Letto: 667 volte | Inserita: martedì 23 gennaio 2018 | Visitatore: Matteo

Salve, ho 17 anni e da quando avevo 8 anni gioco a calcio nella scuola calcio del paese. Ho avuto 4/5 episodi in cui mi sono dovuto fermare per via del cuore "impazzito": per 3 volte è andato a una velocità superiore al normale, anche se con ritmo regolare .  Una volta (ultima) il cuore non era accelerato come nelle precedenti ma aveva un ritmo irregolare durato 4 /5 minuti. Ho effettuato due prove da sforzo e varie visite cardiologiche dove però non mi hanno riscontrato nulla. Mi hanno detto di avere un cuore sano. Potrei riprendere quindi l'attivita fisica?

Gentile lettore l’esperienza e il rigore professionale mi portano a considerare non tanto sano il suo cuore considerando che riferisce episodi di tachicardia e di aritmia scatenate dallo sforzo. Episodi simili non sono normali in soggetti sani e allenati.

Deve continuare le indagini diagnostiche incruente con ecostress e risonanza magnetica. In caso di negatività deve comunque continuare con le indagini cruente, studio elettrofisiologico e coronarografia. Bisogna escludere forme iniziali di miocardiopatie primitive o alterazioni congenite delle coronarie.

Un consiglio: senza una certezza diagnostica è meglio astenersi dall’attività sportiva agonistica.

Risponde

RICCARDO GUGLIELMI – Medico cardiologo sportivo Specialista in malattie dell’apparato cardiovascolare e cardioangiochirurgia, è stato Direttore della Cardiologia Ospedaliera “Luigi Colonna” del Policlinico di Bari e docente di cardiologia presso la Scuola di specializzazione in medicina dello Sport dell’Università di Bari.

FAI UNA DOMANDA

Nome
Codice di controllo
Commento
Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Via Fiume 18/20
70127 Bari (BA) - Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved