di Salvatore Schirone

A Bari un'imponente collezione Marconiana, ma giace in magazzino
BARI - «È diventata un'odissea, tra promesse disattese e soldi persi». Con questa parole cariche di disappunto e sconforto, Umberto Giarletti, 76 anni, ci racconta la sua pluriennale lotta per dotare Bari di un Museo della radio e della filatelia Marconiana. Giarletti, storico di Guglielmo Marconi e referente per il Sud della Fondazione Marconi, è il proprietario di una delle più imponenti collezioni Marconiane del mondo. Siamo andati ad incontrarlo nel suo ufficio in corso Sonnino (vedi foto galleria).Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Pensavamo di vedere alcuni pezzi della sua collezione ...

Purtroppo non posso tenere qui il materiale che richiederebbe oltre 700 metri quadrati di esposizione. Tutto è depositato in almeno quattro o cinque magazzini diversi. Parliamo di oltre mille pezzi e centinaia di documenti che da anni attendono di essere collocati in una struttura adeguata. Qui ho solo qualche esemplare. 

Ci descrive la sua collezione?

Si tratta di pezzi unici, originali e funzionanti di radio d'epoca: dalla radio a galena a quelle a valvola inventata da De Forest nel 1906. E poi numerose macchine del suono, dai più antichi carillon francesi del 1700, al fonografo di Edison a rullo di cera e al primo a disco inventato da Emile Berliner. Abbiamo la più importante discografia d'epoca e il grammofono "Pathé", unico grammofono a 100 giri con funzionamento al contrario, cioè la puntina si sposta dal centro verso l'esterno del disco. Poi ancora, la più completa in assoluto collezione filatelica e numismatica su Marconi. Se esiste un francobollo, una moneta o una banconota emessa da un qualsiasi Stato, noi ce l'abbiamo. Ed infine, centinaia di documenti su Marconi e sul famoso primo collegamento stabilito tra Bari e Antivari (Bar, in Montenegro). Conserviamo ad esempio il telegramma inviato da Marconi al sindaco di Bari, Petruzzelli, dopo la trasmissione del primo messaggio del 3 agosto 1904 e il documento della delibera comunale con la quale nello stesso giorno il sindaco conferiva a Marconi la cittadinanza onoraria di Bari. Nella mia vita ho cercato e raccolto qualsiasi cosa riguardasse il noto scienziato in giro per il mondo. Appena ne avevo notizia andavo sul posto e l'acquistavo.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

A proposito della celebrazione del 110 anniversario del collegamento tra Bari a Bar, che cosa è avvenuto?

La nostra è una mostra itinerante. Abbiamo esposto in tutta Italia e anche all'estero. A Bari abbiamo organizzato quattro eventi, nel 1995, 1997, nel 2004, per il centenario, e nel 2005. Anche quest'anno avremmo voluto esporre come negli anni precedenti nel Palazzo della Provincia. Ma ecco cosa ci hanno risposto (la mail, in galleria). Un rifiuto tardivo a causa del regolamento che non consente manifestazioni un mese prima delle votazioni, che si svolgeranno il 25 maggio. Tutto probabilmente sarà rimandato nei mesi successivi. Abbiamo perso una bella occasione. Questo 25 aprile ci sono infatti diverse ricorrenze. Un'occasione unica di intrecci di anniversari importanti e significativi. In ordine di antichità: il 140esimo della nascita di Marconi, il già ricordato 110ecimo del collegamento Bari-Bar, il 90esimo della nascita della radiodiffusione nazionale, il 60esimo della Rai e il 50esimo della fondazione dell'Ari (Associazione radioamatori italiani).Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Avete pensato ad altre sedi?

Non vogliamo un buco per mettere quattro radio. Le nostre esposizioni durano almeno un mese e registriamo dalle 9 alle 12mila presenze. Sale sempre affollatissime, soprattutto il sabato e la domenica, con gente che viene da ogni parte d'Italia. Invitiamo scolaresche e coinvolgiamo tutta la cittadinanza. Non mostriamo solo pezzi antichi, ma raccontiamo una storia, con filmati d'epoca, audio originali con la voce di Marconi. Spighiamo il funzionamento degli apparecchi e facciamo provare le comunicazioni direttamente anche con l'aiuto della stazione stabile dell'Ari che 24 ore su 24 restano attive e in contatto con tutto il mondo. È per questo che abbiamo la necessità di un museo permanente.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

E che cosa lo ha impedito finora?

Il disinteresse delle amministrazioni. Nel 1999 doveva esserci restituita ristrutturata la sede della ex villa Capriati su via Amendola (altezza via Omodeo), di proprietà della Provincia. Lì sarebbe dovuto nascere il primo grande Museo della radio di Bari, come recita ancora il cartello esposto (vedi foto in galleria). Mille metri quadrati di esposizione su più piani. Ma tutto è bloccato. Sono spariti circa 450 milioni di vecchie lire della comunità europea. E 100 milioni inutilmente già spesi per il progetto e per dei lavori iniziati e interrotti. L'anno scorso sono stato chiamato dal presidente della Provincia, Francesco Schittulli, che mi chiedeva dove stessero quei soldi. Non lo sanno nemmeno loro. Furono stanziati dall'amministrazione Sorrentino e probabilmente "andati altrove", così alla fine mi hanno risposto. Ricordo che sdegnato lasciai la sala e da allora non sono stato più chiamato. In questi anni ho avuto offerte allettanti da Brindisi e Napoli, che mi mettevano a disposizione luoghi suggestivi ed idonei. Fino ad ora ho sempre rifiutato. Voglio lasciare questo immenso patrimonio storico alla sua città, Bari. Ma prima o poi dovrò decidermi, sono avanti negli anni e sebbene mi aiuti mia figlia non posso ancora per molto occuparmi di questo enorme materiale. 

Il video-intervista a Umberto Giarletti (di Carlo Gelardi):


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Salvatore Schirone
Scritto da
mercoledì 9 aprile 2014
Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Via Fiume 18/20
70127 Bari (BA) - Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved