di Eva Signorile

Mercato di Giovinazzo, sul bancone i finocchi in vendita come ''gay''
GIOVINAZZO - "Gay di Mola". La scritta, seguita dal prezzo della verdura, campeggiava su un bancone di prodotti ortofrutticoli del mercato di Giovinazzo del venerdì, a indicare i finocchi provenienti da Mola di Bari (Vedi foto in galleria). E' una provocazione, un bisogno di distinguersi a tutti i costi, una discutibile trovata pubblicitaria o si tratta di un deliberato insulto agli omosessuali?

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Eva Signorile
Scritto da

Lascia un commento
  • Giuseppe Maffia - è vergognoso, Il finocchio, inteso come pianta, e come spezia, vale pochissimo. Perciò il finocchio è perfetto per indicare un uomo che si pensa non valga niente: l’omosessuale. La negazione della “mascolinità”. Nel medioevo e dai nazisti, venivano messi al rogo anche gli omosessuali, considerati delle emanazioni del Maligno: dei corruttori, dei negatori di Dio. Per attenuare il lezzo di carne bruciata che emanava dai roghi, c’è chi sostiene che si buttassero nel fuoco delle piante di finocchio selvatico, o addirittura dei fasci di finocchi. Quindi ci trovo pochissimo da ridere!!!!
  • emanuela - non ci sono parole
  • Nicola Matera - " Il guaio del caso Eichmann era che uomini come lui ce n'erano tanti e che questi tanti non erano né perversi né sadici, bensì erano, e sono tuttora, terribilmente normali. " ( Hannah Arendt, La banalità del male)
  • dario - giovinazzo è un paese che fa schifo in tutti i sensi

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved