di Mariangela Dicillo

Fotocopie illegali, a Bari è la regola: «Basta che le nascondi bene»
BARI – «Io compro solamente libri fotocopiati, gli originali costano troppo. Sono fuori sede e i soldi non bastano mai». Daniele, studente di Farmacia non ha tutti i torti: all’Università i libri costano e spesso, come afferma Roberta che frequenta la facoltà di Lettere «sono scritti dai professori che tengono i corsi e quindi imposti dai docenti stessi».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Tutto giusto, solo che in Italia fotocopiare libri è illegale. La legge sul diritto d'autore, introdotta nel dicembre 2000, prevede infatti “la riproduzione di libri, a pagamento ad uso personale, fino a un massimo del 15% delle pagine”. La violazione di questa norma comporta una sanzione pecuniaria sia per chi produce le fotocopie, sia per chi le acquista.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Eppure a Bari ci sono copisterie che vendono libri interamente fotocopiati, già pronti per l’uso e completi di indice, introduzione, note e bibliografia. Non serve portare loro il libro originale e aspettare la duplicazione di ogni pagina, questi esercizi commerciali hanno già tutto pronto: basta indicare il titolo del testo e il gioco è fatto.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Come ci dice il gestore di una fotocopisteria ubicata vicino all’Ateneo di Bari: «Sì certo, i libri fotocopiati li vendo. Quale le serve? Devo solo controllare se ce l’ho già stampato o se l’ho salvato in file pdf».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Certo, ci sono anche le copisterie oneste. C’è chi alla nostra richiesta ci risponde: «Non fotocopiamo libri, è scritto anche sul cartello esposto all’entrata del negozio».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ma per una “legale”, c’è sempre un’altra che non rinuncia al business delle fotocopie. «Dimmi il titolo del libro che ti serve e te lo vendo, li ho già tutti pronti», ci risponde perentorio il gestore di una copisteria nei pressi del Campus.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

D’altronde il vantaggio è evidente, per tutti. Agli studenti un libro focopiato costa la metà di uno originale. «Basta che il libro lo nascondi in borsa e non lo fai vedere quando esci», ci avverte il proprietario di una copisteria vicina all’Ateneo.  Come se un libro fosse una bustina di droga.

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Scritto da

Lascia un commento
  • Francesco Squeo - Iniziassero a non consigliare libri che costano mediamente 80€,( libri che nel 99% dei casi i professori non si cagano di striscio, oppure libri scritti dai professori stessi ), iniziassero a dare più borse di studio, più agevolazioni e sgravi fiscali per i non adempienti e per i redditi bassi... E poi ne riparliamo.... Altro che bustina di droga...
  • Giuditta - Fidati cara mariangela, non succede solo a Bari...informati prima di scrivere articoli così!
  • Giuseppe Simone - esistono anche quelli fotocopiati di seconda mano...per fortuna
  • V - La legge va rispettata (a meno che non sei un politico). Ciò che va pagato, va pagato! Torniamo a quando l'università era un diritto solo per chi poteva permetterselo!......Per fortuna che ci sono queste scappatoie per chi a stento riesce a pagarsi gli studi
  • Martina - Tanto li compri anche tu i libri fotocopiati. Viva l'ipocrisia.

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Via Fiume 18/20
70127 Bari (BA) - Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved