di Andrea Gigante

La leggenda della “malombra”, spirito maligno entrato nel vocabolario dei baresi
BARI - «Ti sei messo proprio come una malombra». Tramandatoci dalle generazioni passate, il termine “malombra” è entrato a tutti gli effetti nel vocabolario dei baresi per indicare qualcuno che vede tutto negativo e che si pone in maniera disfattista nei confronti di qualcosa. Ma qual è l’origine di questa parola?

La malombra, o “mal’umbra”, è la combinazione dell’aggettivo “malvagio” e del sostantivo “ombra”, quindi “ombra malvagia”. Fa riferimento a una antica e paurosa leggenda popolare che vede come protagonista uno spirito maligno che terrorizza chiunque incroci il suo cammino. «La malombra è uno spirito in pena che va di casa in casa facendo danni - ci spiega la 82enne barese Francesca -. Quando si viveva principalmente in campagna questa “strega” arrivava persino a rubare il bestiame e il raccolto».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Francesca parla di una “strega”, anche se sull’aspetto della malombra ci sono versioni diverse e contrastanti. «Mio zio la descriveva come una vecchietta che si vestiva in maniera stravagante – sottolinea l’anziana - una figura femminile che solo a vederla incuteva timore. Mio padre invece diceva che era una specie di mostro con i capelli fatti con le criniere dei cavalli e con le frange dei tappeti».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


La leggenda della malombra in passato era molto sentita tanto da renderla “innominabile”. La sua presenza si notava soprattutto di notte, quando arrivava in casa per spostare mobili e oggetti, producendo fastidiosi rumori e turbando così il sonno degli abitanti. «Ricordo che quando ero appena adolescente sentivo continuamente il tonfo di passi nel cuore della notte – dice la donna -. All'inizio pensavo che venissero dalla strada, finché un giorno mentre ero in cucina per fare colazione trovai dei soprammobili fuori posto. Lì capiì che in casa era entrato qualcuno. Continuai nei mesi successivi ad avvertire la sua presenza, anche se devo dire che la strega non si comportò poi così male: da ciò che sapevo poteva fare molto di peggio».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Sembra infatti cha la malombra possa decidere di accanirsi contro qualcuno tormentandolo nel sonno. Lo spirito maligno sarebbe addirittura in grado di bloccare la respirazione del malcapitato sedendosi sul suo petto.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Eppure nonostante sia così spaventoso, quasi mortale, un metodo per sbarazzarsi del demone ci sarebbe: un modo così semplice da essere divertente. A quanto pare basta mettere un sacchetto di sale o una scopa davanti alla porta di casa. Lo spirito in questo caso non riuscirà a esimersi dal contare ogni granello di sale e ogni filo di scopa e quando avrà finito non gli resterà altro che andarsene, perché a quel punto il sole sarà già sorto. «Mio padre fece proprio così – conclude Francesca -. E da quel giorno per fortuna la malombra non venne più a disturbarci».

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Scritto da
lunedì 9 gennaio 2017
Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Via Fiume 18/20
70127 Bari (BA) - Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved