di Ilaria Palumbo

A Monopoli c'è una spiaggia segreta: è nascosta nella grotta "dei due ingressi"
MONOPOLI – Una spiaggia “segreta” fatta di sabbia sottile che si bagna in un mare azzurro. Quella di cui stiamo parlando è una perla nascosta a Monopoli sud, lì dove, tra le tante calette che costellano il litorale, si trova una grotta chiamata “dei due ingressi”.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Si tratta di una cavità naturale le cui due aperture sono ostruite da grossi massi: rocce che celano alla vista un vero paradiso terrestre. Sì perché, se si ha l’ardire di arrampicarsi e superare i suddetti macigni, ci si ritrova in un attimo immersi in una grande caverna che svela un arenile immacolato: una sorta di spiaggia “al coperto” dalla bellezza selvaggia e dall’atmosfera romantica.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Siamo andati a visitarla (vedi foto galleria).Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Per raggiungerla imbocchiamo via Procaccia, la strada che partendo dal centro storico di Monopoli fiancheggia poi tutto il litorale. Superata la sala ricevimenti Copacabana, scorgiamo accanto a una villa rossa una stradina che ci permette di raggiungere la costa. A quel punto ci basta percorrere duecento metri in direzione sud per scorgere un’insenatura rocciosa: la cosiddetta “Cala Cerasa”.

Sul costone destro vediamo aprirsi i due “ingressi” che caratterizzano la nostra grotta. Il primo però è inaccessibile, completamente invaso dal mare. Decidiamo di entrare dal secondo, calandoci da sopra e usando i vari massi come “scala”.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Con non poca difficoltà, abbassando la testa, riusciamo così a inoltrarci nell’antro sotterraneo. E una volta alzati gli occhi ci ritroviamo davanti a un ambiente che si rivela in tutta la sua bellezza e unicità.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Il rifugio, avvolto nella semioscurità, ospita infatti una spiaggia fatta di sabbia fine molto chiara, circondata da rocce cesellate, scavate dalla forza delle onde nel corso del tempo. Attorno a noi le pareti dolcemente ondulate sono completamente ricoperte da muschio, che colora la pietra calcarea di una patina verde opaco, rendendo l’ambiente ancora più selvaggio e “primordiale”.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Raggiungiamo l’arenile, sedendoci accanto a un tronco piantato nella sabbia da qualcuno che ha visitato la grotta prima di noi. Ammiriamo così l’acqua azzurra e cristallina che lambisce con piccole e soavi onde la spiaggia. E mentre siamo immersi nel silenzio, al riparo dal vento, illuminati solo dalla fioca luce che entra da uno dei due ingressi, ci sembra di essere stati catapultati in qualche film ambientato in posti lontani ed esotici.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Una “piscina naturale” che non possiamo lasciare senza prima immergerci nelle sue acque, assaporando così fino in fondo il fascino di un luogo intimo e ignoto.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica di Antonio Caradonna)

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Ilaria Palumbo
Scritto da
mercoledì 3 ottobre 2018
Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Via Fiume 18/20
70127 Bari (BA) - Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved