di Claudio Mezzapesa

"Storia del calcio molese": Sebastiano Roca racconta 90 anni di pallone a Mola di Bari
MOLA DI BARI –  «Mi venne chiesto da un gruppo di amici se me la sarei sentita di scrivere la storia del calcio del nostro paese a partire dalle sue origini, la domanda assunse per me il valore di una sfida, che accettai non pensando minimamente alle difficoltà alle quali sarei andato incontro». Parole del 79enne Sebastiano Roca, giornalista e autore del libro “Storia del calcio molese” (2019, edizioni Città Nostra).Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Un volume suddiviso in 20 capitoli che narra novant’anni di calcio a Mola: dai primordi degli anni 20 fino al termine del campionato 2011/2012, quando l’Atletico Mola, squadra biancoazzurra allenata da Mimmo Caricola e presieduta da Agostino Divella, conquistò il passaggio dal campionato di Promozione a quello di Eccellenza.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Il libro si presenta quindi come lunga cavalcata che si trasforma pian piano in una sorta di romanzo: quello del calcio molese, appunto.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Particolarmente significativo è il capitolo otto intitolato “La rinascita”, in cui si parla del calcio nell’immediato Dopoguerra, quando il pallone riprese vigore dopo anni bui e Mola vide la nascita di nuove squadre come la Libertas, la San Giorgio, l’Ardita 2000, la Net e l’Uragano.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Tra queste squadre, l’Uragano fu quella che più di tutte lasciò il segno negli annali calcistici. La sua creazione fu dovuta agli inglesi di stanza al Campo San Marco allestito alle porte di Bari, i quali spinsero i molesi a mettere su una squadra di calcio. E questa formazione, che annoverava fra le sue fila giocatori come D’Amico, Miuli, Rago, Verga e i fratelli Giovanni e Stefano Catalano, il 1° giugno del 1947 si aggiudicò la finale del Campionato di S.P. battendo la Juventus di Fasano per 3-0. Della squadra, presieduta da Mario Recchia, faceva parte l’allenatore Sante Liotine che negli anni seguenti diventò presidente del Coni pugliese.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Nel secondo e terzo capitolo l’autore parla invece di come erano fatti i palloni e le scarpe negli anni 40. Sferico o quasi, il pallone dei tempi eroici era composto da spicchi cuciti fra loro con lo spago. Solo due non lo erano, per dare la possibilità di inserire la camera d’aria che veniva gonfiata con una pompa di bicicletta attraverso un budello (u maccaraune). Mentre le scarpe erano di duro cuoio e prima di essere usate venivano sottoposte a una serie di interventi per modellarle sul piede del calciatore. Originariamente non avevano i bulloni e aderivano al terreno con strisce di cuoio orizzontali.     

Tante curiosità quindi nel volume di Sebastiano Roca, che rappresenta un atto di amore verso il suo paese e verso quei dirigenti, calciatori e tecnici che hanno contribuito a scrivere una storia secolare.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Claudio Mezzapesa
Scritto da

Lascia un commento


Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Partita IVA 07355350724
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved - Tutte le fotografie recanti il logo di Barinedita sono state commissionate da BARIREPORT s.a.s. che ne detiene i Diritti d'Autore e sono state prodotte nell'anno 2012 e seguenti (tranne che non vi sia uno specifico anno di scatto riportato)