di Salvatore Schirone

Japigia, c'è un ponte pericolante: ma i lavori sono fermi da due anni
BARI - Anche quest'anno migliaia di cittadini lo hanno attraversato per recarsi alla spiaggia di pane e pomodoro. Ignari del rischio. Stiamo parlando del cavalcavia pedonale di via Messapia che collega viale Japigia a viale Imperatore Traiano e che permette di raggiungere facilmente il mare superando la ferrovia. "Facilmente", fin che il ponte regge.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Che il cavalcavia fosse pericolante lo si sapeva da molto tempo, ma ci si accorse della gravità della situazione solo nel 2010. Si decise chiuderlo al passaggio per iniziare i lavori di consolidamento. Stranamente, i lavori si conclusero presto e il ponte venne riaperto, dopo pochi giorni.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

In realtà non venne fatto nessun lavoro. Si insediò il cantiere e si punteggiò la scalinata, ma niente di più. E la recinzione del cantiere è sempre lì, mentre calcinacci e cemento continuano a staccarsi mostrando l'armatura arrugginita della struttura. La recinzione ha un cartello che ne vieta l'accesso. A tutti, tranne evidentemente ai proprietari della moto e della bici incredibilmente parcheggiate all'interno.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Sul cantiere nessun cartello che indichi inizio e fine lavori, tanto meno il nome della ditta esecutrice e dell'ingegnere incaricato.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

I pedoni si sono abituati, non ci fanno più caso. E si prosegue ad attraversare il ponte tutti i giorni. Ma gli inquilini dei palazzi attigui no.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

La signora Maddalena ha il balcone che si affaccia proprio sul ponte. «Sono più di due anni -  racconta - che il passaggio pedonale è stato punteggiato, ma continua a cadere a pezzi. E' rimasto sempre aperto però. Sotto il ponteggio si accumulano i rifiuti e d'estate la puzza e le zanzare sono insopportabili. Ci siamo lamentati con l'Amiu -continua - chiedendo che venissero a pulire, ma ci hanno detto che non è di loro competenza. Abbiamo denunciato il fatto al sindaco, anche recentemente in un'assemblea di circoscrizione. Ci ha promesso l'intervento della nettezza urbana, ma fino ad oggi non si è visto nessuno. Siamo noi del condominio - conclude - che facciamo le pulizie».

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Salvatore Schirone
Scritto da

Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved