di Luca Carofiglio

Bari, i clown entrano in carcere: «Rallegriamo i bimbi in visita ai papà reclusi»
BARI – Gag divertenti, giochi con le bolle di sapone, spettacoli di magia, balletti, animazioni con le marionette. Difficile immaginare che attività ludiche del genere possano prender vita in un carcere, eppure è proprio ciò che avviene nella casa circondariale di Bari, nel quartiere Carrassi. A metterle in atto è l'associazione "Viviamo in positivo", che da novembre con i suoi clown intrattiene i bambini in visita ai parenti reclusi, alleviando l’impatto con un ambiente così "pesante".Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

L'idea è stata suggerita dalla cooperativa Marcovaldo, onlus dedita alla tutela del benessere di chi è in galera, con il benestare del Garante regionale dei diritti dei detenuti. «L'abbiamo accolta con entusiasmo - racconta la 32enne Sonia Papagna, una delle volontarie - perchè questi fanciulli, pur essendo legati a persone che stanno scontando una pena, non hanno colpe: perciò cerchiamo di "colorare" le loro difficili vite».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

I generosi pagliacci (una trentina in tutto) entrano in azione il sabato e la domenica, giorni in cui di solito i piccoli si liberano dagli impegni scolastici e vanno a trovare i loro cari dietro le sbarre. E una volta varcato l'accesso, l'obiettivo è farsi in quattro per addolcire l'esperienza in un contesto così cupo.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Il percorso per incontrare il proprio famigliare incarcerato è uguale per tutti, a prescindere dall'età - continua Sonia -. Anche i bambini quindi attraversano un lungo corridoio, vengono perquisiti ed accedono in una saletta d'attesa: è proprio in quest'ultima stanza che li aspettiamo, muniti di camice colorato e nasone rosso. Rallegrarli non è sempre facile. Si tratta dell’unico luogo in cui possono scambiare due parole con il proprio papà, ma è anche un posto cupo, vista la presenza di poliziotti, metal detector e regole ferree».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

 
D'altronde i membri dell’associazione sono ben preparati ad affrontare sfide così complicate: da anni portano il loro buonumore negli ospedali baresi, laddove con la clownterapia provano a sostenere la guarigione di tanti piccoli pazienti ricoverati.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Si tratta però di situazioni diverse - precisa Salvatore Spaltro, presidente di “Viviamo positivo” -. In particolare nel carcere ci siamo resi conto di avere a che fare con fanciulli dotati di un grande senso di responsabilità. Io li chiamo "adulti bassi": capiscono che siamo lì per farli distrarre, ma quando vengono chiamati dagli agenti per il colloquio tornano seri e lasciano magie e bolle di sapone in men che non si dica».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Rispetto all'attività nei nosocomi cambia anche la "tempistica". «I clown in corsia hanno una decina di minuti per portare un po' di gioia ai malati - incalza il presidente -. Nell'istituto penitenziario è tutto più frenetico: c'è un continuo viavai di famiglie e poco spazio per prendere confidenza. All'inizio dunque ci si deve un po' sforzare per farli avvicinare, ma col passare delle visite sono i bambini a venirci incontro sorridenti».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Spesso i pagliacci favoriscono anche la nascita di amicizie tra i giovanissimi ospiti, mentre le mamme possono contare su un ottimo supporto per distrarre i figli. «Tutto finisce regalando loro un palloncino - conclude Sonia -: un ricordo che possono portarsi nel mondo "libero"».

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Luca Carofiglio
Scritto da
giovedì 3 maggio 2018
Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Via Fiume 18/20
70127 Bari (BA) - Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved