di Eva Signorile

Quella strana costruzione nella stazione di Monopoli: «E’ un’antica “torre dell’acqua”»
MONOPOLI – Nella stazione di Monopoli c’è una strana costruzione che con la sua altezza accoglie ogni giorno i passeggeri dei treni: si tratta di una torretta esagonale dal colore giallo chiaro e rosso ruggine. La struttura decisamente rétro è sormontata da un silos in metallo a tratti arrugginito che reca scritto il nome del Comune in cui si trova.  Il silos è poi fiancheggiato da una strettissima scala metallica protetta da cerchi posti a distanze regolari, proprio come un’altra scala che si trova dal lato opposto, nella parte in muratura della torretta. (Vedi foto galleria)

Di che cosa si tratta? «E’ una “torre dell’acqua” o  “torre piezometrica”– ci spiega il 53enne Pietro Marra, appassionato di storia dei treni e collezionista di modellini –. Serviva per rifornire di acqua le vecchie locomotive a vapore».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Sì perché, le care vecchie motrici avevano bisogno di acqua quanto di carbone per funzionare, al punto che lungo tutta la linea ferroviaria erano disposti diversi punti di approvvigionamento del prezioso liquido. Mentre le “torri” si trovavano nelle stazioni principali. «Dalla cisterna metallica posta in alto – racconta Marra - sfruttando la forza di gravità, il liquido arrivava fino alle cosiddette “colonne dell’acqua”, cioè a dei veri e propri “rubinetti” da cui si rifornivano poi direttamente le locomotive. Il tempo impiegato era relativamente breve perché l’acqua era pompata a una velocità sostenuta».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Chiaramente una volta dismesse le locomotive a vapore a favore di quelle elettriche, queste strutture sono state abbandonate e l’ammodernamento delle stazioni ha portato nella stragrande maggioranza dei casi a una loro demolizione. Peccato perché si tratta di costruzioni molto antiche: ad esempio la torre di Monopoli è databile intorno al 1865, anno di costruzione della stazione. «Certo, magari nel corso dei decenni la struttura ha subito delle modifiche -  conclude Marra – ma certo, queste torri rappresentano una testimonianza storica di un modo di viaggiare che purtroppo non esiste più».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica)

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Eva Signorile
Scritto da

Lascia un commento
  • nick45 - Non è la sola Monopoli, ne ho vista una nella stazione della sudest di Sammichele.

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved