di Luca Carofiglio

Bari, «sostituzioni improprie»: Soprintendenza interviene a tutela dei palazzi storici
BARI – Qualcosa, forse, sta cambiando. La nuova ondata di demolizioni che ha interessato negli ultimi mesi numerosi edifici storici di Bari potrebbe essere giunta al termine. La Soprintendenza infatti con una serie di azioni ha cominciato a far sentire la propria voce, “imponendo” al Comune una rivisitazione del modus operandi che ha permesso l’abbattimento del palazzotto ottocentesco di via Calefati, dell’antica sede della Birra Peroni di via Amendola e dell’ex “fabbrica” di mandorle di Ceglie del Campo. (Vedi foto galleria)

Il fatto è sempre quello: vengono distrutti palazzi di fine 800/inizio 900 per far posto a più grandi edifici dal dubbio gusto estetico. Una “consuetudine” che nei decenni passati ha anche causato la morte di gioielli liberty quali l’ex Palazzo della Gazzetta e i Villini Postelegrafonici.

Negli ultimi tempi però queste “sostituzioni” hanno subìto una nuova accelerata e questo grazie all’approvazione del cosiddetto “Piano Casa”. Si tratta di una disposizione inserita nel decreto legislativo n.112 del 2008 che permette, una volta avvenuta la demolizione, di ricostruire aumentando il volume delle abitazioni preesistenti del 35%. Una novità che rappresenta una vera e propria manna dal cielo per i costruttori.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

In Puglia il Piano è stata recepito con la legge n.14 del 30 luglio 2009. E nel 2010 il Comune di Bari, preso atto della norma, ha deciso di mettere in pratica un “ambiguo” censimento. L’amministrazione ha infatti demandato a una serie di esperti il compito di “mappare” gli edifici dei quartieri Murat, Libertà e Madonnella.

Sono così stati individuati 327 palazzi storici sopravvissuti. Di questi 227 hanno avuto il “bollino” di elevato valore architettonico, ma i restanti 100 sono stati dichiarati tranquillamente “sostituibili”. Così lo studio, pur proteggendo buona parte dei fabbricati dei tre rioni, ha di fatto “condannato a morte” decine e decine di edifici. Censimento che inoltre non ha preso in analisi quartieri come Carrassi, San Pasquale, Picone, Carbonara o Ceglie, escludendo così da una possibile difesa altre centinaia di immobili.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

La ricognizione è stata così prima inserita nella variante di adeguamento del PRG al PUTT/P approvata dal Comune nel 2014 e infine nella delibera del Consiglio Comunale del 29 giugno 2018. E in definitiva, pur salvando gli edifici “non sostituibili”, l’amministrazione ha lasciato al proprio destino tutti gli altri, dando carta bianca ai proprietari che avrebbero voluto demolirli.  


Consideriamo che in Italia non esiste una norma che tutela i fabbricati con più di 70 anni di età (a differenza di quelli pubblici) e che per Bari non è stato mai previsto un vincolo paesaggistico generale oltre a quello esistente per la città vecchia.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

L’unica salvezza poteva così arrivare dalla Soprintendenza, che seppur non avendo l’obbligo di intervento,  ha deciso di entrare nella vicenda, allarmata dal “perpetuarsi di sostituzioni edilizie improprie”.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Per prima cosa l’ente ha avviato una procedura di apposizione di vincolo monumentale sul palazzo di via Calefati, interrompendone il restante lavoro di demolizione. E il 14 gennaio scorso ha risposto con una lettera a uno studente barese che chiedeva delucidazioni in merito agli abbattimenti di Ceglie del Campo. Una missiva, inviata anche e soprattutto alla Ripartizione Urbanistica ed Edilizia Privata del Comune, in cui l’ente, per bocca dell’architetto Lucia Caliandro, ha fatto una precisa “proposta” all’amministrazione cittadina.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

E’ stata infatti sollecitata la comunicazione “di ogni eventuale ed ulteriore richiesta di intervento di sostituzione e/o ristrutturazione edilizia compresi i casi di demolizione e ricostruzione, attinente tutti gli edifici di epoca anteriore al 1954 siti all’interno dell’intero territorio del Comune di Bari”.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Con queste poche parole la Soprintendenza ha chiesto quindi di poter entrare nel futuro processo decisionale, riservandosi la possibilità di apporre un vincolo.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

E il Comune? Sembra aver preso positivamente questa possibilità di “collaborazione”. «Siamo in costante contatto con la Soprintendenza – dichiara Carla Tedesco, assessore all’Urbanistica e alle Politiche del Territorio -. Abbiamo infatti avviato una nuova procedura che prevede l’invio all’ente di tutte le richieste di interventi edilizi».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ma non è tutto. Nella lettera la Soprintendenza ha chiesto di “attivarsi repentinamente in merito alla redazione di piani di recupero relativi ai centri storici, ad oggi del tutto inesistenti”. La Caliandro faceva riferimento alle zone antiche delle ex frazioni (Ceglie, Carbonara, Loseto, Torre a Mare, Santo Spirito e Palese), che pur ricadendo nell’ambito del territorio cittadino non hanno la stessa tutela di Bari Vecchia.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

E il Comune anche su questo punto sembra essere d’accordo. «E’ una cosa che vogliamo fare – sottolinea la Tedesco -, ma prima dobbiamo approvare il Piano Urbanistico Generale all’interno del quale potremo riconoscere lo status di zona “A”, cioè di centro storico, anche ad alcune aree che oggi sono di zona “B”. In questo modo si potranno finalmente difendere quartieri notevolmente importanti per questa città».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica)

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Luca Carofiglio
Scritto da

Lascia un commento
  • Francesco Quarto - Non che plaudire alle iniziative di Barindita a tutela della dignità architettonica, urbanistica e paesaggistica della città. Era atteso un intervento della soprintendenza (quale?), ma è auspicabile un moto di opinione pubblica e di iniziative serie e solide a contrastare gli attacchi dei palazzinari, a quanto pare collusi con le istituzioni cittadine. Temo che la soprintendenza (quale?) abbia in realtà ormai poche armi al proprio arco di autorità, se non altro a causa dello spaventoso depauperamento delle risorse (umane e finanziarie) cui le soprintendenze tutte e le altre istituzioni culturali del paese è sottoposto. I beni culturali, alla cui tutela sono preposti gli organi del ministero eponimo, sono ormai terra di conquista di pescecani che millantano sensibilità ma agiscono per lucrare in ogni modo (vedi la boiata della finta mostra di van gogh) Ancora complimenti e un invito "Restitere, Restittere, Resistere"

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Via Fiume 18/20
70127 Bari (BA) - Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved