di Nicola Imperiale

Spinazzola, quel posto che sembra un canyon del far west: è la cava rossa di bauxite
SPINAZZOLA – Alte pareti di roccia, profondi canyon e soprattutto un terreno rosso che sembra arrivare dalla Monument Valley americana. Quello di cui stiamo parlando non è un paesaggio da “far west”, ma un sito che si trova all’interno del Parco nazionale dell’Alta Murgia, nel territorio di Spinazzola: è la cava di bauxite. (Vedi foto galleria)

Si tratta di un giacimento scoperto nel 1935 e sfruttato dall’inizio degli anni 50 alla fine dei 70, fin quando con il sopraggiungere di prodotti di provenienza straniera l’estrazione di questo minerale utile alla creazione di alluminio cessò.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.
La miniera rimase così in disuso e fu abbandonata a se stessa.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Un peccato – afferma il geologo Antonello Fiore -. Quel luogo è a tutti gli effetti un “geosito”, ovvero un bene di pregio scientifico e ambientale che andrebbe conosciuto, tutelato e valorizzato». 

Per raggiungerlo da Spinazzola percorriamo la provinciale 230 per dieci chilometri e poi svoltiamo sulla sp138. Dopo 2,5 km, all’altezza di un cartello scolorito dal sole con su scritto “Parco nazionale dell’Alta Murgia”, giriamo a destra su una strada sterrata, in località Senarico. Continuiamo per circa tre km entrando di fatto in piena campagna e alla fine della strada ci ritroviamo in uno spiazzo di terreno rosso: siamo arrivati.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

La zona in cui ci troviamo viene chiamata “Murgetta rossa” dal colore che domina tutto l’ambiente circostante. Sulla sinistra scorgiamo dei ruderi: probabilmente ciò che rimane della S.a.v.a., la società che deteneva i diritti dello sfruttamento del sito. Dietro alla struttura si aprono invece alcune bocche del canyon in cui è impossibile accedere.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Ci basta però percorrere qualche metro per ammirare finalmente la cava principale, dall’alto. Il paesaggio è ipnotico: le pareti rosse, valorizzate dal verde della vegetazione e arricchite dall’azzurro del cielo, ci trasportano in un mondo visivamente inedito, dominato da un’incantevole armonia cromatica.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Al centro del sito, fra rocce calcaree alte una cinquantina di metri, si trova anche un piccolo stagno. Decidiamo di raggiungerlo, percorrendo un ripido sentiero che passa attraverso la miniera. Giungiamo così nel cuore della cava, circondati da pareti le cui sfumature cromatiche vanno dal rosa al rosso granata.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Sul terreno brullo ci sono alcune lucertole che fuggono al nostro passaggio, mentre intorno a noi svolazzano liberamente libellule e farfalle. Siamo in un luogo incantato e strabuzziamo gli occhi quando davanti a noi vediamo due vere carrozze da diligenza, come quelle usate nel selvaggio west.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Per un attimo pensiamo di essere stati trasportati nel passato e in una terra lontana, ma a farci tornare con i piedi per terra è un operaio: ci avverte che quei carri sono lì perché nei prossimi giorni in questa cava gireranno un film.  Ma non rimaniamo sorpresi: del resto cosa c’è di meglio per un western che questo incredibile canyon sperduto nel profondo della Puglia?

(Vedi galleria fotografica)

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Nicola Imperiale
Scritto da
giovedì 21 giugno 2018
Lascia un commento
  • Angelo - Ottima descrizione, puntuale, breve e "circoincisa"! Come la cava nella quale si può anche accedere.
  • 

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Via Fiume 18/20
70127 Bari (BA) - Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved