di Alessia Schiavone

C'è chi sogna sempre di tornare e chi si integra e cambia accento: sono i baresi al Nord
BARI - Da una parte coloro che sognano un giorno di tornare a casa per ritrovare il sole, il mare e la cucina tipica del luogo natìo, dall'altra quelli che hanno voltato le spalle alla loro città d'origine e si sono perfettamente integrati nel nuovo "habitat", tanto da acquisirne persino l'accento. Sono i due "partiti" in cui si suddividono i "baresi al nord": migliaia di giovani che alla ricerca di un lavoro stabile si sono trasferiti da diversi anni nel Settentrione d’Italia.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Abbiamo dunque ascoltato entrambe le fazioni, dando vita a una simpatica "battaglia" tra chi rimpiange la propria terra e chi ha preferito starne alla larga per sempre.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Tra la schiera dei "sudisti" c'è Giovanni, da quattro anni a Bologna. «Sono grato all'Emilia Romagna che ha permesso di realizzarmi a livello professionale - spiega il 31enne - ma a Bari ho tutto: i miei cari, le mie abitudini e i punti di ritrovo preferiti. Mi mancano tanto i lunghi pranzi della domenica, le passeggiate sul lungomare e i caffè con gli amici presi nel pomeriggio».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ma il 44enne Vittorio, da 19 anni a Parma, la pensa diversamente dal suo “corregionale”. «Quella di insediarmi qui è stata un cosa voluta - racconta l'emigrato -. Da giovane fui assunto da una banca che dopo due anni e mezzo mi offrì la possibilità di scegliere: continuare a svolgere la mia mansione al Nord o vicino casa. Optai per la prima soluzione: ero in una zona d’Italia dove si viveva bene, l'ideale per crearsi una famiglia e dare un futuro ai propri figli».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Già, il lavoro, la principale causa di tanti spostamenti. «È vero, nel Settentrione c'è meno disoccupazione - evidenzia il 35enne Francesco - ma dopo cinque anni passati a Milano e uno a Venezia devo dire che i ritmi sono massacranti e rimane pochissimo tempo da dedicare a se stessi. E al contrario di quanto si possa pensare, anche quassù esiste il problema "sfruttamento". In più l'ambiente in ufficio è decisamente più freddo: è difficile instaurare rapporti d'amicizia. Non è un caso se le persone con cui ho legato maggiormente sono meridionali». 

Non è dello stesso avviso il 34enne "fuggitivo" Roberto, soddisfatto dei suoi otto anni passati nel capoluogo lombardo. «Tornare "alle origini" per me sarebbe un passo indietro - sottolinea -. Sono andato via da Bari per crescere professionalmente e anzi, se ne avessi l'opportunità, mi sposterei pure all'estero».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Naturalmente conta anche la qualità della vita della città ospitante. «Questa metropoli lascia parecchio a desiderare - dichiara il 42enne Matteo, trapiantato a Milano da 15 anni  -. L'aria è inquinata, lo stress è alle stelle e i prezzi sono alti: chi percepisce uno stipendio da dipendente pubblico fa fatica ad arrivare alla fine del mese».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


«Io però amo l'ordine che regna in questa regione – ribatte il 44enne Giuseppe, anche lui nel capoluogo meneghino -. Bari è rimasta come 18 anni fa, quando l'ho lasciata: un luogo dove vige una continua lotta per la sopravvivenza. Prendiamo come esempio la Sanità: per una visita medica si è spesso costretti ad attendere per un'intera giornata all'ospedale, senza la certezza che alla fine venga effettuata».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«E vogliamo parlare dell’efficienza dei mezzi di trasporto? – sottolinea  la 26enne Angela, milanese d'adozione -. A Bari io al lavoro arriverei sempre in ritardo per la scarsa puntualità degli autobus. Qui invece si rispetta spesso l'orario e alle fermate c'è un cartello informativo che segnala eventuali tempi d'attesa. Per non parlare della metro: ne passa una ogni tre minuti e ti porta in ogni angolo della città, anche in periferia».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

E c’è chi è così entusiasta della nuova vita da cambiare anche il proprio modo di parlare. Uno di questi "traditori" è il 32enne Aldo, da tre anni all'ombra della Madonnina. «Capita di usare termini diversi, più usati da queste parti - precisa il ragazzo -. Per esempio al bar chiedo una "brioche" e non più un "cornetto" come facevo a casa. Ma è solo una questione di abitudini: è come quando vai in uno stato estero e ne assimili la lingua straniera».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

La diatriba riguarda anche l'aspetto culturale. «A Milano puoi fare qualsiasi attività e ci sono eventi ogni giorno – afferma Roberto -. Insomma non ci si annoia mai». «E' una città di respiro internazionale - continua la 43enne "barese-lombarda" Mariella- ed è a un tiro di schioppo dal mondo». «Sotto questo aspetto è un posto a dir poco stimolante - ammette Matteo - ma io che amo la poesia ho trovato grosse difficoltà a inserirmi nei circoli letterari: sono elitari e chiusi alle persone comuni, cosa che non ho riscontrato a Bari».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Insomma da una parte c’è chi esalta il lavoro, l’efficienza dei trasporti e le attività culturali del Nord, dall’altra c’è chi rimpiange il clima, il basso costo della vita e la quotidianità meno stressante del Sud.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

C’è però una cosa su cui tutti gli emigrati baresi sono d’accordo: la qualità del cibo. «Frutta e verdura non hanno lo stesso gusto di quando le compri dal contadino vicino casa - asserisce Matteo – qui del resto la spesa la puoi fare solo al supermercato». «Inutile girarci intorno - conclude Mariella - in Puglia tutto ha un altro sapore».

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Alessia Schiavone
Scritto da
martedì 9 ottobre 2018
Lascia un commento
  • enzo - concordo con quanto elegantemente scritto dall'articolista.
  • 

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Via Fiume 18/20
70127 Bari (BA) - Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved