di Antonio Bizzarro

Il lungomare di Bari, 16 km di strada interrotti dalla foce di una lama: «Serve un ponte»
BARI – Una strada lunga 16 chilometri che attraversa la città fiancheggiando tutta la costa ma che poi a un certo punto si interrompe davanti a un muretto. Parliamo del lungomare di Bari, arteria che parte da San Giorgio con il nome di via Alfredo Giovine e termina a Fesca con la denominazione di lungomare IX maggio. Una via che collega praticamente tutto il capoluogo pugliese, ma che poi come detto è costretta a stopparsi. Il motivo? Perché incontra la foce di Lama Balice. (Vedi foto galleria)

La lama è ciò che rimane dell’antico torrente Tiflis, che lambiva l’area dell’attuale aeroporto di Bari per poi andare a scaricare le sue acque proprio a Fesca. Ora l’ex fiume è diventata un parco e ospita diverse specie di insetti e uccelli.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Di certo, anche per la sua importanza idrogeologica, non è possibile costruirci una strada su, così una volta arrivati alla sua altezza, l’automobilista o il pedone è costretto a girarci attorno lasciando il mare alle proprie spalle.  L’unico modo per riprendere la costa è quello di imboccare la sopraelevata tangenziale, uscire su via Napoli e raggiungere strada del Baraccone, che rappresenta un po' il proseguimento ideale del lungomare.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Se è impensabile costruire una strada, è vero anche che non sembra rappresentare un’opera di difficile realizzazione un ponticello magari in legno che possa permettere a pedoni e ciclisti di attraversare i venti metri di larghezza della foce, andandosi a congiungere con strada del Baraccone.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«E’ una cosa fattibile di cui non solo si è parlato, ma che era stata anche inserita nel Biciplan del Comune di Bari datato 2013, ossia il piano locale della mobilità ciclistica», afferma Milena Ianigro, rappresentante dell’associazione Ciclospazio di Bari. Tuttavia il progetto del ponte è rimasto solo sulla carta e almeno per ora non sono previsti finanziamenti per la sua costruzione. «Di quel necessario ponticello non si è saputo più nulla», sottolinea Milena.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.
 
E quindi al lungomare di Bari, che cambia ben 13 nomi lambendo 7 quartieri della città, non resta ancora che terminare proprio nel punto in cui in epoca fascista arrivava la ciclatera (caffettiera), un treno a vapore che portava i bagnanti sulle sabbiose e non più esistenti spiagge di Fesca.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica di Katia Moro e Gennaro Gargiulo)

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Antonio Bizzarro
Scritto da

Lascia un commento
  • luigi picinni - molto interessante

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Via Fiume 18/20
70127 Bari (BA) - Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved