http://www.barinedita.it/ Notizie inedite da Bari. it Tue, 10 Jun 2003 09:41:01 GMT http://blogs.law.harvard.edu/tech/rss Weblog Editor 2.0 info@barinedita.it (Marco Montrone) info@netboom.it (Netboom) BarInedita storie e interviste Fasano nella Selva c’e il “Minareto”: fiabesco edificio inutilizzato da decenni http://www.barinedita.it/storie-e-interviste/n2857-fasano-nella-selva-c’e-il-“minareto”--fiabesco-edificio-inutilizzato-da-decenni Fasano nella Selva c’e il “Minareto”: fiabesco edificio inutilizzato da decenni

FASANO – Lassù, nel cuore della Selva di Fasano, si trova una delle costruzioni più particolari e affascinanti di tutta la Puglia: è “Villa Damaso Bianchi”, meglio conosciuta con il “Minareto” per via dei suoi elementi architettonici che ricordano un edificio arabo. Si tratta di un’abitazione voluta dal pittore e architetto Damaso Bianchi, nato a Bari nel 1861 ma di famiglia fasanese. Fu lui, conoscitore e amante dell’Oriente, che la progettò e la inaugurò nel 1912 per farne una resi

]]>
Wed, 19 Apr 2017 09:47:00 +0100
Bari quando Hollywood abitava in via Caldarola: Li si trovavano Warner e Universal http://www.barinedita.it/storie-e-interviste/n2856-bari-quando-hollywood-abitava-in-via-caldarola--li-si-trovavano-warner-e-universal Bari quando Hollywood abitava in via Caldarola: Li si trovavano Warner e Universal

BARI – C’è stato un tempo in cui a Bari si respirava l’aria di Hollywood. Su via Caldarola, la lunga strada che attraversa tutto il quartiere Japigia, avevano sede una decina di case cinematografiche tra cui le americane International, Paramount, Warner Bros e Universal. Bari era infatti la città dove arrivavano tutte le pellicole dei film, che poi venivano distribuite nei vari cinema della Puglia e della Basilicata.

]]>
Tue, 18 Apr 2017 13:04:00 +0100
Bari splendore e riti satanici: sono le antiche e invisibili ville di via Fanelli http://www.barinedita.it/storie-e-interviste/n2854-bari-splendore-e-riti-satanici--sono-le-antiche-e-invisibili-ville-di-via-fanelli Bari splendore e riti satanici: sono le antiche e invisibili ville di via Fanelli

BARI – Sono tra le ville più antiche e grandi di tutta Bari, costruite tra la fine dell’800 e l’inizio del 900 secondo i dettami dello stile liberty. Solo che a differenza degli edifici presenti su corso Alcide de Gasperi, queste splendide dimore non sono visibili: si trovano infatti celate da alti muri e grandiosi arbusti che di fatto le nascondono agli occhi dei passanti. Si tratta quindi di fabbricati “misteriosi”, la cui storia si intreccia con episodi di inquietanti rituali satanici che sono stati praticati proprio al loro interno negli anni 90. Parliamo

]]>
Fri, 14 Apr 2017 13:50:00 +0100
Il vecchio Michele: Costruisco barche in miniatura in ricordo del mare perduto http://www.barinedita.it/storie-e-interviste/n2855-il-vecchio-michele--costruisco-barche-in-miniatura-in-ricordo-del-mare-perduto Il vecchio Michele: Costruisco barche in miniatura in ricordo del mare perduto

BARI – “Se vuoi costruire una barca non radunare uomini per tagliare legna, dividere i compiti e impartire ordini, ma insegna loro la nostalgia per il mare vasto e infinito”. Scriveva così lo scrittore francese Antoine de Saint-Exupéry in “Cittadella”, perché è vero, il mare quando ti entra dentro non ti lascia più. E questo lo sa bene il signor Michele, “vecchio” marinaio che ha trascorso anni al largo prima che un incidente lo costringesse ad abbandonare la vita sulle navi. Il legame con l’immensa distesa blu però è rimasto intatto, tanto che il 66enne barese ha deciso di riprodurre nostalgicamente nella sua “bottega” un vero e proprio porto, con tante piccole e colorate barchette di legno. ]]> Fri, 14 Apr 2017 12:13:00 +0100 Tra antiche case popolari e storici edifici il rione Picone piu vero: viale Orazio Flacco http://www.barinedita.it/storie-e-interviste/n2851-tra-antiche-case-popolari-e-storici-edifici-il-rione-picone-piu-vero--viale-orazio-flacco Tra antiche case popolari e storici edifici il rione Picone piu vero: viale Orazio Flacco

BARI – Facile dire “Picone”. Il grande quartiere sorto a partire dagli anni 10 del secolo scorso a sud-ovest del centro, racchiude infatti in sé numerose e diverse anime. C’è la ormai piccola parte più antica, compresa tra viale Ennio e viale Salandra, quella più nuova e “borghese” sviluppatasi a ridosso dell’estramurale, c’è “l’isola” del “Quartierino” e l’area più peri

]]>
Thu, 13 Apr 2017 11:28:00 +0100
Ferdinando a 12 anni crea app e gestisce Wikipedia: Ma spesso non vengo capito http://www.barinedita.it/storie-e-interviste/n2853-ferdinando-a-12-anni-crea-app-e-gestisce-wikipedia--ma-spesso-non-vengo-capito Ferdinando a 12 anni crea app e gestisce Wikipedia: Ma spesso non vengo capito

BARI – «Partecipo a tutte le assemblee di condominio perché mi piace essere aggiornato sulle leggi e le novità in campo economico». A parlare non è un affermato avvocato, ma un ragazzino di 12 anni appena compiuti: il suo nome è Ferdinando (nella foto) ed abita nel rione San Girolamo di Bari. Lui è un “piccolo genio” che al posto di giocare a pallone o alla playstation come i suoi amici, studia non solo il Diritto ma anche le nuove tecnologie, tanto da creare

BARI – L’arcangelo Michele giace separato dalle sue ali rotte, mentre poco lontano un demone nero agonizzante digrigna i denti. Non è la scena di un kolossal biblico, ma uno scorcio di ciò che avviene quotidianamente a San Francesco della Scarpa, ex convento duecentesco sede dei restauratori della Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici della Puglia. Qui infatti da decenni “angeli custodi” dell’arte ridanno luce a opere che il tempo e l’incuria hanno danneggiato. Questo storico complesso (che la leggenda vuole sia stato costruito alla presenza del santo di Assisi

]]>
Tue, 11 Apr 2017 13:44:00 +0100
Bari finestre che si aprono da sole e strani odori: i misteri del disabitato Palazzo Rava http://www.barinedita.it/storie-e-interviste/n2850-bari-finestre-che-si-aprono-da-sole-e-strani-odori--i-misteri-del-disabitato-palazzo-rava Bari finestre che si aprono da sole e strani odori: i misteri del disabitato Palazzo Rava

BARI -  Finestre che si aprono da sole, odori nauseabondi che si sprigionano dagli scantinati, proprietari introvabili. Sono solo alcuni dei misteri che aleggiano su un antico palazzo disabitato che sorge in via Pietro Ravanas, ad angolo con via Principe Amedeo. Si tratta di una struttura giallina di inizio 900 (tra le poche restaurate nel rione Libertà), dall’aspetto nobile ed elegante. Il suo portone è situtato al civico 177 e risulta facilmente riconoscibile grazie a una "erre" in stampatello di metallo posta quasi alla sommità. I più lo chiamano  “Palazzo Rava”, dal nome  del suo ultimo inquilino: un ricco radiologo di origini piemontesi.

BARI - È dedicata alla più alta carica della chiesa cattolica, ma l'unica "religione" che sembra ospitare è il consumo di alcolici. Parliamo di piazzetta dei Papi, particolare angolo del quartiere Poggiofranco che non solo accoglie uno dei pochi giardini pubblici di Bari, ma è soprattutto la patria cittadina delle enoteche. Qui infatti a pochi metri di distanza l&rs

]]> Mon, 10 Apr 2017 12:14:00 +0100 La nostalgica zona di San Francesco li dove i baresi passavano i giorni d’estate http://www.barinedita.it/storie-e-interviste/n2849-la-nostalgica-zona-di-san-francesco-li-dove-i-baresi-passavano-i-giorni-d’estate La nostalgica zona di San Francesco li dove i baresi passavano i giorni d’estate

BARI – E’ una delle zone più “famose” della città, lì dove un tempo, soprattutto d’estate, i baresi si riunivano per divertirsi tra storici lidi, grandi spiagge libere e parchi alberati. Parliamo della zona di “San Francesco”, quell’area appartenente al rione San Girolamo che si estende dalla Fiera del Levante al Canalone. Abbiamo detto “un tempo” perché nonostante l’area sia rimasta praticamente immutata, in realtà negli ultimi trent’anni la stragrande maggioranza dei cittadini ha “abbandonato” San Francesco. Questo a seguit

]]>
Fri, 7 Apr 2017 13:51:00 +0100
Mille ostacoli e un sogno: quello di Tomas ragazzo down iscritto all’Universita http://www.barinedita.it/storie-e-interviste/n2847-mille-ostacoli-e-un-sogno--quello-di-tomas-ragazzo-down-iscritto-all’universita Mille ostacoli e un sogno: quello di Tomas ragazzo down iscritto all’Universita

BARI – Sulla carta dovrebbe essere aperta a tutti e proprio per questo motivo è dotata di un apposito “ufficio disabilità” atto ad accogliere i diversamente abili che vogliono intraprendere un percorso di studi, ma nella realtà dei fatti l’Università di Bari non è ancora pronta per aiutare gli invalidi, perlomeno quelli gravi. E così dopo avervi raccontato delle enormi difficoltà riscontrate da Emanuele, 34enne invalido psichico iscritto all'

BARI – Cinquantasette: tante sono le chiese parrocchiali di Bari. Edifici che ospitano le varie comunità di fedeli sparse sul territorio, ma che spesso (a differenza delle chiese antiche) sono stati costruiti senza badare molto all’estetica. Si tratta per la maggior parte di strutture dalle forme severe, in alcuni casi “postmoderne”, magari spaziose ma anche molto “fredde”. C’è però un’eccezione: una piccola chiesa presente nel ]]> Tue, 4 Apr 2017 14:16:00 +0100 Da inavvicinabile “lazzaretto” a quartiere borghese: e la storia di Poggiofranco http://www.barinedita.it/storie-e-interviste/n2846-da-inavvicinabile-“lazzaretto”-a-quartiere-borghese--e-la-storia-di-poggiofranco Da inavvicinabile “lazzaretto” a quartiere borghese: e la storia di Poggiofranco

BARI – Da inavvicinabile “lazzaretto” a quartiere borghese. Non tutti sanno che Poggiofranco, il rione forse più “ricco” di Bari abitato com’è da imprenditori e professionisti, è nato sessant’anni fa in una zona non solo periferica e popolare, ma soprattutto poco “raccomandabile”, per via della presenza del sanatorio “Cotugno”: l’istituto che ospitava i malati di tubercolosi. La “vecchia” Poggiofranco sorse proprio attorno al sanatorio, con l’edificazione nei primi anni 50 di alcune case popolari tra viale Papa Giovanni XXIII, via Niceforo, via Pansini e viale Papa Pio XII. Bassi e colorati edifici di due massimo tre piani, inseriti in aree condominiali c

]]> Mon, 3 Apr 2017 13:42:00 +0100 Reborn la bambola che sostituisce il neonato: Per chi non puo essere mamma http://www.barinedita.it/storie-e-interviste/n2840-reborn-la-bambola-che-sostituisce-il-neonato--per-chi-non-puo-essere-mamma Reborn la bambola che sostituisce il neonato: Per chi non puo essere mamma

Intraprendere la lunga strada per l'adozione, tentare strade alternative per la fecondazione  o nel peggiore dei casi chiudersi nella disperazione. Sono solo alcuni dei modi attraverso cui una donna solitamente reagisce davanti all'impossibilità di dar luce a un figlio. Ce n'è però un altro sicuramente più raro ma piuttosto curioso (e triste): consiste nel prendersi cura di una "reborn", cioè di un particolare tipo di bambola che somiglia così

]]>
Fri, 31 Mar 2017 11:43:00 +0100
La Zona Cecilia enclave barese in territorio modugnese: Non apparteniamo a nessuno http://www.barinedita.it/storie-e-interviste/n2842-la-zona-cecilia-enclave-barese-in-territorio-modugnese--non-apparteniamo-a-nessuno La Zona Cecilia enclave barese in territorio modugnese: Non apparteniamo a nessuno

BARI – Ufficialmente si trova sul territorio di Modugno, ma dal centro abitato di questo paese dista la bellezza di 6 km, è però attaccata al quartiere San Paolo ma, ironia della sorte, non può essere considerata un rione di Bari. Parliamo dello “strano caso” della Zona Cecilia, un agglomerato di case sorto nel 1969 a nord della Zona Industriale e abitato

]]>
Thu, 30 Mar 2017 12:49:00 +0100
Da ''Ů baffon'' a “Mimmo del fafarulo”: viaggio notturno tra le cornetterie di Bari http://www.barinedita.it/storie-e-interviste/n2838-da---u-baffon---a-“mimmo-del-fafarulo”--viaggio-notturno-tra-le-cornetterie-di-bari Da ''Ů baffon'' a “Mimmo del fafarulo”: viaggio notturno tra le cornetterie di Bari

BARI - "Ù baffòn", "Di Stasi", "Mimmo del fafarulo". Se siete di Bari probabilmente avrete già intuito quale "gustoso" viaggio stiamo per affrontare: abbiamo infatti nominato tre delle mitiche cornetterie notturne della città, tappe finali delle serate trascorse in giro per il capoluogo pugliese. Che si vada a ballare, a bere una birra o a vedere un film, l'atto conclusivo delle "uscite" è rappresentato quasi sempre da questi laboratori di dolciumi che si affollano all'arrivo dell'oscurità. (Vedi foto galleria) In genere sorgono nelle vicinanze di luoghi di aggregazione come cinema, pub e pizzeri

]]>
Thu, 30 Mar 2017 10:49:00 +0100
Palazzi liberty ingabbiati da binari e sottopassi: e l’elegante ma degradata via Tunisi http://www.barinedita.it/storie-e-interviste/n2841-palazzi-liberty-ingabbiati-da-binari-e-sottopassi--e-l’elegante-ma-degradata-via-tunisi Palazzi liberty ingabbiati da binari e sottopassi: e l’elegante ma degradata via Tunisi

BARI – E’ una via brevissima, ma racchiude in pochi metri la storia di due tra i più bei palazzi in stile liberty della città, costretti però a convivere con il continuo via vai dei treni e con un sottopasso pedonale di recente costruzione buio e sporco. E’ via Tunisi, misconosciuto lembo di Bari che taglia via Emanuele Mola, la strada che da via Capruzzi porta al rione Madonnella. Qui, prima di entrare nel passaggio sotterraneo che permette l’attraversamento dei binari della ferrovia, sulla destra e sulla sinistra si aprono due vicoli ciechi che prendono entrambi il nome della città africana che si affaccia sul Mediterraneo. ]]> Wed, 29 Mar 2017 13:43:00 +0100 Mola quelle villette fantasma adagiate sul mare da piu di vent’anni http://www.barinedita.it/storie-e-interviste/n2839-mola-quelle-villette-fantasma-adagiate-sul-mare-da-piu-di-vent’anni Mola quelle villette fantasma adagiate sul mare da piu di vent’anni

MOLA DI BARI – Sono adagiate sulla bassa costa di Mola di Bari da più di vent’anni in uno stato di totale abbandono e decadenza. Si tratta di una ventina di villette abusive mai completate, la cui edificazione è stata bloccata nel 1996, quando ci si accorse che le case si trovavano a meno di 300 metri dal mare, violando quindi i dettami della legge Galasso. (Vedi foto galleria) Un sequestro che all’epoca apparve inevitabile, che però ha dato il via a un lunghissimo iter processuale conclusosi solo nel 2013 con la sentenza di condanna della Corte di Cassazione. Da allora la proprietà delle abitazioni è

]]> Tue, 28 Mar 2017 13:56:00 +0100 Otto auto decine di moto e due bici: la grande collezione “d’epoca” del barese Rino http://www.barinedita.it/storie-e-interviste/n2837-otto-auto-decine-di-moto-e-due-bici--la-grande-collezione-“d’epoca”-del-barese-rino Otto auto decine di moto e due bici: la grande collezione “d’epoca” del barese Rino

BARI - Una Rolls Royce Shadow del 1974, una Fiat 500 Gamine Vignale del 1972, una Maserati Quattroporte del 1979, ma anche decine di motociclette storiche e persino due mezzi a pedali realizzati più di un secolo fa. Sono solo alcuni dei veicoli d'epoca di Rino, 45enne barese che nel suo garage del quartiere Marconi custodisce un grande parco di mezzi del valore complessivo di quasi centomila euro. (Vedi foto galleria) «Ho ereditato questa stupenda collezione da mio padre Vittorio scomparso nel 2010 - spiega l'appassionato -: fu uno dei fondatori dell'Old car club, l'associazione che organizza ogni anno la rievocazione ]]> Tue, 28 Mar 2017 11:51:00 +0100 Il maestoso ex Palazzo delle Poste simbolo di un mondo che comunicava con le lettere http://www.barinedita.it/storie-e-interviste/n2836-il-maestoso-ex-palazzo-delle-poste-simbolo-di-un-mondo-che-comunicava-con-le-lettere Il maestoso ex Palazzo delle Poste simbolo di un mondo che comunicava con le lettere

BARI – Sembra quasi un tempio greco, con le sue maestose colonne che si stagliano da più di ottant’anni su via Nicolai. Parliamo dell’ex Palazzo delle Poste e dei Telegrafi, uno dei simboli del quartiere Murat, specie da quando, dopo essere stato comprato nel 2003 dall’Università di Bari, negli ultimi anni è stato ristrutturato e messo al servizio dei tanti studenti che lo utilizzano come centro polifunzionale e sala studio. (Vedi foto galleria) ]]> Mon, 27 Mar 2017 13:47:00 +0100