di Alessandra Anaclerio

Il Consiglio di Stato conferma: il bar ''Al Savoia'' resta aperto
BARI - Ora è definitivo: il Consiglio di Stato ha deciso che il bar “Al Savoia” di via Calefati non chiuderà i battenti.  Il Consiglio già nello scorso ottobre aveva deciso per la sospensione del provvedimento di chiusura disposto dal Comune di Bari. E oggi, attraverso la decisione della Camera di Consiglio si è avuto il “no” definitivo.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Deve quindi arrendersi il sindaco di Bari, Michele Emiliano, che si era battuto affinchè lo storico bar si adeguasse alle nuove norme sui bagni per i disabili, che prevedono la collocazione dei servizi omologati al primo piano.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.
 
Il Consiglio di Stato ha invece evidentemente dato priorità all’integrità occupazionale dell’esercizio commerciale, che dà lavoro a 15 dipendenti.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Il bar è stato costruito nel 1999 e tutte le autorizzazioni necessarie sono state richieste e ottenute secondo la normativa di allora-dichiara l'avvocato Lofoco, difensore del Savoia-. Oggi non possono dire che c é qualcosa di abusivo solo perché é stata fatta una rivisitazione di autorizzazioni. Per questo affermo che il bar é agibile, non ha alcun tipo di problema nè urbanistico e nè sanitario. Questo vale sia per la mancanza dei bagni per disabili che per il gazebo esterno. Se oggi si ritengono necessari dei cambiamenti - conclude - questi verranno realizzati continuando l'attivitâ e non mandando a casa 15 dipendenti».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

  
«Prendiamo atto della pronuncia cautelare del Consiglio di Stato che rinvia al TAR di Bari gli atti per una celere decisione nel merito», afferma l’assessore allo Sviluppo economico del Comune di Bari, Rocco De Franchi, che aggiunge: «Siamo lieti che il livello occupazionale dell’attività sia salvaguardato, aspetto questo che sta particolarmente a cuore all’amministrazione Emiliano. Riteniamo che ci siano i tempi necessari per la messa a norma strutturale dei locali, pure proposta dai proprietari del bar nel corso di un incontro con il sindaco, prima della celebrazione dell’udienza di merito».                                                                                                                                


© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Scritto da

Lascia un commento


Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Partita IVA 07355350724
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved