di Luca Carofiglio

Chiesa, castello, masseria e villa: a due passi da Bariblu c’è l’ex tenuta De Filippis
TRIGGIANO – Li si nota andando a Bariblu, il centro commerciale che si trova fra Triggiano e San Giorgio: sul cavalcavia che porta all’ipermercato basta guardarsi sulla destra per intravedere immersi tra la natura della vicina lama, una serie di edifici abbandonati ma particolari. Si tratta di ciò che resta della tenuta De Filippis, una villa antica di fine 800/inizio 900 la cui proprietà si estende su 34mila metri quadrati. (Vedi foto galleria)

L’edificio principale, abbandonato per decenni, è stato ristrutturato nel 1994 al fine di ospitare un centro di recupero per tossicodipendenti. La villa è stata praticamente ricostruita e a parte la forma non conserva nulla di “antico”. Si presenta ora con un color rosso acceso che predomina sugli infissi verdi e le decorazioni bianche.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Accanto però alla comunità, all’ombra di altissimi pini marittimi, sorge una specie di piccolo “castello”, quella che probabilmente doveva essere la piccionaia della tenuta. Sembra un castello perché oltre alle decorazioni “merlate” della facciata presenta sul tetto alcuni pilastrini verticali che paiono delle piccole torri.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

All’interno ci sono due ambienti che testimoniano però l’abbandono della struttura. I muri sono pieni di scritte, il pavimento è ricoperto di rifiuti e per terra si trovano alcune lastre con su inciso il nome del vecchio proprietario: De Filippis. In un angolo è persino presente un vecchio materasso a rete in pessimo stato: segno che qui qualcuno ci ha passato una o più notti.  Attraverso una fessura è possibile scorgere in lontananza il moderno edificio di Bariblu e un'altra struttura appartenente alla tenuta: la chiesetta color rosa.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


La chiesa è immersa nella vegetazione, circondata da ulivi e mandorli e conserva nonostante l’abbandono una certa grazia. Costruita in mattoni presenta sulla facciata un timpano triangolare e una circonferenza che lascia pensare che lì un tempo ci sia stato un rosone. Anche qui però è la desolazione a regnare. Sul pavimento c’è di tutto, dalle bottiglie dell’acqua ai cartoni del latte e le pareti riportano “dediche d’amore”.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Usciamo quindi dalla chiesa per andare incontro all’ultima costruzione della tenuta: la stalla. Si tratta di un edificio che pare una piccola masseria fatta di mattoni bianchi e invasa dalla vegetazione. Facendoci largo tra le piante entriamo e ci ritroviamo in un ambiente illuminato dai raggi del sole che filtrando da una finestra coperta dagli arbusti creano un interessante gioco di colori.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Anche qui ci sono rifiuti ovunque (tra cui un mattone con inciso il nome dei De Filippis), anche se la presenza di scope quasi nuove e due materassi ricoperti da cuscini, coperte e maglioni ci fanno capire come qualcuno dentro ci abiti. Nel “cortile” una fila di mangiatoie conferma la destinazione dell’immobile a stalla e una scala permette l’accesso al terrazzo dominato per terra da tegole rosse, vegetazione spontanea e travi di legno.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Non ci resta quindi che lasciare questa “tenuta” abbandonata. Sembra che la proprietà sia stata divisa tra una signora che risiede a Valenzano e due fratelli che oggi vivono in America. A detta di molti i due vorrebbero vendere la loro parte per 300mila euro. Non sappiamo se ci potrà mai essere qualcuno interessato a rimettere in piedi queste “rovine”, che però ancora oggi, così immerse nella natura e così isolate, mantengono un evidente fascino che sa di “antico”. 

(Vedi galleria fotografica di Antonio Caradonna)

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Luca Carofiglio
Scritto da
venerdì 17 febbraio 2017
Lascia un commento
  • Illuso - Tante cose si potrebbero fare giù nel meridione, anche sé sono disseminate le cose interessanti....non siamo capaci di dar valore " a differenza di altre regioni piú a nord" alle cose che abbiamo. Non dimentichiamo " per fare un esempio" che si é dato modo a bari " piazza della stazione" di abbattere un edificio d' epoca, per fare posto ad uno che ha deturpato quanto di bello avevamo. Purtroppo non abbiamo gusto, siamo amanti solo del dannato Denaro.
  • 

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Via Fiume 18/20
70127 Bari (BA) - Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved