di Nicola De Mola

Pista di viale della Repubblica: il Comune ci mette una pezza
BARI - Squadre di operai al lavoro per risistemare il tratto di pista ciclabile che collega Viale della Repubblica a Parco 2 giugno, ormai noto come uno tra i più dissestati e pericolosi della città. È questa la bella sorpresa che i cicloamatori baresi hanno trovato stamattina (vedi foto galleria). La tanto invocata manutenzione arriva a quattro anni dall’inaugurazione del percorso e a un anno di distanza dalla nostra denuncia.

Oggetto dei lavori sono le crepe sulla pavimentazione in resina acrilica e i dossi improvvisi, provocati dalla crescita delle radici degli alberi posti a divisione dei sensi di marcia, che mettevano a serio rischio l’incolumità dei ciclisti.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Gli operai al lavoro da stamattina stanno infatti rendendo più sicuro il manto stradale, ripianandolo in più punti e tagliando le radici che lo avevano ormai deformato.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«A causa dei dossi, percorrere quel tratto era diventato davvero pericoloso - afferma Milena Ianigro, rappresentante dell’associazione culturale CicloSpazio -. Ho sentito di un uomo che è caduto due volte nello stesso punto, rompendosi tutte e due le volte un braccio».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


«Spero però che non si limitino al solo Viale della Repubblica, ma che sistemino anche un po’ il problema dei tombini e delle lucine in Viale Unità d’Italia - aggiunge Carlo, che percorre quotidianamente la pista -. Perchè anche lì il rischio di farsi male per noi ciclisti è sempre dietro l'angolo».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«La manutenzione, per il momento, sta interessando Viale della Repubblica - fanno sapere dal Comune -. Ma potrebbe anche proseguire verso il secondo tratto della pista ciclabile, a seconda dei problemi che verranno riscontrati sul posto dai tecnici».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Proprio per questo i tempi di conclusione dei lavori risultano ancora ignoti. Certo, non ci troviamo di fronte a una vera e propria opera di restyling degli 1,2 km di corridoio verde costruito nel bel mezzo del caos del traffico cittadino. Ma evidentemente anche l’amministrazione si era accorta che, per tutelare l’incolumità dei ciclisti baresi, almeno una pezza andava messa.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

In attesa che le radici ricrescano (perchè ricresceranno, è la natura), si spera che non ci vogliano di nuovo quattro anni per risistemare una delle piste ciclabili più utilizzate a Bari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Scritto da

Lascia un commento