di Mariangela Dicillo

Cellamare, il paese senza semafori: «Così i cittadini si responsabilizzano»
BARI - Quasi vent'anni fa, a Drachten, in Olanda, fu approvata la normativa per la rimozione dei semafori. La decisione delle autorità del luogo lasciò incredula gran parte della popolazione europea che si chiese come fosse possibile eliminare i semafori all'interno di un centro urbano. E lo stupore fu ancora maggiore nel momento in cui si scoprì che in tal modo si erano ridotti gli incidenti stradali. Ebbene, anche la provincia di Bari ha la sua Drachten: è Cellamare, piccolo paese a sud-est del capoluogo, che ospita circa 5mila abitanti. Qui non ci sono semafori.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Non abbiamo mai pensato di metterli, non ce ne sarebbe bisogno» , ci confessa il vicesindaco di Cellamare, Michele De Santis. Che spiega: «Grazie alla mancanza di semafori i cittadini sono più attenti mentre guidano, si responsabilizzano. L’incrocio più pericoloso, quello che collega il paese ai paesi vicini, è comunque regolato da una rotatoria, che serve a far rallentare gli automobilisti e quindi a evitare incidenti. Per gli altri incroci bastano gli stop».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

In tutto il paese ci sono soltanto due vigili, che si occupano di far rispettare il codice della strada. Anche se in realtà non hanno molto lavoro da fare. «È veramente il basso il numero di incidenti che si verificano a Cellamare – ci dice uno dei due -  e quando capita si tratta di semplici tamponamenti. Non si ha notizia di un incidente serio da molti anni».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Un posto tranquillo quindi Cellamare, lontano anni luce dal caos e dal traffico di Bari (distante solo 10 km). Qui c’è un bar, quello storico di “Peppino”, un minimarket, un panificio, una cartoleria, un tabaccaio, un negozio di detersivi, un supermercato, una polleria, una farmacia, un centro estetico, un fotografo, una pescheria, un bar-rosticceria e due pizzerie (e in “periferia” un mercato coperto e la Posta). E basta. Nessun negozio di abbigliamento e nessun commerciante (tranne per le pizzerie) che faccia concorrenza all’altro.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Questa è Cellamare (vedi foto galleria), il cui centro storico appare anche grazioso, con il suo castello medioevale e il campanile della piccola e unica parrocchia, quella in onore del santo patrono Sant’Amatore ad ergersi, malgrado la modesta altezza, nel centro del paese.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Scritto da

Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved