsi di luce, assimilata attraverso tecniche meditative e controlli del respiro. Ancora, il francese Henri Munfort è uno dei più conosciuti breathariani: beve solo acqua e dorme circa un’ora a notte. In ultimo, non si può certo non citare l’82enne asceta indiano Prahalad Jani (nella foto), che sostiene di vivere da 74 anni senza bere nè mangiare, praticando solo yoga e meditazione.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

In Italia non ci sono molte tracce dei respiriani, ad eccezione di qualche gruppo su Facebook che si erge, appunto, a spazio di condivisione  sul respirianesimo. «Seguo questa pratica dal 2008 - ci racconta il 61enne Domenico, iscritto al gruppo facebook “alimentazione pranica” - e mi sento bene e in forma. Per trent’anni sono stato vegetariano, scelta dettata dal mio amore per gli animali naturalmente. Poi un bel giorno mi è capitato di leggere dei libri e del materiale sull’argomento e ho deciso di intraprendere questa strada. Sono alto 1.73 cm e peso 70 chilogrammi, il mio peso forma. Sottolineo che non si diventa respiriani per una banale questione di linea, ma perché è lo spirito a volerlo. È un cammino all’interno del quale capiamo che l’alimento naturale dell’uomo è l’aria».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Sono pranico da tre anni- dice il 44enne Nicolas, amministratore del gruppo facebook -. Noi umani siamo immersi in questa energia vitale come i pesci lo sono nel mare. Qualsiasi cosa è cibo per noi: inspirare un pezzo di legno è, ad esempio, prana in forma solida, stessa cosa l’acqua o un pezzo di stoffa. Tutto ha la sua energia vitale e noi ci nutriamo di essa. Ci basta respirare e trasformare in cibo, mediante la meditazione, ciò che annusiamo».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Spiritualità, raccoglimento e digiuno. Sono questi, scopriamo, i tre perni sui quali saldare la strada verso l’inedia. «Si tratta di un percorso molto intimo e personale- continua Domenico-. Ritengo che il pranico avvicini a Dio, alla figura che ognuno ha del proprio Dio, chiaramente. Oltre a farti sentire in pace con te stesso, ti connette con il cosmo, l’universo, tutto il creato e ti senti a un passo dalla divinità. Ti dà una forza interiore inimmaginabile e ti fa stare bene».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Alla componente spirituale si accorpa il processo meditativo, anch’esso un momento essenziale e imprescindibile. «La nostra filosofia è quella del “qui ed ora” - sottolinea Nicolas - cioè l’essere presenti in un determinato momento, dimenticandosi del passato e del futuro. È una tecnica che aiuta a controllare i movimenti del respiro e a conoscere la propria anima e il proprio corpo. Il cibo invece anticipa le emozioni, le veicola nella nostra mente, facendoci già immaginare cosa mangeremo a cena o a pranzo il giorno dopo. Invece con la meditazione ci concentriamo su di noi, e, al tempo stesso, ci nutriamo di energia vitale che, ripeto, è ovunque e pressoché illimitata».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


«Quando ho iniziato questo cammino- prosegue Domenico- era inevitabile avere voglia di mangiare un frutto, essendo il mio corpo abituato a ricevere cibo. Però mi bastava pensare a una mela, ad esempio, e subito sentivo in bocca il suo sapore dolce e succoso e il suo profumo. Era come se l’avessi appena mangiata. Adesso non lo faccio più, non ne sento la necessità».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Tuttavia giunti a questo punto, il confine tra respirianesimo e digiuno diventa labile. Non a caso abbiamo anche parlato del letale fenomeno delle "pro ana" che ultimamente sta spopolando tra le adolescenti. «C’è una grossa differenza – afferma Nicolas -. Il digiuno è uno stato di privazione forzata, che ti fa vivere sulle tue riserve e ti fa stare male, conducendoti alla morte. Nel nostro caso non è così. Noi compiamo un viaggio di felicità in cui trasformiamo ciò che la natura ci dà, senza bisogno di mangiare il comune cibo. Non è farsi mancare qualcosa, è mangiare diversamente. Siamo come dei pannelli fotovoltaici».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ma come si diventa “pannelli fotovoltaici” ? «Diciamo che ci sono diversi stadi - spiega Domenico -. Tutto inizia, di solito, dall’essere vegetariani, poi vegani, poi fruttariani o crudisti, fino ad abbandonare qualsivoglia cibo solido per dedicarsi alle bevande, succhi di frutta, tisane e infine a non assumere più cibo. Anche se i vari Jasmuheen e Monfort – aggiunge Nicolas – suggeriscono dei metodi precisi per diventare respiriani».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

E sembra che i pranici dormano pochissimo. «Quando si mangia- afferma Domenico- l’80% delle nostre energie sono impiegate per la digestione. Se si smette di mangiare cibo solido questa energia rimane inutilizzata, in riserva. E quindi non ci serve dormire per recuperare le forze, perché ce le abbiamo già. Io ultimamente dormo tre o quattro ore a notte, talvolta anche una. In questo modo ho una giornata che dura qausi 24 ore e ho più tempo per dedicarmi alle mie passioni».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Per diventare respiriani però si ha bisogno di aiuto, nel senso che ci si affida a un “accompagnatore”, una persona che pratica da molto più tempo e con la quale si condividono le difficoltà iniziali. Una sorta di “psicologo dell’alimentazione” verrebbe da chiamarlo, che monitora tutti gli aspetti e i segni vitali del neofita.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«È fondamentale che ci sia un accompagnatore perché durante la prima fase il corpo deve disintossicarsi da anni di cibi nocivi- conclude Domenico-. Non è facile, perché coinvolge il piano emozionale e bisogna avere un cuore aperto per poter condividere le proprie sensazioni. Inoltre è utile per capire se si è veramente pronti a una cosa del genere. Se non si è preparati e convinti non è difficile che ci scappi il morto. Ciò che facciamo non è eccezionale, tutti possiamo prendere coscienza dell'energia illimitata che ci circonda e cibarci di essa, ma va fatto nella totale consapevolezza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Gabriella Quercia
Scritto da

Lascia un commento
  • flaccido - roba da denuncia! qualcuno disperato potrebbe anche credere a questi bugiardi!
  • steve - sono pratiche e conoscenze MILLENARIE, non sono balle solo che NON lo puoi fare tu, flaccido...
  • fra - complimenti alla giornalista...davvero un reportage degno di un pulitzer... basato sulla "lettura" di un paio di bacheche facebook, senza alcuna prova, ricerca, indagine, approfondimento... in temi così delicati che possono portare persone impreparate e credulone alla MORTE. Schifo.
  • flaccido - @steve sono balle! e sfido te e i respiriani a dimostrare quello che affermano!
  • Scettico - Ma sarà un caso che nella foto l’82enne asceta indiano Prahalad Jani sia in un letto d'ospedale?
  • santolo - ma poi cosa cagano?
  • Stefano - @Scettico No, non e' un caso. E' stato un caso di studio da parte dei medici indiani, in cui lo hanno tenuto in clinica, monitorandolo, per 10 giorni.
  • Alessandro - Dormino :D :D :D
  • gigi - Mai sentite tante scemenze una dietro l'altra
  • isabella gatti - x 10 giorni CHIUNQUE può stare senza mangiare, capirai. Se cibarsi non serve e ci si nutre dell'energia, com'è che devono bere? l'acqua deve essere digerita come qualsiasi altro alimento, vi prendono in giro!
  • Paolo - Ma scrivi cose serie invece di pubblicare codesta spazzatura...
  • Sergio - Santa ingenuità, inutile sperare in un mondo migliore finché c'è gente che crede a queste fandonie.
  • giordano - i vari commenti dimostrano che l uomo nonostante gli anni non si è ancora evoluto,queste conoscenze devono rimanere segrete,, non date le perle ai porci,,, solo quando l umanità intera si sarà evoluta riusciremo a comprendere certe cose, innanzitutto la necessità di non uccidere animali per cibarsi che secondo me è la prima cosa da fare,,intanto vedo che l ignoranza su certe cose aumenta sempre di più ! svegliatevi !!!!
  • Fabry - La gente non è ancora pronta per capire queste cose, esiste verità in questo articolo ma inutile cercare di spiegare una cosa del genere se non si ha la mente aperta... E' già in atto dal 2012 un cambiamento del nostro DNA da parte del sole "che si trova in un determinato punto dello spazio" queste sono le ERE e stiamo entrando nella 5 dimensione, ora, anch'io avrei pensato “come voi” leggendo questo articolo, con lo stesso stupore e pensiero. Ma per esperienza personale, dopo aver avuto problemi di salute e finito in ospedale 2 volte per lo stesso motivoa... Dopo avermi diagnosticato una formazione di "ossalato di calcio", non ho preso i medicinali prescrittomi dal medico,stesso farmaco la seconda volta, se il problema si era ripresentato i farmaci non servono a nulla, comincio una ricerca da solo per me stesso, bene sono riuscito dopo migliaia di cavolate lette in rete "perchè ne è pieno in effetti" una che la mia (RAZIONALITA') ha suggerito esser la più logica, avendo un minimo di infarinatura generale, ho capito che il problema era il CIBO!!! Quindi da solo e volendo il cambiamento, lascio per sempre “quasi tutto” quello che mangiavo regolarmente dalla mia tenera età... Ero diventato vegetariano, premetto mai mangiato frutta e verdura nella mia vita, oggi ho 43 anni, e in 1 anno ho fatto 3 passaggi dettati dalla mia coscienza non dai post che leggi, da vegetariano sono diventato vegano, e successivamente crudista questo col ragionamento non lo si capisce ma il senso esiste e come, ho notato che nessuna malattia (anche febbrile o un semplice raffreddore) è stato in grado di attaccare le mie difese immunitarie senza soffrire della patologia, i mie parenti tutti ammalati "questo inverno" da lì, la mia mente è diventata più lucida e ho perso tutta la mia massa grassa, credo sia la disintossicazione, ma in effetti si diventa più sensibili all ambiente che ti circonda e si riesce a percepire energia dall'aria.... Quindi suppongo che arrivare a diventare " RESPIRIANI " sia il passaggio graduale a questo SPONTANEO cambiamento alimentare, ma il problema è che la meditazione la maggior parte dell umanità non è nei posti e nella posizione di poterlo fare.... Finche non apparirà tutto più lucido e conprensibbile vivrà il caos... Questo è il mio pensiero rivolto all’articolo e test personale su cui ho fatto ricerca e risultati visibili , vivevo con il motto “se non vedi non credi” ora è cambiato anche quello diventando “ prima comprendere poi percepire” Buona sera a tutti
  • rocco - insegnatelo ai bambine del terzo mondo allora!!!! MA QUANTE MINCHIATE!!!
  • Alex - Interessante come filosofia, ma vogliamo mettere la soddisfazione di masticare una bella bistecca succulenta al posto di...aria fritta?
  • daniela - Mi piacerebbe saperne di più, in Italia esiste qualche riferimento?
  • Manuel - Vi prego smettetela di dire cazzate, state solo aiutando la gente a morire, mentre i guru di questa ultima boiata si arricchiscono....
  • Giovanni - Semplicemente non pratiche incompatibili con la vita. Non ci sono prove scientifiche ne dimostrazioni in ambienti controllati che queste STRONZATE siano vere. Chi spaccia questa pseudo scienza E' PERICOLOSO alcune persone sono morte per questo abominio
  • gianni - 1) perche chi e' lasciato normalmente senza cibo allora muore? ( e loro no?) 2) QUANDO UN RESPIRIANO RUTTEGGIA il suo rutto equivale a una vomitata? 3) i respirianio che annusano le scoreggie in un forno olandese (sotto le coperte) ingrassano?? scoreggiano e basta o fanno anche la hacca? (io sono di firenze... niente c )
  • gianni - Fabry molto interessante il tuo commento. comunque potresti inserirmi nelle tue ultime volonta? t rintenkiu....
  • Mafalda - Io penso che bisognerebbe provare prima di giudicare
  • Grazia - Io ci credo e per me bisogna avere una volontà di ferro!
  • Stefano - A tutti coloro che seguono questa cultura voglio suggerire di osservare bene le foto dei bambini che nascono e crescono in Etiopia e focalizzare bene le pance degli stessi pieni di aria per voi vitale aria tra l'altro molto più salutare della nostra, riflettere un attimo e invece di dare soldi ai vostri tutori fate un viaggio e dateli a quei bambini e vi sentirete meglio. E' scientificamente provato che il corpo umano oltre un certo tempo fi denutrizione muore. A cazzari!!!!!!!
  • mingus79 - Ma allora è una favola che in tante parti del mondo "SI MUORE DI FAME" ... eppure l'aria c'è dappertutto ...
  • anna - C'è ancora molta chiusura caro Fabry..condivido le tue parole .Namaste
  • Salvo Sarveswara - Salve Gabriella Quercia,complimenti per l'articolo.Condivido il commento di Fabry,e anche se sembra strano,condivido anche gli altri commenti e sapete perchè?.Secondo il mio modesto parere,tutti noi esseri umani siamo come le dita delle mani,simili ma no uguali,perché se fossero uguali,non si potrebbe prendere niente, ognuno avrà un comportamento in base alla propria natura.Sono uno studioso i fisica quantistica e so per certo che a livelli subatomici succedono cose che la massa difficilmente può capire.A questo punto,un caro saluto a tutti/e gli/le amici/amiche.Mi raccomando carissima Gabriella Quercia continui la Sua ricerca con passione.Alla prossima.
  • Elvira - Io sono una vegani, e sono convinta che questo sia un percorso molto personale, che non è alla portata di tutti. Credo sia indispensabile una grande forza di volontà. Io penso di provarci. Per chi non ci crede, chiedo di avere , più rispetto per le idee degli altri. Nessuno vi obbliga a fare niente che non vogliate fare. !
  • roberto - Fate conoscere questa pratica ai nostri Pensionati cosi ne salveremo una buona parte
  • francesco - sentivo mio nonno parlare di queste cose certe volte lo credevo malato ma da quando mi curo da una malattia cominciai a rendermi conto che questa societa ci distrugge moralmente
  • matteo - non è il fatto di essere chiusi mentalmente @anna io pratico meditazione da parecchio tempo e puoi arrivare si a percepire di più ciò che ti circonda e concepire la vita in modo diverso, ma qui si stanno schernendo migliaia di anni di studi scientifici avete una vaga idea di cosa sia un enzima? di cosa sia la glicolisi o il ciclo di krebs? ecco io li ho studiati e non solo ho fatto svariati "prove" dove ho visto con i miei occhi il funzionamento di questi meccanismi che sono alla base della vita, (questo a prescindere che li abbia creati un entità superiore chiamatela come volete o meno). e senza mangiare questi meccanismi non funzionano e si muore...@fabri x il fatto della maggiore sensibilità può essere dovuto ad una maggiore lucidità dovuta al percorso mentale che hai intrapreso più che alla alimentazione, ma attenzione perchè anche la denutrizione come alcune sostanze in particolare allucinogeni possono portare a quello stato. concludo dicendo in modo molto terra a terra una corretta alimentazione, la meditazione, e un'apertura mentale e una maggiore sensibilità sulla vita e su ciò che ci circonda va bene... ma "NON CAGATE FUORI DALLA TAZZA DEL CESSO!" e il respirianesimo è decisamente cagare fuori dalla tazza del cesso!
  • Monia - il DNA di una creatura cambia su tempi che variano dalle decine alle centinaia di migliaia di anni, quindi "dal 2012" non è cambiato proprio una fava. E se è cambiato, è un tumore.
  • Vincenzo - questo articolo è spazzatura pericolosa perche c'è molta gente ingenua che come sempre si fa i cantare da questi falsi santoni che vendono e il caso di dirlo aria fritta (o è cruda?)
  • Tom75 - Sembra che la follia umana non conosca limiti... Un conto è la meditazione ed il mangiare sano ed equilibrato, un altro è inventare balle assurde che possono provocare danni enormi, anche a innocenti (vedi genitori respiriani che mandano a letto i bimbi "senza cena") roba da manicomio a vita.
  • Marco - Articolo da denuncia!
  • Arturo - Sia quello che sia la maleducazione e l'ignoranza vi ammazzerà, uno può essere d'accordo o meno ma non prescinde il modo di comportarsi o scrivere. Leggo soltanto una aggressività senza limiti e certamente sarà poi unita a una lamentosi cronica in altri aspetti. Il funzionamento non fa una piega, l'energia cosmica ha creato tutto e certamente ci si può nutrire attingendo alla fonte, da li a farlo poi è un'altra questione, non certamente chi vive di certi atteggiamenti. Non trovo poi che l'articolo spinga a fare alcun che, descrive qualcosa, punto, è un pò come essere contro le armi se non che dietro c'è sempre un deficiente. Gli altri sono sempre eventi collaterali bisognerebbe iniziare ad imparare a prendersi un pò di responsabilità e aprire un pò la mente ad averla però ....
  • Silvio Pietro - Io sto aprendo un ristorante respiriano! dove si può percepire bioenergie praniche, se volete prenotare c'è ancora posto per il fine settimana!
  • Ravachol - Finalmente risolto il problema della fame nel mondo, pensa in Africa come saranno contenti…
  • Livio - Con gli inceneritori che stiamo costruendo hai veramente da mangiare respirando l'aria piena di particelle micro e macro quindi consiglio a chi vuole intraprendere questo percorso di spostarsi nei pressi di questi produttori di particelle specie nel centro sud che sembra li sono generosi nel produrre e liberare nell aria di tutto !!!
  • Aleks - Ma di quale apertura mentale parlate? Questa é gente malata...da ricovero immediato
  • Maurizio - Al mio paese c'era Serafini che aveva un asino provò a dare sempre meno da mangiare al suo asino ma dopo un po l animale morì. Serafini disse: ma proprio adesso che si era abituato a non mangiare doveva morire!
  • aria fritta con olio di spirito - anche io sono respiriano, a molto tempo. Mi nutro esclusivamente maiale all'aria aperta sulla brace. faccio meditazione concentrandomi su delle costine ben rosolate. cammino a piedi nudi stando attento a non calpestare qualche microbo, chiedendo scusa se ogni tanto sento scricchioare qualche ossicino, ciedo scusa anche alle piante perché calpestando l'erba so di creare dolore. dedico a tutti voi una delle mie preghiere : ave o costina, piena di condimento, vieni da me. Che tu sia ben... rosolata e ben...rosalta anche la tua coscia e ben... cotti tutti i porcelli, o costina vieni a me così come tutti i porcelli si metton sulle braci . RAMEN che il grasso sia con voi e i vostri braceri.
  • Piero - Guardate che il tipo nella foto ha 27 anni
  • Mario - Sono come i pokemon praticamente: i vegani si evolvono in respiriani. Da parte mia, AVANTI TUTTA con le evoluzioni, cosi ve levate definitivamente dalle palle!
  • Maria - io ci credo si è cosi ma devi entrare in uno stato d essere consapevole che noi possiamo tutto
  • Fiore - Queste notizie su una pratica straordinaria come l'alimentazione pranica non dovrebbero essere date in pasto a chi non è su un percorso di ricerca spirituale
  • sardolo - x santolo: scorreggiano semplicemente
  • gp - Uomini. Siete schiavi a causa del cibo. Invidiosi di chi non lo e'. Beati foloro che non mangiano piu'. Sono pađroni di se stessi
  • mario - @santolo cosa cagano? ma che domande fai..ovvio che dopo tutta quell'energia cagano batterie al litio, no?
  • Simone - I soliti scettici.. I soliti carnivori rompicoglioni. Purtroppo per voi questa pratica esiste da molto tempo
  • Anna Lisa marchiori - A me invece questo articolo è piaciuto molto, resto basita nel leggere alcuni commenti che vanno ben oltre la critica o la differenza di opinione, insulti, volgarità, maleparole....siamo in un oscurantismo senza precedenti.
  • Anna Maria La Rocca - Fabry, grazie per la tua testimonianza

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved