di Luca Carofiglio

Una casa al posto dell'asilo: è la "madre di giorno". «I bimbi così sono più protetti»
BARI – «Inseriamo il bimbo in un ambiente protetto, dove entrando in contatto con un gruppo ristretto di coetanei può sviluppare appieno le proprie potenzialità». Parole della 35enne spagnola Marièn Encarnaciòn, che da settembre scorso ha portato a Bari il progetto “madre di giorno”. Si tratta di un’alternativa al nido o all’asilo primavera: prevede che piccoli fino ai 3 anni di età siano ospitati non in una struttura, ma in una vera e propria casa, con tanto di cucina, salotto e veranda. (Vedi foto galleria)

L’appartamento si trova nel rione Madonnella, lì dove ogni giorno da lunedì al venerdì cinque bambini giocano, disegnano, leggono, ballano e pranzano. «Come in un normale asilo – spiega Angela, mamma di Giovanni - solo che svolgono queste attività  in un ambiente famigliare e intimo. In questo modo, anche grazie al numero limitato di partecipanti, noi genitori abbiamo la speranza che ai nostri figli venga prestata un’attenzione maggiore rispetto a una scuola tradizionale».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Una cura che viene pagata, visto che il costo mensile della “madre di giorno” ammonta a 270 euro, quanto un buon nido privato. L’educatrice del resto afferma di essersi specializzata nell’ambito dello sviluppo e del linguaggio dei gesti collaborando in passato con alcune scuole su progetti di danza e teatro.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Non si tratta comunque di un modello “nuovo”. Il progetto (dal nome originario tedesco di Tagesmutter), è nato infatti negli anni 60 nell’Europa del Nord e si è diffuso in Italia alla fine degli anni 90, anche se soprattutto nelle regioni settentrionali. Al Sud questa figura è riconosciuta solo in Basilicata e in Sicilia. «In Puglia invece non c’è ancora una legge che regolamenti la nostra attività – afferma Marièn -. Per ora ci stiamo appoggiando all’associazione palermitana “Casa dei bimbi”, che ha permesso il tesseramento dei genitori, garantendo loro di assicurare i propri pargoli».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Siamo dunque andati a trovare la “madre di giorno” e i suoi ospiti: si tratta di Alessandro, Sara, Riccardo, Giovanni e Nagore. Quest’ultima è la figlia di Marièn, che tra l’altro è in attesa di un altro bambino che nascerà a settembre.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Ad accoglierci ci sono la mamma spagnola e la sua collega Erika, che le dà una mano: ci accompagnano a visitare la casa.  

La stanza principale è il salone, con la zona centrale libera e tutt’intorno al perimetro pupazzi,  bambole, libri e l’“angolo divani” dove i piccoli possono spaparanzarsi e saltare. «Abbiamo giochi di tutti i tipi - chiarisce l’educatrice -, perché noi non siamo né montessorianisteineriani: semplicemente facciamo un mix tra vari modelli».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Su una parete si trova la raffigurazione di un albero colorato di blu con le foto appese dei genitori, mentre sul balcone sono disposte numerose piante. «Ognuno dei bimbi ne ha portata una – dice l’insegnante – e ogni mattina se ne devono prendere cura».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Poi c’è il bagno a misura di bambino e la veranda, per svagarsi tra lavatrici e panni appesi. Infine la cucina, che visiteremo quando il pranzo sarà in tavola.  

Ritorniamo ora nella stanza principale: ci sono Alessandro e Sara intenti a giocare con un’enorme palla, mentre Nagore è incerta su quale pupazzo scegliere.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

A un certo punto Alessandro comincia a piangere dopo essersi scontrato con uno dei suoi compagni. Osserviamo Marièn avvicinarsi e rimaniamo sorpresi quando la ascoltiamo parlare in spagnolo per consolarlo. «Quella di comunicare in una lingua straniera è stata una esplicita richiesta delle famiglie», ci spiega la donna.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Poi in un attimo parte la musica e ci si diverte ballando al ritmo del “ballo del qua qua”, di “veo veo” e “chu chu ua”. C’è Sara che danza trascinando un trolley e Riccardo che si ferma davanti a noi per guardarci. E infine dopo qualche minuto eccoli tutti seduti davanti a Marièn che comincia a leggere un libro illustrato.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ma è ora di fare la pappa e i piccoli si ritrovano con i loro seggioloni attorno a un tavolo rotondo, nella cucina della loro casa, quella “alternativa”.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica)

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Luca Carofiglio
Scritto da
martedì 12 giugno 2018
Lascia un commento
  • Giuseppina - Tutto lavoro nero?
  • 

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Via Fiume 18/20
70127 Bari (BA) - Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved