di Salvatore Schirone

Bari, nei giardini di fronte al Petruzzelli nascosti valigie, borse, cinture e portafogli
BARI - «Stavo portando come al solito il cane a spasso, quando ho intravisto qualcosa di colorato nelle siepi». Vito fa il dog sitter e due volte al giorno accompagna il vecchio Aki a passeggio tra i giardinetti che fungono da spartitraffico in corso Cavour. Ma lo scorso 29 gennaio, tra i fusti contorti delle palme nane che adornano i due isolati proprio di fronte al teatro Petruzzelli, ha visto sbucare giocattoli, abiti, borse, cinture, portafogli raccolti in bustoni e scatoloni semiaperti.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Increduli, qualche giorno dopo (il 5 febbraio) ci siamo andati anche noi e abbiamo verificato che il racconto di dell’uomo corrispondeva al vero. La piazzetta, che ironia della sorte è dedicata a Candida e Ave Stella, le due insegnanti che giocarono un ruolo importante negli anni 50 per la rinascita culturale di Bari, di "candida" aveva ben poco. (Vedi foto galleria)

Ben celate dietro i cespugli abbiamo scorto le buste e le scatole (coperte da secchi e sgabelli) di cui parlava Vito, solo che questa volta risultavano ben chiuse: era evidente che qualcuno nel frattempo aveva provveduto a occultare con più scrupolosità i beni. Oltre ai contenitori era presente tra le aiuole una valigetta grigia che abbiamo fotografato senza toccare. Anche un topo, dopo aver fatto capolino da un ramo, si è fermato stupito davanti all'oggetto misterioso.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Lunedì scorso, 15 febbraio, a 10 giorni dal primo sopralluogo siamo ritornati sulla piazzetta situata a due passi dall’elegante Quartiere Umbertino: buste e scatole erano sempre lì, assieme alla valigia. Si tratta di un vero mistero. Forse l’ipotesi più credibile è che qualcuno abbia rubato quegli oggetti e dopo essersene liberato temporaneamente, stia aspettando il momento giusto per andare a recuperare il maltolto.  Ma queste sono solo congetture.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Certo, sconcerta pensare che l'Amiu in tanti giorni non sia ancora passata a pulire quelle aiuole e che i vigili urbani, sempre molti attenti alle auto in divieto di sosta, non si siano accorti di questo “posteggio" abusivo”. Del resto a sentire Vito sembra che persino i giardinieri del Comune siano intervenuti per la consueta potatura del prato intorno alle aiuole, senza però aver notato i nuovi improbabili "datteri" spuntati dalle palme della piazza.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica)

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Salvatore Schirone
Scritto da

Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Via Fiume 18/20
70127 Bari (BA) - Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved