di Diana Carolina Porras

Abbandono, topi e nostalgia: viaggio nel centenario e lugubre ex asilo di Bitetto
BITETTO - Una gloriosa scuola dell'infanzia in preda al degrado, tra stanze spettrali e topi che invadono anche i palazzi circostanti. É il lugubre scenario dello storico ex asilo di Bitetto, a sud-ovest di Bari, costruito nel 1914 e chiuso da più di cinquant’anni: la sua riapertura sembra ormai un miraggio, bloccata in un mare di beghe burocratiche tra Comune e Opera pia Santissimo Sacramento, proprietaria della struttura.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

L'edificio sorge al civico 28 di via Guglielmo Marconi, a pochi passi dalla città vecchia e si sviluppa su due livelli. «Lì dentro ci si divertiva un mondo - ricorda Marta, 60enne che frequentò l'istituto poco prima che venisse abbandonato -. C'erano due classi molto capienti, alberi di mele e pere nei giardini e una fontanella centrale dove ci dissetavamo tra un gioco e l'altro. Una grande stufa ci riscaldava nei mesi più freddi ed era attiva una mensa per sfamare i bambini».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Quello stabile - spiega Rosamaria, altra "reduce" della scuola - era un vero e proprio gioiello. Oggi invece è la vergogna di Bitetto: pieno di cani randagi, luogo di ritrovo per tossicodipendenti e posto talmente sporco da favorire la proliferazione di topi. Per difendersi dai ratti chi abita nei paraggi è ormai costretto a vivere con dei gatti in casa».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Una situazione che almeno a breve difficilmente si sbloccherà. Come racconta Onofrio Damone, ex vicesindaco del paese, le modalità di riutilizzo della costruzione sono oggetto di un estenuante braccio di ferro tra Comune e Opera pia che dura dal lontano 1987: l'idea più gettonata è trasformarla in una casa di riposo, ma per ora non c'è nulla di concreto.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

In attesa di buone notizie, abbiamo quindi visitato l'ex istituto (vedi foto galleria).

In cima alla sua facciata è inciso l'anno in cui fu eretto, mentre l'ingresso principale posto sotto di esso risulta sbarrato da una ringhiera arrugginita. Scegliamo così di usare l'accesso secondario situato in via Sterlacci, che troviamo aperto sul lato destro della struttura, ritrovandoci così in una selva di sterpaglie alte un metro che dominano il vecchio giardino.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Avanziamo a fatica verso la porta secondaria, collocata sul retro dell'asilo. La oltrepassiamo ed entriamo: ad accoglierci una serie di stanze senza porte invase da riviste strappate, pezzi di legno e altri rifiuti di ogni genere. Appoggiato a un muro un pezzo di ringhiera circondato dalla polvere, affiancato a poca distanza da quel che resta di vetusti mobili rovesciati da tempo immemore.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

In alcuni punti la luce del sole fa veramente fatica a penetrare: il buio che si viene così a creare, sommato alle tetre finestre senza vetri, "regala" scorci piuttosto inquietanti. Preferiamo quindi salire al primo piano. La rampa che utilizziamo è tutt'altro che rassicurante, visto che gran parte del corrimano è costituito da malmesse assi di legno.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Anche quassù però il degrado regna sovrano: una sequela di vani spogli, pareti luride e cavi che pendono dal soffitto sono l'inevitabile risultato di decenni di abbandono. Usciamo sul terrazzo, stupendoci di come uno stabile così deteriorato sia così vicino ai palazzi del centro cittadino.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ci affacciamo sul retro dell'asilo, rendendoci conto ancora una volta della "prepotenza" della vegetazione spontanea del giardino. Anche se proprio mentre stiamo per uscire, sentiamo dei rumori provenire dall’esterno: sono degli operai: proprio nel giorno in cui abbiamo deciso di visitare la struttura sono stati mandati qui a tagliare l’erba. Che incredibile coincidenza.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica di Antonio Caradonna)

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Diana Carolina Porras
Scritto da
martedì 5 giugno 2018
Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Via Fiume 18/20
70127 Bari (BA) - Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved