di Salvatore Schirone

''Bari Ignota'': ecco la nuova edizione della raccolta di articoli di Armando Perotti
BARI - “Ciò che è noto è sconosciuto”. Il celebre aforisma di Hegel calza perfettamente per Bari dove, come ricorda un celebre detto popolare, a ignorare le cose della propria città non sono i forestieri, ma proprio i baresi. E si tratta di un vizio vecchio oltre un secolo se già lo storico e giornalista Armando Perotti (1865-1924), dopo aver dedicato diversi articoli al capoluogo pugliese, nel 1907 decise a perpetua memoria di raccoglierli in un libro con il significativo titolo di “Bari ignota”.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Oggi dieci di questi pezzi sono rieditati e riproposti al lettore. Pescando in quella miniera di curiosità e documenti di storia locale che Perotti dedicò alla sua città, l’editore Luigi Bramato ha selezionato gli articoli più significativi, arricchendoli con prefazioni di alcuni illustri studiosi.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

C’è quello che illustra l’origine del nome “Bari”, quello dedicato al leggendario “viaggio di San Nicola” e alcuni articoli che parlano del travagliato rapporto della città con il suo mare: “Il porto vecchio” e “Bari e la Serenissima”. E poi ancora pezzi che trattano il teatro barese, il musicista Niccolò Piccinni, le piazze e le strade di Bari, il Castello, il primo libro a stampa e il primo quotidiano.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Benedetto Croce giudicò gli articoli “esatti nella erudizione e storicamente intelligenti”. Ma quello che ancora stupisce e affascina, oltre alla competenza storica e documentale, è la modernità, la leggerezza e l’eleganza del suo linguaggio giornalistico. A leggerli oggi sembra quasi di sentire la voce diretta di un Perotti che ci descrive una strada di Bari vecchia, ci indica l’orizzonte del mare o con fermezza denuncia le trascuratezze e gli scempi architettonici compiuti sul porto vecchio o nel borgo nuovo.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Perotti diceva di volersi rivolgere al “quel signor Tutti, il quale se, come dicono, ha più spirito del signor Voltaire, deve confessare che gli antichi fatti di casa sua lo hanno sinora molto mediocremente interessato”. E noi con lui oggi continuiamo a sperare che questa volta la rilettura della sua “Bari Ignota” possa suscitare interesse e curiosità per una città ancora tutta da scoprire e raccontare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Salvatore Schirone
Scritto da
venerdì 15 dicembre 2017
Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Via Fiume 18/20
70127 Bari (BA) - Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved