di Mina Barcone

Le agenzie matrimoniali: «Tutti sognano le russe perchè sono serie, non come le italiane»
Nell’era di internet, di facebook e dei siti di incontri c’è chi si rivolge ancora alle classiche (e sempre più rare) agenzie matrimoniali per trovare la propria “anima gemella”. Si chiede cioè a professionisti del settore di farsi mettere in contatto con persone che abbiano in mente uno scopo preciso: quello di convolare a nozze.  Abbiamo parlato con la 64enne Elisabetta, che dal 1991 gestisce a Torino questo tipo di agenzia, per capire chi si rivolge a loro e come funzionano questi speciali “uffici di collocamento” per single.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Chi sono normalmente i fruitori del vostro servizio?

Uomini italiani di tutte le età alla ricerca della “persona giusta” con la quale poter creare una famiglia e donne dell’Europa dell’est che hanno un unico desiderio: trovare qualcuno con il quale sposarsi.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Insomma persiste il mito delle donne dei Paesi meno ricchi che cercano un buon partito in “Occidente”…

No, non è vero che le ragazze cercano il “tipo pieno di soldi”, anzi lo temono perché pensano che una persona ricca abbia molta più possibilità di scelta e quindi magari dopo qualche anno di matrimonio possa stancarsi e buttarsi su altre donne.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ma allora perché non cercano un “normale” marito nella propria città?

Perché in Paesi come la Russia i maschi sono pochi o meglio sono tutti concentrati in 2-3 metropoli. Gli uomini lasciano le piccole città per andare nei grandi centri urbani dove trovare lavoro è più semplice, altri addirittura vanno via, emigrano. Le donne invece rimangono a casa, da sole. Negli anni 90 con i nostri iscritti partivamo dall’Italia e andavamo nelle piccole città dell’est: nei ristoranti e nelle discoteche trovavi solo donne. E oggi è ancora così.  

Invece gli uomini italiani non hanno questo problema: nel nostro Paese le donne sono tante. Perché decidono di sposare una donna dell’est? Immaginiamo per la loro bellezza…


Sì è per questo motivo ma non solo. E’ vero che mediamente le giovani russe, ceche o ucraine sono di bella presenza: alte, magre e bionde, ma c’è dell’altro. In Italia oggi sono poche donne "serie" che vogliono mettere su famiglia: aspirano prima di tutto all’indipendenza economica e alla propria realizzazione professionale. Mentre le ragazze dell’est hanno la stessa mentalità che avevano le italiane 30 anni fa: sognano solo di diventare spose e mamme.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

E l’uomo italiano viene considerato adatto per questo scopo?

Soprattutto l’uomo italiano. In passato abbiamo lavorato anche con tedeschi, inglesi e francesi: ebbene, le ragazze non li volevano, sognavano solo il “maschio latino”. Gli italiani hanno infatti la reputazione di essere amanti premurosi, fantasiosi e galanti, dotati di un fascino particolare a cui è difficile resistere. In più si pensa che da noi la famiglia rivesta ancora un ruolo importante: un presupposto imprescindibile per una donna che vuole sposarsi.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ma ci si sposa veramente?

Certo. A differenza dei siti d’incontri dove non sai mai veramente se la persona con cui stai interagendo sia quello che afferma di essere, con le agenzie matrimoniali viene garantito che si possa incontrare qualcuno che ha intenzioni serie. Noi non ci limitiamo a mettere online una fotografia con una scheda compilata dal cliente, ma ci assicuriamo prima di tutto dell’identità della persona facendoci inviare i suoi documenti. Così come indaghiamo sul fatto che si tratti di persone “libere” e quindi non sposate o al massimo divorziate.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Come avviene l’incontro?

Si parte in primis con uno scambio di foto e di informazioni. Se c’è interesse da ambo le parti si forniscono i contatti diretti per poter iniziare la conoscenza. Inizialmente ci si scrive mail o si parla su Skype. Laddove c’è bisogno di assistenza linguistica ci mettiamo a completa disposizione del cliente, anche se spesso le donne dell’est capiscono l’italiano. Una volta avvenuta la conoscenza ci si incontra. Di solito sono gli uomini che vanno in Russia o Ucraina, per poi portarsi la “fidanzata” in Italia, dove la coppia può convolare finalmente a nozze.

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Mina Barcone
Scritto da
giovedì 8 settembre 2016
Lascia un commento
  • anco marzio - sono curioso di vedere alcune donne.
  • 
  • Elisabetta de Carli Maruska - Complimenti alla giornalista che ha riportato fedelmente tutta l'intervista! In più di 25 anni non mi era mai capitato.. Per approfondimenti si può andare sul nostro sito www.ruska.it Ancora grazie
  • 
  • paffsharik - la donna russa e' femminadue volte...pronta a immolarsi,facile a tradir.(la Fedora)
  • 
  • Maria Marchese - Pubblicare acriticamente un'intervista razzista e sessista, zeppa di pregiudizi su Russia e Italia, non è esattamente un incentivo per frequentare il vostro corso di giornalismo, eh... Spero che quanto accaduto a Paola Perego sia un monito per chi pensa ancora di poter parlare delle donne, di qualsiasi nazionalità, in questi termini.
  • 
  • BARINEDITA - Cara Maria, abbiamo pubblicato questo articolo mesi prima della discussione nata con la trasmissione di Paola Perego e nessuno ha avuto niente da ridire. Perchè la realtà delle cose è quella di cui parla il pezzo. Se lei frequentasse il nostro corso di giornalismo capirebbe che il vero giornalista non edulcora la realtà, ma cerca di riportarla il più fedelmente possibile, anche quando è scomoda e magari squallida. Cercando anche (cosa che non ha fatto Paola Perego) di parlare delle "notizie" in maniera non sensazionalistica e "pruriginosa". Saluti
  • 
  • Nicola - Maria Marchese... Che figura di m...a che hai fatto. Purtroppo care signore italiane, avete trovato pane per i vostri denti, ma che dico a confronto siete delle ciabatte!!! Ci siamo stufati di essere trattati da zerbini, usati e lasciati per vostro capriccio, come dice la giornalista la verità fa male vero!! Altro scoop? Ve la siete creata voi, noi non andremo a cercarla all'estero se voi foste più femminili, meno volgari e più responsabili del fatto che famiglia significa unione, nel bene ehh si care, anche nel male perché ad essere felici in vacanza sono bravi tutti!!! Poi quando arriva un periodo di crisi ci lasciate, vi trovate il tromba amico e tirare fuori le scuse più assurde!!! Per non parlare del fatto che se divorziate, perché tutti gli amici che hanno divorziato, è stato perché voi DONNE ITALIANE avete chiesto il divorzio per motivi che non esistono, ci spellate vivi e non vi frega nulla dei bei periodi passati assieme, delle risate fatte con amici delle carezze date e fatte al vostro"amato" del momento, no, esiste solo l'ultima litigata, ma come fate a trattarci così di merda??? Ce lo spiegate dove trovare il coraggio? Nemmeno una bestia viene trattata così. E ALLORA se posso decidere da che morte morire.... Allora preferisco morire dalla mano di una stra figa non cessi come state diventando voi italiane e maleducate. Crescere perché L'UOMO ITALIANO È TROPPO PER LE ITALIANE !!!!
  • 
  • mario - 92 minuti di applausi per Nicola
  • 

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Via Fiume 18/20
70127 Bari (BA) - Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved