di Gaia Agnelli

Bari, apre un locale "inclusivo": «Bagni gender free e personale con un passato difficile»
BARI - «Questo locale si presenta ai baresi come un “contenitore democratico”: un luogo dove chi ha avuto un passato difficile viene aiutato e nel quale non si fanno differenze di nessun tipo, nemmeno in bagno». Sono le parole del 48enne Luca Rutigliano, ideatore di “Honèst”, un particolare bar bistrot che verrà inaugurato oggi in via Sparano 143, a Bari. (Vedi foto galleria)

A farla da padrone nel nuovo esercizio commerciale è infatti “l’inclusione”, ovvero l’atto di eliminare le disuguaglianze tra individui (di natura sessuale, religiosa, di razza o di cultura), che possono portare a una discriminazione o a un’esclusione sociale.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

E così all’interno dell’Honèst il bagno è “gender free”, ovvero senza distinzione di genere e quindi senza separazione tra donne e uomini (e quindi non penalizzante per il mondo “lgbtqia+”). In più tutti i dipendenti sono stati scelti in maniera accurata tra persone con voglia di riscattarsi e che avrebbero faticato a trovare lavoro per via del loro passato difficile.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Siamo andati quindi a visitare il locale in anteprima, il cui ingresso si apre nel primo tratto di via Sparano venendo dalla Stazione. L’Honèst (il cui nome rimanda alla tipica espressione barese che vuol dire “giusto”) si trova così a pochi passi da Piazza Aldo Moro e pare che la scelta non sia casuale.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Si tratta di un’area da sempre considerata come il punto di incontro degli “ultimi” e quindi temuta dalla maggior parte dei baresi – afferma Rutigliano –. Crediamo però che negli ultimi tempi, grazie al turismo sempre più crescente, anche questa piazza si stia riscattando. Rappresenta così per noi un simbolo di rinascita».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Accanto all’entrata una targhetta su una colonna allerta i visitatori che “no stupid people beyond this point” (non è permesso l’accesso alla persone stupide). Una volta dentro ci dirigiamo verso il bancone, dove sono presenti sei spillatori di birra del colore delle sei tonalità della bandiera arcobaleno simbolo lgbt. Anche le luci soffuse che riempiono gli scaffali con le bottiglie dei superalcolici cambiano colore ogni tot minuti, assumendo proprio le tinte in questione.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Ci avviamo ora verso i famosi bagni, sulle cui porte come detto non ci sono le classiche figurine dell’uomo e della donna, ma un cartello che avverte di essere davanti a un luogo “gender free” (libero di genere). A rafforzare il concetto ci pensano le scritte incise con un pennarello bianco che recitano “pee where the fu…k you want” e “poop where the fu…k you want”, con le rispettive traduzioni in italiano “fai pipì dove c…o vuoi” e “caga dove c…o vuoi”.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Sono il primo ad aver scritto questo tipo di frasi sulla toilette – sottolinea Luca Rutigliano -. Non mi piacciono le etichette: ognuno deve essere libero di sentirsi se stesso e non sarà certo una targa in un bagno a indicargli “chi è”. Perché qui si va oltre l’orientamento sessuale, il colore della pelle, la nazionalità e il background sociale che ognuno si porta dietro – continua –. Per questo ho pensato di assumere come dipendenti individui che, se ci si fosse fermati alla prima impressione, probabilmente non avrebbero avuto alcuna opportunità».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Tra camerieri, cuochi e barman ci sono infatti ex tossicodipendenti, ragazze vittime di violenze, persone che hanno rischiato di morire per delle malattie e naturalmente anche immigrati. Tra questi un collaboratore originario del Ghana approdato in Italia dopo un lungo viaggio su un barcone.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«La sua storia è incredibile  –  sottolinea Luca prima di salutarci –. Erano in duemila sulla nave che lo ha condotto in Puglia. Durante il giorno ciascuno aveva solo un pezzo di pane con cui sfamarsi, ma spesso, quando calava la notte, veniva rubato loro da qualcuno che faceva vigere la “legge del più forte”. Il mio dipendente è sopravvissuto a tutto questo, ma quando è arrivato qui aveva paura di restare nel locale quando c’era poca luce: il buio gli ricordava la “guerra” sulla barca. Ma ora sta pian piano ritrovando il sorriso e la serenità, anche grazie al nostro aiuto».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica)


© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Gaia Agnelli
Scritto da

Lascia un commento


Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Partita IVA 07355350724
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved - Tutte le fotografie recanti il logo di Barinedita sono state commissionate da BARIREPORT s.a.s. che ne detiene i Diritti d'Autore e sono state prodotte nell'anno 2012 e seguenti (tranne che non vi sia uno specifico anno di scatto riportato)