http://www.barinedita.it/ Notizie inedite da Bari. it Tue, 10 Jun 2003 09:41:01 GMT http://blogs.law.harvard.edu/tech/rss Weblog Editor 2.0 info@barinedita.it (Marco Montrone) info@netboom.it (Netboom) BarInedita inchieste Quel giorno in cui Madre Teresa visito Bari: Dormi in una chiesetta a San Pasquale http://www.barinedita.it/bari-report-notizie/n2904-quel-giorno-in-cui-madre-teresa-visito-bari--dormi-in-una-chiesetta-a-san-pasquale Quel giorno in cui Madre Teresa visito Bari: Dormi in una chiesetta a San Pasquale

BARI – Quando Madre Teresa di Calcutta visitò Bari. Sì, in pochi ne sono a conoscenza, ma la religiosa più famosa del mondo, premio Nobel per la Pace nel 1979 e santa dal 2016, è stata nel capoluogo pugliese per ben due volte. La prima il 2 novembre del 1980 (e in quel caso si trattò di una “toccata e fuga”) e la seconda il 16 maggio 1982, giorno in cui fece un discorso nello stadio della Vittoria e si recò in una chiesetta del rione San Pasquale dove probabilmente passò anche la notte.

BARI - Bruce Lee, Captain America, Hulk, Superman. Sono solo alcune delle action figure del giovane Vito, statuette snodabili che valgono centinaia di euro e ritraggono personaggi di film, serie tv, manga, del mondo dello spettacolo e dello sport: il 33enne farmacista barese ne possiede addirittura 500, tutte stipate nella sua stanza da letto e riunite in una delle collezioni più numerose e assortite della Puglia.

BARI - Dovrebbe essere un luogo accogliente dove potersi rilassare in tranquillità, invece è in balia di vandali, sporcizia e spaccio di droga. Parliamo del parchetto di via Maria Cristina di Savoia (denominato “Villa Camomilla”), unica area verde presente nella parte più antica del quartiere San Pasquale, zona di Bari quasi claustrofobica, fatta di strette strade occupate giorno e notte da file di auto parcheggiate. La piccola area verde sorge nell'isolato compreso tra via Re David e via Pisacane. Il fatto che sia trascurata si deduce anche dalle parole che scambiamo

]]>
Fri, 5 May 2017 13:32:00 +0100
Gasdotto Tap le ragioni del “No”: Danni a turismo e ambiente per un’opera inutile http://www.barinedita.it/bari-report-notizie/n2844-gasdotto-tap-le-ragioni-del-“no”--danni-a-turismo-e-ambiente-per-un’opera-inutile Gasdotto Tap le ragioni del “No”: Danni a turismo e ambiente per un’opera inutile

LECCE – Si chiama “Tap” ed è il gasdotto che porterà in Europa il gas proveniente dai giacimenti dell’Azerbaijan, attraverso Turchia, Grecia e Albania, per poi approdare in Italia tramite un tunnel sottomarino che sfocerà in Salento, per la precisione a San Foca, nella marina di Melendugno. Un’opera fortemente voluta dall’Unione europea (che cercherebbe in questo modo di ridurre la dipendenza dal gas russo), ma osteggiata da ambientalisti e salentini, che la considerano inutile e non sostenibile.

BARI – Il suo nome ufficiale è San Paolo, ma nessuno lo chiama così. Per chi ci abita è semplicemente “Il Quartiere”, mentre per gli altri baresi ha un solo appellativo: “Cep”, acronimo di Centro di edilizia popolare o anche (sarcasticamente) di “centro elementi pericolosi”. Perché da quando è nato agli inizi degli anni 60, questo rione all’estrema periferia ovest del centro di Bari è stato da sempre considerato come un posto dal quale tenersi alla larga, abitato da persone “poco raccomandabili”. Una nomea data dal fatto che qui all’epoca a venire ad abitare furono gli “ultimi”, coloro che non avevano nemmeno una casa, molti dei quali

]]> Tue, 7 Mar 2017 13:25:00 +0100 La spettrale Statale 96: un tempo “via dello shopping” ora cimitero dei capannoni http://www.barinedita.it/bari-report-notizie/n2771-la-spettrale-statale-96--un-tempo-“via-dello-shopping”-ora-cimitero-dei-capannoni La spettrale Statale 96: un tempo “via dello shopping” ora cimitero dei capannoni

BARI – C’erano hotel, mobilifici, negozi di scarpe, grossisti dell’abbigliamento e sale bowling. La Statale 96, quella che da Bari conduce a Modugno e poi ad Altamura, è stata da sempre una sorta di “via dello shopping”, una vetrina della Zona Industriale che si apre alle sue spalle. Fino a poco tempo fa qui sorgevano numerose e grandi aziende che davano lavoro a centinaia di dipendenti

]]>
Thu, 26 Jan 2017 10:29:00 +0100
Un articolo mille racconti: la storia di Bari e dei suoi unici e caratteristici quartieri http://www.barinedita.it/bari-report-notizie/n2767-un-articolo-mille-racconti--la-storia-di-bari-e-dei-suoi-unici-e-caratteristici-quartieri Un articolo mille racconti: la storia di Bari e dei suoi unici e caratteristici quartieri

BARI – Raccontare la storia urbanistica di Bari attraverso la nascita e lo sviluppo dei suoi unici e caratteristici quartieri. E’ l’obiettivo che ci siamo prefissati in questo articolo, che racchiude in sé decine e decine di link che rimandano ad altrettanti pezzi scritti sul capoluogo pugliese. Buona lettura. (Vedi anche foto galleria) San Nicola - Definire San Nicola un quartiere è riduttivo, visto che per secoli Bari Vecchia ha rappresentato la città intera. I primi baresi si insediarono 4000 anni prima di Cristo nella zona di

BARI - Non è una leggenda. La cartografia storica lo conferma: Monte Rosso, la secca di fronte al molo Sant’Antonio e al Fortino, è davvero ciò che resta di un’isola che si è inabissata lentamente in mare nel giro di un millennio per poi scomparire del tutto un paio di secoli fa. Isola sulla quale si trovava anche un monastero. A confermarlo è Nino Greco, presidente dell’Archeoclub di Bari, che lo scorso 17 ottobre ha reso noto il risultato delle sue ricerche. Lo abbiamo intervistato. (Nell’immagine principale la ricostruzione grafica di Monte Rosso riprodotta  dal centro archeologico operativo di Bari) Quindi la storia di un monastero scomparso, di dolci acque sorgive affioranti sul mare, di misteriosi rintocchi nott

]]> Thu, 19 Jan 2017 13:32:00 +0100 Defibrillatore fatta la legge fatta la proroga: a Bari lo hanno solo poche palestre http://www.barinedita.it/bari-report-notizie/n2747-defibrillatore-fatta-la-legge-fatta-la-proroga--a-bari-lo-hanno-solo-poche-palestre Defibrillatore fatta la legge fatta la proroga: a Bari lo hanno solo poche palestre

BARI - Vi ricordate di Piermario Morosini e Vigor Bovolenta? Calciatore 31enne il primo, pallavolista 37enne il secondo, accomunati da un tragico destino, quello di morire sul campo da gioco per un’improvvisa crisi cardiaca. I loro decessi, avvenuti tra il marzo e l’aprile 2012, portarono all’approvazione del decreto Balduzzi, che obbligava tutte le società sportive, professionistiche e non, a dotarsi di un defibrillatore e di personale addestrato ad usarlo. Il defibrillatore è un dispositivo computerizzato che grazie a una scossa elettrica è in grado di riavviare il cuor

]]>
Mon, 9 Jan 2017 13:53:00 +0100
Tangenziale di Bari chiudete lo svincolo di Santa Caterina: troppo stretto e pericoloso http://www.barinedita.it/bari-report-notizie/n2746-tangenziale-di-bari-chiudete-lo-svincolo-di-santa-caterina--troppo-stretto-e-pericoloso Tangenziale di Bari chiudete lo svincolo di Santa Caterina: troppo stretto e pericoloso

BARI – «Quanti altri incidenti dovranno esserci ancora prima che ci si renda conto della pericolosità di questo svincolo?». L’avvocato barese Antonio Totaro mette sotto accusa l’uscita numero 9 (Santa Caterina - Carbonara – Modugno) della tangenziale di Bari, quella che dalla zona dell’Ipercoop consente di prendere la statale 16 verso Brindisi. Secondo il legale questo breve e ristretto tratto di strada curvilineo si innesta “di botto” sulla circonvallazione barese e sarebbe stato spesso scenario di incidenti. (Vedi foto galleria) Abbiamo sentito l’avvocato. Perché ha deciso di puntare il dito su questo svincolo della tangenziale? Perché sono in tanti coloro che si sono rivolti al mio studio legale per aver subito inciden

]]>
Thu, 5 Jan 2017 13:14:00 +0100
La Bari sepolta: quando sotto corso Vittorio Emanuele c’era ''l’albergo diurno'' http://www.barinedita.it/bari-report-notizie/n2744-la-bari-sepolta--quando-sotto-corso-vittorio-emanuele-c’era---l’albergo-diurno-- La Bari sepolta: quando sotto corso Vittorio Emanuele c’era ''l’albergo diurno''

BARI – «Era l’inizio degli anni 50, accompagnavo mio padre giù per le scale, poi lo aspettavo con altre bambine in una sala grandissima con tante poltrone in pelle, mentre lui si faceva una doccia calda e una spuntatina a barba e capelli». La 69enne barese Emma, ricorda così l’albergo diurno di corso Vittorio Emanuele, una struttura realizzata nel 1928 per venire incontro alle esigenze dei tanti che all’epoca non avevano un bagno in casa. Al suo interno infatti si trovavano docce, vasche, terme ed era possibile anche farsi stirare un vestito, tagliarsi barba e capelli, sottoporsi a manicure e pedicure. Non solo: tra i servizi offerti c’erano anche un telefono pubblico, una sala scrittura e la v

]]>
Wed, 4 Jan 2017 13:46:00 +0100
Triggiano: l'antico ipogeo di San Lorenzo dimenticato e inghiottito dai palazzi http://www.barinedita.it/bari-report-notizie/n2734-triggiano--l-antico-ipogeo-di-san-lorenzo-dimenticato-e-inghiottito-dai-palazzi Triggiano: l'antico ipogeo di San Lorenzo dimenticato e inghiottito dai palazzi

TRIGGIANO – Un complesso ipogeo dalla storia antica e importante ma che giace nascosto e dimenticato, inghiottito da una serie di palazzine che nel corso degli anni gli sono sorte intorno. Parliamo dell’ipogeo di San Lorenzo, situato alla periferia sud di Triggiano, in provincia di Bari.  Il sito prende il nome dall’edificio sacro che nel 1600 fu edificato proprio sopra di esso, appunto la chiesa di San Lorenzo, crollata nel 1940 e il cui unico ricordo è quello di una tela raffigurante il martirio del santo oggi conservata nella Chiesa di Santa Maria Veterana. L’ipogeo, che sorge all&

]]>
Wed, 4 Jan 2017 13:10:00 +0100
Alto basso ricco povero italiano straniero: Madonnella e i suoi contrasti http://www.barinedita.it/bari-report-notizie/n2702-alto-basso-ricco-povero-italiano-straniero--madonnella-e-i-suoi-contrasti Alto basso ricco povero italiano straniero: Madonnella e i suoi contrasti

BARI –  Basse palazzine che fanno il paio con alti palazzi istituzionali, baresi veraci che vivono insieme a immigrati di ultima generazione, persone di ceto basso che abitano affianco a imprenditori e professionisti. E’ Madonnella, il quartiere con più contrasti di tutta Bari. (Vedi foto galleria) Sorto a partire dagli anni 20 del secolo scorso, il rione è delimitato dalla ferrovia, via Abbrescia, il lungomare e via Giuseppe Di Vagno, dove si trova il ponte Giuseppe Garibaldi che porta a

BARI – Si dice che a Bari “nessuno è straniero” e del resto come potrebbe essere diversamente, visto che in 4000 anni di storia il capoluogo pugliese è stato governato dai popoli più disparati: dagli ostrogoti ai longobardi, passando per i bizantini e i saraceni. Guidati dalle preziose pubblicazioni “Bari Bizantina” di Nino Lavermicocca e “Bari nella storia” di Vito Antonio Melchiorre, cercheremo di illustrare in breve tutte le varie dominazioni subite dai baresi.  (Vedi foto galleria) Premessa: la nascita di Bari (2000 a.C.) – I primi insediamenti sul territorio barese sono fatti ri

]]> Wed, 9 Nov 2016 00:05:00 +0100 Fabbriche in disuso antiche case disabitate silenzio: e la spettrale Bari della Fibronit http://www.barinedita.it/bari-report-notizie/n2665-fabbriche-in-disuso-antiche-case-disabitate-silenzio--e-la-spettrale-bari-della-fibronit Fabbriche in disuso antiche case disabitate silenzio: e la spettrale Bari della Fibronit

BARI – E’ di qualche giorno fa la notizia dell’avvio dei lavori per bonificare e mettere definitivamente in sicurezza la Fibronit, fabbrica che nei decenni scorsi ha ucciso quattrocento persone avvelenate dalle esalazioni di amianto, materiale cancerogeno con cui l’industria produceva manufatti. L’ex stabilimento si trova ancora oggi in una zona di Bari che è lecito definire “fantasma”, fatta com’è di capannoni abbandonati, fabbriche in disuso e persino un’antica casa dell’Ottocento disabitata. Siamo all’inizio di via Caldarola, in un tratto di strada lungo un chilometro che collega

BARI – «Mi sveglio ogni notte alle 4: il rumore dei camion dell’Amiu che svuotano i cassonetti è troppo forte. Eppure la mia casa è dotata di infissi in vetrocamera: ma non servono a nulla contro quel baccano infernale». A parlare è il 40enne Amedeo, residente in corso Sonnino, che denuncia un problema a cui molti baresi sono ormai abituati da anni: il frastuono provocato dalla raccolta dei rifiuti per strada. Servizio che avviene in varie fasce d’orario durante la giornata, ma che in alcuni quartieri si svolge anche e soprattutto di notte. I rioni interessati dalla raccolta notturna sono quelli con le strade più strette: Carrassi,

BARI - Lo sappiamo, Bari e i libri hanno sempre avuto un rapporto difficile. Non solo ci sono poche librerie private, ma anche i luoghi dove i volumi possono essere consultati e letti gratuitamente sono preclusi ai cittadini. Vuoi perché sono troppo fuori mano dal centro, come la Biblioteca Nazionale "Sagarriga Visconti", vuoi perché per mancanza di risorse finanziarie il Comune è costretto chiudere le vecchie biblioteche di circoscrizione e vuoi, paradossalmente, pe

]]> Fri, 30 Sep 2016 13:25:00 +0100 Assistenti sociali ''quelli che tolgono i figli ai genitori'': Chi decide e il giudice http://www.barinedita.it/bari-report-notizie/n2609-assistenti-sociali---quelli-che-tolgono-i-figli-ai-genitori----chi-decide-e-il-giudice Assistenti sociali ''quelli che tolgono i figli ai genitori'': Chi decide e il giudice

BARI – «Quando mi trovo davanti a famiglie disagiate e di basso livello culturale, mi assicuro personalmente che seguano ciò che dico loro, perché il rischio è quello che entrino in campo gli assistenti sociali: non ci vuole nulla che tolgano i bambini ai loro genitori, procurando ai piccoli gravi problemi psicologici». A parlare è una pediatra barese che preferisce rimanere anonima: le sue parole fanno ben capire quanto la figura dell’assistente sociale sia mal vista da tanti operatori che si occupano di minori. In Italia infatti basta una segnalazione di un medico, di un’istituzione scolastica e persino di un vicino di casa per far sì che una famiglia si possa ritrovare in casa i servizi sociali del Comune: una squadra formata non solo da assistenti sociali ma anche da psicologi ed educatori. Il loro compito? Quello di accertare eventuali situazioni di disagio dei

]]>
Mon, 19 Sep 2016 13:59:00 +0100
L’alluvione di Ostuni: Evento eccezionale ma il terreno non ha fatto il suo dovere http://www.barinedita.it/bari-report-notizie/n2603-l’alluvione-di-ostuni--evento-eccezionale-ma-il-terreno-non-ha-fatto-il-suo-dovere L’alluvione di Ostuni: Evento eccezionale ma il terreno non ha fatto il suo dovere

OSTUNI – Due milioni di euro di danni all’agricoltura e una spiaggia letteralmente scomparsa: sono le principali conseguenze del violento nubifragio abbattutosi sabato scorso sul territorio di Ostuni, in provincia di Brindisi. Un evento climatico di natura eccezionale certo, che però ha peggiorato i suoi effetti a causa di alcune “disattenzioni” da parte dell’uomo. Ne abbiamo parlato con il 43enne ostunese Vincenzo D’Amico, consigliere dell’Ordine dei geologi della Puglia. Che cosa è avvenuto sabato scorso? I dati idrometrici riferiscono di circa 80 litri di acqua piovuti su ogni metro quadro di territorio nel giro di poco più di un’ora: si tratta di una quantità enorme abbat

]]>
Wed, 14 Sep 2016 14:15:00 +0100
La leggenda del “Barione” il piu antico e misterioso stemma della citta http://www.barinedita.it/bari-report-notizie/n2600-la-leggenda-del-“barione”-il-piu-antico-e-misterioso-stemma-della-citta La leggenda del “Barione” il piu antico e misterioso stemma della citta

BARI – Un cherubino in piedi su una barca nell'atto di scoccare una freccia, circondato dal mare e accompagnato da un delfino. Si tratta del “Barione”, un’immagine che molti hanno imparato a conoscere a partire dal 1997, quando fu scelta come mascotte dei Giochi del Mediterraneo. Un disegno di cui però si sa pochissimo, tanto da far sorgere in alcuni il sospetto che si tratti solo di una simpatica invenzione del marketing legata alla manifestazione sportiva. In realtà se si osserva con attenzione la facciata dello storico Palazzo Fizzarotti, edificato agli inizi del 900, si noterà come lì si trovino quattro medaglioni che raffigurano altrettanti simboli. Ebbene, tra questi c’è proprio il “Bario

]]>
Tue, 13 Sep 2016 13:37:00 +0100