di Laura Villani

Nel Museo Civico il primo libro stampato a Bari, ricordo di un'avventura finita presto
BARI – Ne sopravvive solo una copia pubblica, esposta in una teca del Museo Civico: si tratta del primo libro stampato a Bari, datato 15 ottobre 1535, una raccolta di testi in prosa e versi del letterato napoletano Colantonio Carmignano.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Il volume, dal titolo lunghissimo (“Operette del Partenopeo Suavio in varji tempi et per diversi subietti composte et da Silvan Flammineo insiemi raccolte et alla amorosa et moral sua Calamita intitolate”), testimonia il tentativo di Bari di mettersi al passo con le maggiori città italiane, che avevano fatto della stampa  un mercato fiorente e attivo e da quasi sessant’anni.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Una storia che però ebbe breve vita, visto che la tipografia aperta dal francese Gilbert Néhou nei pressi della Basilica di San Nicola, chiuse dopo poco tempo. Lo stampatore trasferì presto i suoi torchi a Venezia, ponendo così fine alla prima avventura editoriale della città di Bari. Bisognerà aspettare il 1603 per rivedere un volume stampato nel capoluogo pugliese: uno scritto giuridico di Sempronio Ascia, edito da Giulio Cesare Ventura.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Ma veniamo alle “Operette”. La copia esposta al Museo Civico (nella foto) è aperta a mostrare il frontespizio, su cui sono illustrati un suonatore di liuto e un Cupido sul punto di scoccare una freccia. Il suo aspetto generale tradisce i segni del tempo: le pagine appaiono fragili e ingiallite e ricoperte da una protezione. Il formato è quello dei “tascabili”, che all’epoca rappresentavano una grande novità.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

I temi del libro sono eterogenei: vi si trovano infatti sonetti amorosi e rime encomiastiche, morali e spirituali, egloghe pastorali e testi in prosa. Tra i nuovi contenuti che caratterizzano le “Operette” rispetto a un’altra e precedente edizione veneziana, si trova un resoconto del viaggio della duchessa di Bari Bona Sforza per la Polonia: un reportage in versi di una difficile traversata invernale a cui partecipò lo stesso Carmignano.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Fu forse proprio il rapporto tra l’autore e la sua signora a far sì che questo volume fosse stampato proprio a Bari, città che Bona Sforza reggeva dal 1524.

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Laura Villani
Scritto da
lunedì 4 luglio 2016
Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Via Fiume 18/20
70127 Bari (BA) - Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved