di Giovanni Di Nunno

Compagnia teatrale “In/stabile- notterrante'': parola d’ordine, sperimentare
BARI - Debutterà il 23 e 24 novembre la compagnia teatrale “In/stabile – notterrante”, con uno spettacolo intitolato “L’odore intimo del Giappone”, dedicato alla cultura ed alla letteratura giapponese. Abbiamo incontrato Mariella Soldo, regista e sceneggiatrice che ci ha spiegato come è iniziata la loro avventura, quali sono i loro obbiettivi e il loro progetto teatrale.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Chi siete e quando è nata la vostra compagnia?
 
Siamo cinque ragazzi, alcuni di Bari e altri di fuori, tutti con precendenti esperienze in ambito teatrale. Le attrici sono Barbara De Palma e Francesca Montanaro, poi c’è Daniele Vergni che si occupa delle musiche e della scenografia, Sabrina Tarabella responsabile delle relazioni e della produzione e io che curo la drammaturgia e la regia degli spettacoli.  Abbiamo iniziato questa collaborazione nell’ottobre del 2012: volevamo a tutti i costi far sentire la nostra voce ma soprattutto divulgare le nostre idee teatrali.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.
 
Quali idee?
 
La parola d’ordine è sperimentare e innovare. Non ci interessa proporre spettacoli visti e rivisti solo per riempire le sale. Preferiamo puntare sulla qualità dello spettacolo. Crediamo molto nello studio, nella ricerca di nuove soluzioni e nell’avanguardia, vogliamo sorprendere e non essere mai banali.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.
 
Di che cosa parla lo spettacolo con cui esordirete a Bari?
 
Si tratta di una lettura, di un reading interpretativo dei testi di alcuni tra i più importanti scrittori giapponesi, da Mishima a Murakami passando per Dazai. Il risultato è la storia di una donna rinchiusa in una stanza che prova a viaggiare semplicemente affidandosi alla lettura e alle parole dei maestri. Ho curato personalmente la drammaturgia dello spettacolo. Sono una grande appassionata della letteratura giapponese e quando abbiamo preparato la messa in scena siamo partiti come sempre dal testo. La nostra compagnia promuove il cosiddetto "teatro della parola".Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

 
Spiegaci meglio: cos’è il teatro della parola?
 
E’ un metodo di rappresentazione teatrale in cui il punto di partenza è sempre una parola o un testo da cui successivamente si sviluppa l’idea e l’emozione. E’ esattamente il contrario del più conosciuto metodo Stanislavski in cui si parte da una sensazione, un’emozione ed in un secondo momento viene redatto il testo.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.
 
Vi chiamate compagnia in/stabile, vuol dire che non avete un luogo fisso dove riunirvi?
 
Esatto, abbiamo giocato un po’ con le parole. Per il momento non abbiamo un luogo fisso di ritrovo, quando dobbiamo provare usiamo gli spazi del teatro Osservatorio ma per il momento va bene così, siamo ancora all’inizio.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

La pagina facebook della compagnia: https://www.facebook.com/notterrante?fref=ts

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Scritto da

Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Via Fiume 18/20
70127 Bari (BA) - Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved