di Pietro Marvulli

La storia di Makoto, il panettiere che ha aperto una focacceria altamurana a Tokyo
Abbiamo visto più volte come i baresi riescano a far fortuna aprendo all'estero un negozio di quei prodotti da forno tipici della propria cucina: è successo a Dubai, Valencia e Londra. Più raro è che le tradizioni gastronomiche pugliesi vengano "prese in prestito" da uno straniero ed esportate nel suo Paese di provenienza. Ma questo è proprio ciò che ha fatto Makoto Yamamoto, 42enne giapponese che dal 2013 gestisce una focacceria a Tokyo dopo un periodo di "apprendistato" effettuato in un panificio di Altamura.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

La sua è un'intuizione che parte da lontano. È il 1999 infatti quando visita per la prima volta la città murgiana, ospite di un suo connazionale sposato con una donna del posto. «In patria avevo già lavorato in diversi ristoranti - racconta via facebook Makoto in un ottimo italiano - ma i cibi altamurani rappresentavano per me una novità: così cominciai a studiarne le varie ricette, soprattutto quella legata alla lavorazione del pane».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Il primo soggiorno dura appena una settimana: troppo poco per soddisfare i suoi desideri di conoscenza. Il nipponico decide così di tornare per due volte nella "Leonessa di Puglia", dove trascorre prima tre mesi e poi un anno intero. La lunga permanenza gli permette di fare esperienza a fianco di alcuni cuochi locali fin quando incontra Angelo (nella foto con Makoto), titolare di un panificio: è lui ad assumerlo nella sua attività e a insegnargli i segreti della preparazione di focaccia e pane.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Ma l'intraprendenza dell'asiatico si esaurisce nel 2001: vinto dalla nostalgia torna infatti a casa, riponendo per un po' nel cassetto le nozioni apprese nei due anni precedenti. «In Giappone ripresi a lavorare in alcuni ristoranti italiani - prosegue Yamamoto - preparando con successo diversi piatti tipici del Mezzogiorno. Nel 2013 però mi convinsi a rispolverare gli insegnamenti acquisiti sulle Murge per aprire una negozio tutto mio».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Il luogo scelto dal panettiere per la sua nuova avventura commerciale è Shinjuku, pulsante quartiere di Tokyo colmo di grattacieli e sede della stazione ferroviaria più affollata del mondo. Le vetrine vengono presto riempite con pane, panzerotti, pizze e soprattutto focacce farcite con carciofi, funghi porcini, salsiccia e patate. Il tutto viene allestito usando semola rimacinata, lievito di birra, farina e olio extravergine.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Il nome del locale? "Focacceria Altamura di Angelo e Makoto": un semplice omaggio al suo maestro altamurano che resta comunque fuori dalla gestione del neonato esercizio. Una sfida insomma, che all'inizio però sembra tutta in salita.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Subito cominciai a vendere parecchia focaccia - sottolinea l'imprenditore - ma i clienti erano piuttosto diffidenti verso il pane di Altamura. I giapponesi infatti sono abituati a tipi di pane più morbido, come quello francese. Per convincere gli acquirenti decisi di raccontar loro volta per volta il processo di lavorazione della prelibatezza altamurana, offrendo alcuni assaggi: alla fine tutti rimasero meravigliati del suo straordinario sapore».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Oggi Makoto riesce a vendere fino a 30 chili di pane al giorno e rifornisce diversi ristoranti di Tokyo, ma non dimentica il suo insegnante d'oltreoceano. Una volta all’anno prende l'aereo e affronta un viaggio intercontinentale per riabbracciare Angelo e perchè no, anche per "estorcergli" qualche altro trucco culinario così da continuare a stupire la capitale del Sol Levante.

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Pietro Marvulli
Scritto da
mercoledì 17 maggio 2017
Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Via Fiume 18/20
70127 Bari (BA) - Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved