http://www.barinedita.it/ Notizie inedite da Bari. it Tue, 10 Jun 2003 09:41:01 GMT http://blogs.law.harvard.edu/tech/rss Weblog Editor 2.0 info@barinedita.it (Marco Montrone) info@netboom.it (Netboom) BarInedita inchieste Cospirazioni fughe e decapitazioni: quando a Grumo si respirava aria di carboneria http://www.barinedita.it/bari-report-notizie/n3115-cospirazioni-fughe-e-decapitazioni--quando-a-grumo-si-respirava-aria-di-carboneria Cospirazioni fughe e decapitazioni: quando a Grumo si respirava aria di carboneria

GRUMO APPULA -  Di certo non spicca per bellezza, visto che il suo borgo antico è stato più volte rimaneggiato per far spazio a scialbe costruzioni moderne, ma Grumo Appula, piccolo comune a sud ovest di Bari, ha una storia da raccontare, fatta di cospirazioni, fughe e decapitazioni. Il paese nel primo ventennio dell’800 fu infatti un importante presidio dei carbonari, coloro cioè che si batterono per contrastare la durezza dei regimi assolutisti dell'epoca. A Grumo a capo dei rivoluzionari c’era Giovanni Scippa, che aveva costituito una cerchia chiamata "Bruto secondo". Fu proprio lui a ospitare e nascondere nel 1821 il napoletano Giuseppe Silvati e il calabrese Michele Morel

]]>
Fri, 19 Jan 2018 13:10:00 +0100
Filler e botox: e la medicina estetica. Ma a cosa serve e chi la puo praticare http://www.barinedita.it/bari-report-notizie/n3106-filler-e-botox--e-la-medicina-estetica.-ma-a-cosa-serve-e-chi-la-puo-praticare Filler e botox: e la medicina estetica. Ma a cosa serve e chi la puo praticare

BARI – C’è chi se ne serve per eliminare qualche ruga, chi la utilizza per ingrandirsi le labbra e chi per eliminare i peli superflui. E’ la medicina estetica, che a differenza della chirurgia cosmetica permette di “rallentare il tempo” senza finire sotto i ferri. Ma chi può praticare questi “ritocchini” e in che modo? Lo abbiamo chiesto alla 36enne Alessandra Frascolla, medico estetico barese. Prima di tutto: qual è la differenza tra il chirurgo estetico e il medico estetico? Il chirurgo estetico o “cosmetico” usa il bisturi, modificando per sempre il corpo di chi non si piace. Effettua ad esempio interventi di mastoplastica additiva,

BARI – Sono in tutto sette: la prima è stata attivata nel 2013 l’ultima qualche mese fa. Parliamo delle “app” del Comune di Bari, programmini scaricabili sugli smartphone che permetterebbero, almeno in teoria, di fornire ai cittadini uno strumento che possa facilitar loro la vita. Purtroppo però solo due di queste sono realmente utili e funzionanti, le altre invece presentano notevoli problemi. Ci sono quelle “instabili” e di difficile accessibilità, quelle che non vengono mai aggiornate e quelle di fatto inutili perché non forniscono all’utente un vero e proprio servizio. Ma andiamo

]]>
Tue, 5 Dec 2017 13:22:00 +0100
Neon insegne sgargianti distributori h24: e la decadente movida di Bari Vecchia http://www.barinedita.it/bari-report-notizie/n3012-neon-insegne-sgargianti-distributori-h24--e-la-decadente-movida-di-bari-vecchia Neon insegne sgargianti distributori h24: e la decadente movida di Bari Vecchia

BARI – Palazzi nobiliari, chiese romaniche, archi leggendari: sono solo alcuni dei gioielli presenti nel centro storico, il quartiere più importante di Bari, “restituito” a tutta la cittadinanza all’inizio del nuovo millennio, grazie alla riqualificazione attuata co

]]>
Thu, 28 Sep 2017 12:15:00 +0100
Auto bruciate preti che spariscono: e mistero a Triggiano. Ma la Chiesa tace http://www.barinedita.it/bari-report-notizie/n2991-auto-bruciate-preti-che-spariscono--e-mistero-a-triggiano.-ma-la-chiesa-tace Auto bruciate preti che spariscono: e mistero a Triggiano. Ma la Chiesa tace

TRIGGIANO – Nessuno che parla, nessuno che spiega, nessuno che chiarisce. Da giorni la comunità parrocchiale triggianese di San Giuseppe Moscati (nella foto) vive nel dubbio. I fedeli infatti non capiscono perché il proprio prete, il 46enne don Valentino Campanella, abbia abbandonato la chiesa per più di una settimana, sostituito dal vicario del vescovo Domenico Ciavarella. Tutto è iniziato dopo l’episodio avvenuto nella notte tra il 25 e il 26 agosto, quando per cause misteriose l’automobile del sacerdote è stata incendiata. Da quel momento Campanella è sparito, per ritornare solo lunedì 4 settembre. I giornali locali hanno attribuito il rogo al presunto impegno an

]]>
Tue, 5 Sep 2017 08:53:00 +0100
Bari viaggio nel campo “a cinque stelle”: la vita dei rom tra “dittatura” e liberta http://www.barinedita.it/bari-report-notizie/n2990-bari-viaggio-nel-campo-“a-cinque-stelle”--la-vita-dei-rom-tra-“dittatura”-e-liberta Bari viaggio nel campo “a cinque stelle”: la vita dei rom tra “dittatura” e liberta

BARI – Nel luglio scorso dopo l’ennesimo sgombero di un accampamento rom, parlammo della situazione del mondo degli “zingari” a Bari. Ciò che ne venne fuori fu una netta divisione tra i rom che occupano suoli ed edifici abbandonati vivendo una situzione di precarietà e quelli invece che d’accordo con le istituzioni municipali sono riusciti a organizzarsi abitando campi riconosciuti dalla legge. Uno di questi è “cinque stelle” di

]]>
Mon, 4 Sep 2017 12:33:00 +0100
Ecco la spiaggia più “nascosta” del barese: il suo accesso è vietato nonostante la legge http://www.barinedita.it/bari-report-notizie/n2977-ecco-la-spiaggia-pieugrave;-“nascosta”-del-barese--il-suo-accesso-eegrave;-vietato-nonostante-la-legge Ecco la spiaggia più “nascosta” del barese: il suo accesso è vietato nonostante la legge

POLIGNANO A MARE – E’ la spiaggia più nascosta di tutto il barese, frequentata da pochissimi bagnanti anche nelle assolate domeniche di luglio e agosto. Eppure è molto attraente, affacciata su una particolare e soprattutto sabbiosa insenatura, come pochi tratti della costa a nord e sud del capoluogo pugliese. Ma allora perché è così sconosciuta? Semplice: è praticamente impossibile arrivarci, tranne se non si è soci di una delle strutture di villeggiatura che l’hanno di fatto “privatizzata". L’arenile fa parte della baia di San Giovanni, situata nell’omonima frazione di Polignano a Mare, tra Pietra Egea e

BARI – Qualche tempo fa facemmo il punto della situazione dei rom a Bari: parlammo di cinquecento persone che vivevano in vari campi situati all’estrema periferia della città. A distanza di cinque anni il loro numero è sicuramente cresciuto, anche se rimangono due le aree in cui la loro presenza è diventata stanziale. La prima si trova alla fine di via Caldarola, vicino al depuratore e a un'alta antenna radio ed è il cosiddetto

BARI – Lo avevamo scritto l'anno scorso: a Bari un terzo dei beni confiscati alla mafia e assegnati ad associazioni culturali sono di fatto abbandonati a loro stessi, perchè necessitano di costose ristrutturazioni. Una triste tendenza che però negli ultimi mesi sta subendo una battuta d'arresto in piazza San Pietro, nel borgo antico, luogo simbolo della lotta alla malavita. Qui infatti due ex appartamenti del boss Tonino Capriati sono stati finalmente aperti al pubblico: uno verrà trasformato in scuola di falegnameria, l'altro ha ricominciato a ospitare le riunioni di Libera Pugl

]]> Tue, 18 Jul 2017 14:16:00 +0100 Bari viaggio all'interno dell'ex lido della Polizia: gioiello abbandonato senza un perche http://www.barinedita.it/bari-report-notizie/n2961-bari-viaggio-all-interno-dell-ex-lido-della-polizia--gioiello-abbandonato-senza-un-perche Bari viaggio all'interno dell'ex lido della Polizia: gioiello abbandonato senza un perche

BARI – Degli ombrelloni sono rimaste solamente le basi, le sedie della mensa sono ammassate le une sulle altre a formare una spettrale montagna, le cabine e i muri colorati sono stati danneggiati dalla salsedine e dalle scritte dei writers e non c’è nessun bagnino a sorvegliare la spiaggia in cui il silenzio la fa ormai da padrone. Questo è l’inquietante scenario del desolato ex lido della Polizia, situato alle porte di Torre a Mare. (Vedi foto galleria) Dopo una gloriosa storia iniziata una quarantina di anni fa, nel 2014 per ragioni che non è stato facile chiarire lo stabilimento ha infatti chiuso i battenti. C’è

]]>
Fri, 14 Jul 2017 13:35:00 +0100
Sfingi zodiaci “occhi della provvidenza”: a Bari sulle tracce dei simboli massonici http://www.barinedita.it/bari-report-notizie/n2957-sfingi-zodiaci-“occhi-della-provvidenza”--a-bari-sulle-tracce-dei-simboli-massonici Sfingi zodiaci “occhi della provvidenza”: a Bari sulle tracce dei simboli massonici

BARI –  Sfingi e piramidi, zodiaci, "occhi della provvidenza": sono solo alcuni dei simboli appartenenti alla Massoneria, l’associazione iniziatica che tra logge ed esoterismo è stata spesso protagonista della storia d’Occidente, rimanendo pur sempre avvolta da un alone di mistero. In un articolo di qualche anno fa facemmo il punto sullo stato della massoneria a Bari, dove sono presenti 3 “obbedienze” e più di 20 logge. Anche se, come per il resto d’Italia, i “liberi muratori” hanno avuto il loro momento d’oro in città tra l’800 e l’inizio del 900,

BARI –  Dal Dopoguerra in poi Bari fu vittima di una serie di scempi architettonici perpetrati a danno di antichi edifici. La foga edilizia e la voglia di allargare in fretta la città, portarono, giusto per fare qualche esempio, alla distruzione dei villini postelegrafonici di Carrassi, al seppellimento dell’albergo diurno in corso Vittorio Emanuele, ma anche alla demolizione dei

BARI - Inaugurato nel 1981, chiuso nel 1991 e da allora incredibilmente mai più riaperto. È l'assurdo caso dell’auditorium Nino Rota, la grande sala concerti del Conservatorio di Bari inutilizzata da ben 26 anni per motivi che sarebbe riduttivo definire enigmatici. Cercando di far luce sulle cause di questo scempio siamo stati infatti respinti da un "muro di gomma" fatto di burocrazia, continui "scaricabarile" tra vari enti e soprattutto milioni di euro pubblici spesi inutilmente. La struttura sorge in via Vittoriano Cimarrusti, tra l'estramuale e il "Quartierino", in una z

]]> Mon, 10 Jul 2017 12:06:00 +0100 La Bari-Bitritto: quella lunga e irrealizzata ferrovia fantasma che scruta la citta http://www.barinedita.it/bari-report-notizie/n2950-la-bari-bitritto--quella-lunga-e-irrealizzata-ferrovia-fantasma-che-scruta-la-citta La Bari-Bitritto: quella lunga e irrealizzata ferrovia fantasma che scruta la citta

BARI – Una lunga e sopraelevata ferrovia fantasma, che attraversa tutta la bucolica periferia sud di Bari costeggiando chiese, fabbriche e stadi, per poi andare a morire in una stazione abbandonata, lì dove i ragazzini giocano sui binari. Parliamo della Bari-Bitritto, una grande opera avviata nel 1988 ma che dopo tanti anni attende ancora la sua definitiva realizzazione. L’idea, partorita dall’allora Ferrovie Calabro Lucane, era quella di collegare la stazione centrale di Bari a Bitritto, passando per Santa Caterina, lo stadio San Nicola, il quartiere Santa Rita e Loseto. I lav

]]>
Fri, 7 Jul 2017 08:57:00 +0100
In Puglia 12mila musulmani “italiani” e solo un cimitero islamico: quello di Gioia http://www.barinedita.it/bari-report-notizie/n2952-in-puglia-12mila-musulmani-“italiani”-e-solo-un-cimitero-islamico--quello-di-gioia In Puglia 12mila musulmani “italiani” e solo un cimitero islamico: quello di Gioia

GIOIA DEL COLLE – Il problema è emerso alla fine di giugno, quando Bassma, morta ad appena 10 mesi per una cardiopatia, non stava trovando un adeguato posto dove poter essere seppellita. Lei infatti, nata a Galatina ma figlia di genitori musulmani, avrebbe avuto bisogno di un cimitero ad hoc dove trovare il giusto riposo: senza croci e simboli cristiani, ma solo con rimandi al culto di Allah. Il fatto è che l’unico cimitero pugliese provvisto di una zona dedicata all’Islam si trova a

BARI – Nascosto in via di Maratona tra la piazzola di sosta dei pullman dell’Amtab e il villaggio Trieste, esiste un “non luogo”: uno spazio di 1500 metri quadri racchiuso da una dozzina di container bianchi. E’ il dormitorio pubblico del quartiere Marconi di Bari. Non l’unico in città, ma decisamente il più grande e affollato. (Vedi foto galleria) Gestito dalla Croce Rossa in convenzione con il Comune, si trova in questo punto da die

]]> Thu, 18 May 2017 09:37:00 +0100 Il parco di villa Camomilla: L'area verde di San Pasquale in mano ai delinquenti http://www.barinedita.it/bari-report-notizie/n2871-il-parco-di-villa-camomilla--l-area-verde-di-san-pasquale-in-mano-ai-delinquenti Il parco di villa Camomilla: L'area verde di San Pasquale in mano ai delinquenti

BARI - Dovrebbe essere un luogo accogliente dove potersi rilassare in tranquillità, invece è in balia di vandali, sporcizia e spaccio di droga. Parliamo del parchetto di via Maria Cristina di Savoia (denominato “Villa Camomilla”), unica area verde presente nella parte più antica del quartiere San Pasquale, zona di Bari quasi claustrofobica, fatta di strette strade occupate giorno e notte da file di auto parcheggiate. La piccola area verde sorge nell'isolato compreso tra via Re David e via Pisacane. Il fatto che sia trascurata si deduce anche dalle parole che scambiamo

]]>
Fri, 5 May 2017 13:32:00 +0100
Stazione di Bari una notte tra i clochard e i loro “angeli”: A volte basta un sorriso http://www.barinedita.it/bari-report-notizie/n2863-stazione-di-bari-una-notte-tra-i-clochard-e-i-loro-“angeli”--a-volte-basta-un-sorriso Stazione di Bari una notte tra i clochard e i loro “angeli”: A volte basta un sorriso

BARI – Stazione centrale di Bari, ore 10 di sera, da vari angoli spuntano uomini dimessi in cerca di qualcuno. Questo “qualcuno” è il supporto unità di strada della Croce Rossa: trenta volontari che tre sere alla settimana portano bevande calde, dolci, indumenti pesanti e farmaci ai senzatetto della città. (Vedi video) Si tratta di persone di tutte le età, uomini e donne che hanno deciso di fornire un supporto anche morale agli “ultimi”, a coloro che per

]]>
Thu, 27 Apr 2017 13:07:00 +0100
Gasdotto Tap le ragioni del “No”: Danni a turismo e ambiente per un’opera inutile http://www.barinedita.it/bari-report-notizie/n2844-gasdotto-tap-le-ragioni-del-“no”--danni-a-turismo-e-ambiente-per-un’opera-inutile Gasdotto Tap le ragioni del “No”: Danni a turismo e ambiente per un’opera inutile

LECCE – Si chiama “Tap” ed è il gasdotto che porterà in Europa il gas proveniente dai giacimenti dell’Azerbaijan, attraverso Turchia, Grecia e Albania, per poi approdare in Italia tramite un tunnel sottomarino che sfocerà in Salento, per la precisione a San Foca, nella marina di Melendugno. Un’opera fortemente voluta dall’Unione europea (che cercherebbe in questo modo di ridurre la dipendenza dal gas russo), ma osteggiata da ambientalisti e salentini, che la considerano inutile e non sostenibile.

BARI – Il suo nome ufficiale è San Paolo, ma nessuno lo chiama così. Per chi ci abita è semplicemente “Il Quartiere”, mentre per gli altri baresi ha un solo appellativo: “Cep”, acronimo di Centro di edilizia popolare o anche (sarcasticamente) di “centro elementi pericolosi”. Perché da quando è nato agli inizi degli anni 60, questo rione all’estrema periferia ovest del centro di Bari è stato da sempre considerato come un posto dal quale tenersi alla larga, abitato da persone “poco raccomandabili”. Una nomea data dal fatto che qui all’epoca a venire ad abitare furono gli “ultimi”, coloro che non avevano nemmeno una casa, molti dei quali

]]> Tue, 7 Mar 2017 13:25:00 +0100