di Nicola Paparella

Ateneo, due siringhe in giardino. I sorveglianti: non possiamo farci nulla
BARI – Siringhe nell’Ateneo. Avevamo già parlato della facilità con cui chiunque può entrare nella facoltà di Giurisprudenza, servendosi dei bagni riservati agli studenti, ma nel plesso principale dell’Università di Bari si sta eccedendo il limite. Ieri infatti, al piano terra della struttura, sono state ritrovate due siringhe, usate probabilmente da qualche tossicodipendente per iniettarsi dell’eroina (vedi foto galleria).Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Il luogo del ritrovamento è uno dei più “battuti” dagli studenti: è la piazzetta con al centro la fontana, nei pressi del bar. Qui i ragazzi si concedono spesso una pausa tra le lezioni, sedendosi sulle panchine all’aperto, nel giardino. E proprio questo posto tranquillo è stato scelto da qualche eroinomane per farsi la sua dose. E non si tratta di un caso isolato: altre siringhe in passato sono state scorte per le scale e «anche nei bagni», come afferma uno studente.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Noi però non possiamo farci niente, il palazzo è pubblico e l’ingresso non è regolamentato, chiunque può entrare anche se non studia qui», dichiara uno dei sorveglianti presenti nell’Ateneo, un “agente privato” dell’Eurosafety, non dotato però del “potere” di controllare che chi entra nell’istituto sia uno studente in possesso del libretto universitario.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

  
In effetti l’Università è una struttura completamente aperta da più lati ed è giusto che sia così. Solo che forse sarebbe necessario un maggior controllo al suo interno, che possa fungere perlomeno da deterrente per chi vede in quel plesso il posto ideale dove potersi andarsi a bucare. 

«Anche perché ho motivo di credere – sottolinea il sorvegliante  - che queste siringhe vengano gettate dalle scale interne situate tra il primo e il secondo piano del plesso, dove spesso persone anche “esterne” si ritrovano per fumare. Se fosse così ci sarebbe anche il rischio che qualcuno possa essere colpito».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.
 
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Scritto da

Lascia un commento
  • doc - che minchiata! si vede benissimo che non sono siringhe da insulina. quindi e' stato uno scherzo. o ce le ha messe chi ha scritto l'articolo


Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Partita IVA 07355350724
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved